La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 22 ottobre 2009

I PIEDISTALLI D'O SCARPARO

L' amico Gaetano Barbella ha commentato il mio ''Un uomo da pausa'' con questa poesia in napoletano

I PIEDISTALLI D'O SCARPARO

E vvote me fermo
pe' 'nu mumento,
passanno a nnanz'
a nu scarpar' vicino casa.
Sbircio e veg' tante scarpe,
scarpin' scarpette, stival',
ammuntunate a ccà e allà.
E po' vego, cchiù a llà,
'nu viecchie che 'nchiove
'na suletta, e dopp' u tacco
de 'na scarpa 'nu poco vecchia.
'O guardo 'ncantato e vego
che ogni tant' se fissa,
guardanno 'nu pare e scarpe
'llà vicino. Quasi 'o sentesse
'e parlà cu lloro.
Quasi sentess' che stanno
a parlà de' fatti de' piedi
e d'o riesto dell'omme
de chelli scarpe.
'O scarparo pare pure che ride
'e vvote, fra la martellata e n'ate.
Dico je, dint'o pensiero mio,
guarda llà chillu viecchie
comm'è felice, e senza
penzà tanto, passa 'a jurnata!
E dico dint’ a mmè:
Se chelli scarpe songe
come a 'nu piedistallo de marmo,
mettesse o scarparo llà 'ncoppe,
comme a 'nu monumento,
e non chill'omme!

I PIEDISTALLI DEL CALZOLAIO

A volte mi fermo
per un momento,
passando davanti
a un calzolaio vicino casa.
Sbircio e vedo tante scarpe,
scarpine, scarpette, stivali,
ammucchiati qua e là.
E poi vedo, più in là,
un vecchio che inchioda
una soletta, e dopo il tacco
di una scarpa un po' vecchia.
Lo guardo incantato e vedo
che ogni tanto si fissa,
guardando un paio di scarpe
là vicino. Quasi lo sentissi
di parlare con loro.
Quasi sentissi che stanno
a parlare dei fatti dei piedi
e del resto dell'uomo
di quelle scarpe.
Il calzolaio sembra pure che ride
a volte, fra la martellata e un'altra.
Dico io, dentro il pensiero mio,
guarda là quel vecchio
com'è felice, e senza
pensare tanto, passa la giornata!
E dico dentro di me:
Se quelle scarpe sono
come a un piedistallo di marmo,
metterei il calzolaio là sopra,
come a un monumento,
e non quell'uomo!


da Carosello una gustosa scenetta

martedì 20 ottobre 2009

Un uomo da pausa


Un uomo da pausa

Io sono e mi sento piu' un uomo da pausa, piuttosto che da arrivo.

Considero il piedistallo di un monumento il traguardo da raggiungere, la cima, la vetta da conquistare.

Ho imparato qualcosa solo nelle pause.

Perche' io che sono un uomo da pausa, piuttosto che da arrivo, perche' io che sono un teorico dell' azione debole, perche' da qualche tempo ...

... vivo un giorno in avanti?

sabato 17 ottobre 2009

SONET A LA MEVA ILLA (Sonetto alla mia Isola) e SOBRE LES ALES DELS PENSAMENTS (Sulle ali dei pensieri) di Cinzia Paolucci

Due poesie di Cinzia Paolucci

Sonet a la meva illa


SONET A LA MEVA ILLA

Un jardí preciós la meva illa
la quietud i el perfum selvatge
d’un entorn tancat que brilla
un sol que pinta d’or el paisatge.

Memòries d’antiga gent gronxades
en el vent de maestral com un estel
que no siguin oblidades
i per sempre reflectides al mirall del cel.

Dins el cor d’aquesta serra
ploren padres de soledat
la veu de boca de la terra
desperta l’intima veu de llibertat.

Miro amb respecte aquest encant
el seu cos generós d’herba blonda
amb l’ull curiós d’un enfant
llum d’esperança dins la calma de l’onda.



SONETTO ALLA MIA ISOLA


( la traduzione purtroppo non rispetta la rima)

Un giardino prezioso la mia isola
la quiete e il profumo selvaggio
d’un intorno che brilla
un sole che dipinge d’oro il paesaggio.

Memorie d’antica gente dondolate
nel vento di maestrale come un aquilone
che non siano mai dimenticate
e per sempre riflesse nello specchio del cielo.

Nel cuore di questa catena di monti
piangono pietre di solitudine
la voce di bocca della terra
risveglia l’intima voce di libertà.

Guardo con rispetto questo incanto
il suo corpo generoso d’erba bionda
con l’occhio curioso di un bimbo
luce di speranza nella calma dell’onda.

Mencio' d'honor al premi de poesia sarda Sedilo duemizaenoe

Chiesa di S. Antonio SEDILO

SOBRE LES ALES DELS PENSAMENTS

He vist els meus pensaments erigir-se en vol

sobre distensions d'azur i xafogor...

el meu cor ara és més blanc i lleuger.

Gavines gallardes com somnis d'estiu

juguen dins el blau dels meus ulls...

Dins els reflexos del sol hi ha el tresor de la vida

que rellisca preciosa sobre la meva pell...

Dins l'argent de la lluna hi ha la passio'

que rellisca preciosa en la paraula...

He vist les meves paraules erigir-se en vol

sobre distensions d'azur i xafogor

i replegar les ales dins el bressol de la nit.





SULLE ALI DEI PENSIERI



Ho visto i miei pensieri ergersi in volo

su distese d'azzurro e afa...

il mio cuore ora è più bianco e leggero.

Gabbiani leggiadri come sogni d'estate

giocano nel blu dei miei occhi...

Nei riflessi del sole c'è il tesoro della vita

che scivola preziosa sulla mia pelle.

Nell'argento della luna c'è la passione

che scivola preziosa nella parola...

Ho visto le mie parole ergersi in volo

su distese d'azzurro e afa

e ripiegare le ali nella culla della notte.

giovedì 15 ottobre 2009

Cagliari festivalScienza 2009

Cagliari festivalScienza 2009

La Scienza: occhiali per vedere il mondo

La seconda edizione del Cagliari FestivalScienza si terrà a Cagliari dal 5 al 12 novembre 2009.

L’intento del Festival è quello di trasferire in tutti, ma soprattutto nei giovani, il piacere della conoscenza scientifica grazie alla varietà degli eventi in programma e alla partecipazione attiva dei visitatori.

Le scuole potranno prenotare la visita alle mostre e ai laboratori a partire dal 1 ottobre 2009 telefonando al numero 3493384471 (ore 9-19)

copertina

mercoledì 14 ottobre 2009

turmgedichte

cortronico astratto di Tonino Casula, fatto nel dicembre 2007. La musica è di Roberto Zanata, la voce è della soprano A. Ilic, il flauto di S. Krstajic.


sabato 10 ottobre 2009

TRACTATUS DE CELLULARIBUS (De Telephoniae Mobilis utilitate aut damno) (1998) di Ludovica De Nava



TRACTATUS
DE CELLULARIBUS
(De Telephoniae Mobilis utilitate aut damno)
(1998)


Ludovica de Nava


De Telephoninorum exordiis et cetera.



Erat una volta Telephonum fixum ad parietem cum manuvella. Tantae cosae erant cum manuvella: automobiles, grammophoni, carillones, organecti varii. Postea telephonum migravit de pariete et se misit supra mobiles. Nigrum, monoliticum, bachelite constructum, tronegiante super tabulo vel scriptorio vel tabulino da nocte, cum sportello et pitale de subto. Trillabat per tota casa et gente currebat et etiamdiu scivolabat cum grande strepito (Cribbius!!! Accidentes!!! Porcus canis!!!) supra tapeto bono et cadendo rovinabat cum tazzas et bichieres.
Postea Telephonum figliavit: In ogni stanza casae erat apparecchium coloris differentis. Filius volebat telephonum coloris squadrae sui cordis, filia volebat Barbies telephonum, mater volebat candidum, pater nigrum, toti cum differente sonu. Erat casinus magnus.
Non datum est sapere precisa mente quando sunt nati Wolkien –Tolkien, pro politia seu carabinieres seu bambinos qui fingebant esse politia seu carabinieres vel esse mafiosos et banditos. Istum fuit alterum precipuum passum versum telephoniam mobilem.
Postea geniali inventores se chiederent: Perquè non facere telephonos senza philos pro portare secum in giardino seu terrazza vel pro facere giro externo casae?
Et se andare in piscina, vel ad bar pro caffè bibere?
Et fit telephonus cellularius.
Primi cellulariorum utentes coacti seu burini cum multa pecunia fuerunt. Isti homines, et ancho mulieres, faciebant mostram de usare cellulares, et spesso non usare. Tenere spentos, attaccatos ad auriculas, et parlare. Hoc facere in auto, in strata, in publicis localibus, semper ubi multa gente potebat vedere.Si non tenebant spentos,accadebat factum singularem: faciebant mostram de telephonare pro impressionare spectatores, et cellularium sonabat cum magno scuorno. Coacti plus fortunati potebant comptare super muliere pro esse clamati: mulier clamabat et issi dicebant: “Cala pastam, mox venio.” Ad illo tempore alchuni, specie medici, utebant teledrinum. Hoc apparecchium permettebat sapere qui erat scocciatorem que clamabat et valutare si respondere aut no. Multi laboratores pensaverunt esse bonum teledrinum, but se accorgerunt non esse commodum, infacti quomodocumque imponebat clamare qui habebat clamato, sic erat multo expensivo et pauco practico.
In principio, cellularius erat “moda”. Postea fuit conformismus. Hoc die est triumphum relationum tentacularum cum parentibus amicisque. Hoc accidit specie in Italia. In Anglia et Germania homines abhorrent relationes tentaculares.
Pauco ad pauco tucti fuerunt de acordo: telephoninus est necessarius, indispensabilis, comut vernicem novam su machina, vel comut frigoriferum vel televisorem in annis 50-60: pro melius dicere: est status symbolum, et se tua intentio est meliorare tuum tenorem de vita, compra telephoninum, et novas gentes te clamerant et havrai plus clientes. Si tu per exemplum es idraulicus et te chiedent numerum cellularii tui, et si dices “Non habeo” dicunt “Ah, sorryem, cercabam unum idraulicum cum cellulario, est plus commodum…” non est importantem infacti laborare bene, est plus importantem laborare cum cellulario pro esse reperibilem semper.
Bollettae cellulariorum semper altae fuerunt. Sed coacti studiarunt formulae laesing et alias diavolerias pro pagare bollettas altissimas et non renunciare ad telephoninos. Aliqui strangulaverunt nonnos pro habenda ereditate, aliqui prostituerunt matres, aliqui venderunt filios, aliqui, necessitate constricti, venderunt partes propri corporis, seu organi varii, pro bollettas pagandas.
Quando Sip se cangiavit in Telecom advenit Revolutionem. Utentia telephoniae mobilis erat plus exigentem, scafatam, et tucte telephonatae family se cumulabant post ventesima ora et media, vel quando quomodocumque minus costabant.
Non solum Telecom, que usque ad allora habebat monopolium, sed Olivetti quoque, produxit cellularios et se misit in concorrentiam cum Telecom. Utentes hora habebant de que scegliere comut se facere fregare, et da qui. Omnitel proponebat novos contractos et copribat alteras partes de territorio. Telecom se rinnovabat pro sustenenda concurrentia et, concorde cum Omnitel, malandrina quoque illa, studiabat novum metodum ad fregandum proximum suum: idest schedas, ricaricas et novas fascias orarias secundum contractum stabilitas. Schedas eliminaverunt bollettas, but novos contractos plus expensivos erant.
Utentes non batterunt cilios, accettarunt contentos et cojones novas regulas, et cercarunt quomodo fregare Telecom et Omnitel, sed invano: quomodocumque ponetis faccendam, fregati semper sumus.
Telephonia mobilis dilagavit: omnes, anche i plus reticentes, compraverunt cellularium, dicentes se usare solum pro emergentias. Aliqui effectiva mente usabant solum in extremis, sed Omnitel accorta et malitiosa inventavit novos allettantes et captiosos contractos et studiavit fascia aranci colore idest “scegli una cittade pro chiamatas urbanas tercentos lire pro scacto habere, et cum totis telephoninis idem tercentos lire pro scacto communicare potrai”. Primo scacto vere plus expensivo est. Sexcentos lire. But dettaglius sfugit ad utentem distractum et appassionatum de novo jocactolo.
Tariffae excontatae in Italia sunt comut alimentos dieteticos in Amerika: Italiani pensitant nuocere minus, et consumant plus. Telephoninus est cordon ombelicalis cum domo (casa), cum genitoribus, cum filiis, cum canibus et felinis domesticis. Possumus ire per totum mundum, but collegatos cum familiaribus.
Aliqui pensant non potere facere a minus de telephonino mancho da mortuos, et dispongunt ultimas voluntates de modo que telephoninum restat pro aeternitatem cum essi medesimi.
Sic delirans, rex gitanorum ( idest zingarus), talis Mirceas Ceraris de Moldavia, stabilivit de esse sepultum cum computero, modem, telephono cellulario et fax pro agevulare communicationes cum suis sudditibus de al de là in al de qua. In feretro Mirceas voluit ancho generes de comphorto: cibarias et vodka.
Dicunt istum expedientem de transire al de là cum cellulario aut teledrinum esse statum de magno auxilio pro inquirentes in multis delictis pro scoprendo assassinum pasticcionem qui sepelivit victimam cum istis apparecchis.
Qualchunus pretendit de esse salvatus se medesimus de manibus sequestratorum gratias ad cellularium. Secura mente, mente. Sequestratores furbissimi non lasciant similes instrumentos in manibus victimarum.



De cellulariorum utilitate



Telephoninus est novum salvavitam: infacti si tu guidas et habes incidentem, potes subito clamare succursum. Si tu habes malorem, idem. Securitas major offret telephoninum ad feminas que se ostinant ad ire fore solas et possunt esse predas de brutos. Alchuni dicunt “Non existunt plus brutos de una volta…” ancho alchune femine dicunt, nostalgica mente, hoc. But melius uscire de nocte cum cellulario tuo, si es femina. Si accidit qualchosa de perverso, preme numerum ante memorisatum, idest collegatum cum politia vel centumtredecim, aut “Okeyum” in tastiera tui cellularii clamando numerum amici fidatissimi anticipata mente memorisatum. Brutus non se accorget et politia potest eum capturare cum manibus in …saccho vel in qualunque altera parte sunt ad momento capturae. Arma anti stuprum optima est cellularium, quasi comut vestimentum que appellatum est “jeans”. Si tu non crederes, chiedes ad judicibus eruditissimi et peritissimi, Cassationis Penalis, qui ideaverunt businessum magnum brevectando et ponendo in comercium pantalones jeans cum cellulario allegato, et tu femina es in ferrea butti si vade per strata sic conchata. Alterum modellum ideavit Marchisius Coccapanus: jeans cum centuria castitatis annexa, but altera cosa est, peximi gusti, et non interest nobis, infacti est privum de cellulario.
Feminae plus rusticae et sbrigativae asseriscunt que magna est utilitate de cellulario maximo, idest modello TACS senior antediluvianus, qui potest esse usatus comut arma vera et propria aut impropria, si scagliatus contra brutum. Non est necessarium digitare niunum numerum ni okeyum pro facere hoc.
In summa, arma impropria aut vera et propria, cellularium semper utile est et indispensabile ad personalis difesam speciale mente feminarum.
Secura mente. Augh.




De cellulariorum damno


Damnum majore difficile est demostrando. Alchuni indovini dicunt in futurum nostre cellulae cerebrales sarant coctae comut in phorno microondibus fonctionante, gratie ad GSM. Indovini portant anchora secum telephoninos antediluvianos, TACS nominatos, grandes et pauco maneggevoles but tale volta utiles ( vide antea: comut arma anti stuprum).
Tucti, ancho fessi, sapent que telephoninus non potest esse portatus si habes valvolas artificiales et si debes facere terapiam in camera iperbarica. In aereo tucti telephonini debent esse spenti, pro non interferire cum apparecchiaturas de bordo. Sunt casi de conclamato catastrophico damno cum morte et etiamdiu strage si non obtemperas. Non est casus de obliare hoc aut de jocare cum pelle proximi tui.
Cellularii sine “viva voce” provocaverunt multos incidentes stradales. Articulus 173 Codicis Stradalis vietat usum cellulariorum si tu guidas automobilem. Sanctio est usque ad 250.000 lire, semper melius que incidentem habere.
De cellulario utendo in vehiculo sovente discussiones animatas sunt: in autostrata vel supra Raccordum Anularem et alias vias veloces est melius non utere cellulario, but stare cum cellulario spento.
Mea amica credit inquinamentum magneticum de cellulario in vehiculo esse plus periculoso, pro que “magnetismus rimbalzat et infilzat occupantes plus et plus volte”. Et mea amica tenet finestrinum apertum. Mea amica pensat magnetismus escit de finestrino.
Magna est differentia inter magnetismus et meteorismus:
Magnetismus non est scure….ehm ….flatulentia : est furbissimus et se movet motu circulari. Mea amica est minus furbissima et ignorat quod est “unda magnetica”.
Si tu vadis in barca, non ponere cellularium prope bussolam. Agum potest deviare. Maritus meae amicae scomparsit per quinque annos et dixit se esse perdutum in Atlanticum, culpa cellularii proximi bussolae.
Hoc facto explicat pro que mea amica pensat magnetismus esse cosa complicatissima et imprevedibilis.
Damnum difficile mente demonstrabile but quasi certissimum est causatus de magnetismus in atmosphera pro antennis telephoniae mobilis: damnum minimum est incazzatura perpetua humanitatis, maximum est cancrum.
Compagniae telephonichae incoraggiant qui facit ponere antennas supra sua casa, cum multa pecunia elargita pro coprendo crimine.
Multi inoffensivi pensionati se sunt transformati in plus aut minus inconsapevoles criminales, qui volunt ponere antennas supra suas terrazzas pro facere riccos filios et nipotes. Riccos but cum cancro. Pensionati dicunt: multo tempo post venit cancrum. Securamente nos, qui habemus 70- 80 annos, mortui saremus.
Ad damnum phisicum, in isto caso se adjungit damnum socialem.
Alterum damnum difficile mente demonstrabile est ad organos sessuales; impotentia, frigiditas aut sterilitas possunt derivare de facto que cellularium est semper vicinum ad genitales ( multi homines tengunt ibi telephoninum pro habere semper “Qualchosa de durum,,,” a dispositione. Ad propositum, vide pelliculam antiquam ( “Non sum angelus” ) cum Mae Westa et Cary Grantus ubi illa dicit: “Es contentus de me videre aut tienes unam pistolam?” Pellicula lungimirantem but diseducativa, tsk tsk…).
Damnum subdolum est illum que factum est ad nostram capacitatem de memorizare numeros: si tu utes rubricam telephonicam tui cellularii, pocum ad pocum deventas smemoratum, comut accaduit alchunos annos ante, pro causa calculatricis electronicae, que disimparavimus tabellinas. Hora tucti utentes de cellularibus, non faciendo esfortium de recordare numeros cum datae anniversariorum et alteros expedientes, comut se faciebat antea, deventerant incapaces de recordare numeros telephonicos.
Damnum sufficiente mente demonstrabile est super sistema nervosum: idest damnum procuratum de mala educatione utentium telephonie mobilis.
Per exemplum: dies dominica, in machina syderodromica, idest in treno a longa percurrentia. Postibus praenotatis. Intrat burinus ripulitus et profumatus de pino silvestre et deodorantem “Impulsum”cum crabatta squillante et telephonino trillante. Personae, pennicantes, volent stare tranquillae. No. Burinus se scalmanat, recevet et facit telephonatas comut in magno et affollato officio de lune die matina. Qualchunus, semper minus gentem, reclamat. Rassignati, utentes de cellularios, multo comprensivi, tacemus et tolleramus, et ulceram gastricam nobis procuramus.
Medesima chosa advenibat et advenit cum fumatores incallitos.
Maximum est incontrare in treno coactum fumatorem cum cellulario trillante in posto praenotato.
Pessimum exemplum est studentem cum cellulario in classe. Non solum disturbat lectionem et incazzat docentes, but ancho non emancipat utentem minorem, semper collegatum cum mamma comut cum cordone umbilicale.
Ancho docentes cum cellulario in classe sunt pessimum exemplum.
Sunt ancho qui se lagnant de cosas privatas ante publicum, sunt exibitionisti cum gravibus carentiis adfectivis, but procurant improvisus ictus de sinovite casearia, idest lacte ad genocchias in auditoribus non consentientibus. Hoc accadet speciem in sala de attesa odontoiatrica vel in officibus superaffollatis ( posta, aut USL, prontum succursum et cetera).
Casum extremus but sufficiente mente diffusum est dependentia totalis de telephonino. Optima mente descriptum de Carolo Verdone in pellicula “Viaggi di nozze” ubi maritus tenet semper cellularium accesum ancho durante coito cum muliere et issa se occidit et cellularium mariti cadet in baram et postea trillat in tomba mulieris…
MEMENTO 1 : Si cellularius tuus squillat continua mente, non est que tu es VIP : est que tu dedisti numerum cellularii tui canibus porcubusque.
MEMENTO 2 : Quis vos clamat supra cellulario et disponet aliis vostris numeris amicum non est, et si est amicum, potestis dicere non facere hoc. Quis vos clamat supra cellulario et non dicit “Ubi es? Potes respondere aut clamo postea?” est brutus. Potestis dicere papale papale “Es Burinus, brutus, caverniculus.”

De arte amandi per telephonino.


Differentia fondamentalis inter telephonos portatiles (primos ad esse mobiles) et cellularios, est absoluta secretezza communicationis*. Garantia privacys, in summa. Plus voltae infacti mulier cogliebat in fallo maritum cum telephono portatile, si alzabat cornettam de altero apparecchio. Telephoninum est novam libertatem pro amantibus.
Soneria telephonini potest esse simplex aut secundum gustibus tuis: In feriis Nataliciis, per exemplum, aliqui preferent Jngle bells , alii, traditionales, non cangiant sonus. Si omo qui te cortegiat et qui te placet habet stesso tuo sono, signum est propitium: animales infacti pro amore faciendo se recognoscent isto modo, idest cum versis medesimis.
Multi comprant cellularium et se accorgent de habere vitam privatam. Melius: riscoprent lussum de habere vitam privatam. Primum accessorium telephonini infacti est amantem. But attentionem: cave displeyum. Super displeyum telephonini semper apparet ultimum numerum clamatum, et si correspondet ad numerum mulieris altrui, seu domina suspectata de tua muliere, fregatus es. Displeyum conservat numerum pro bono facere: nam si occupatum est, sufficit ridigitare okeyum post pocum, pro novam clamatam inultrare. Non est culpa displeyi. Est culpa tua, cojon, qui non cave sguardum lanceolatum mulieris tue.
Si potest esse de utilitate pro scoprenda tresca mulieris tue, si illa habet telephoninum et respondet ad clamatas et dicet semper “Non sentio”, illa cum amante parlat. Ancho tu dices stessam cosam. Melius est dicere “Non sentio, non sentio… prontus… non sentio” quam esse coltus cum manibus in saccho. Hoc stratagemma est possibile solum per telephoninum. Difficile est credere que tu non senties de telephono fixo. Mulier suspectosa et gelosa mangiat foliam.
Per amantes existit novum codicem secretum: “Non sentio” significat mulier (maritum) esse presentem. Amantes stupidos et imprudentes usant messaggios scriptos qui restant in memoria et comparent super displeium. Si mulier (maritus) digitat et legit “Smack…smack…smack” idest kisses, illa est probatio inconfutalibis de tradimento, cum numero telephonico mittentis. Never never utere messaggibus scriptis cum amante. Recorda: Verba volant, scripta manent. Simili mente imprudentem est qui usat secreteria telephonica, et maxime in festivitatibus. Si mulier captat messaggios secreteriae telephonicae in jornis festivis, comut spiegare?
Prudentia vult que post habere clamato amantem, tu digites numerum matris, aut fratris, soretis, aut parentis, in summa, sic displeium conservat illum numerum. Displeium infacti stupidum sicut computerum est, et bonum bonum.
Prudentia et bonsensum volunt que tu non pones cellularium cum viva voce in machina tua, si amantem te potes clamare et mulier siedet accantum ad te. Si illa – imprudens – exordit dicens “Cicciolinus meus …. et cetera” tu es coctus in oleo.
In summa:

De quando existit telephoninus, amantes prudentes et intelligentes cognoscunt libertatem quasi incontrollatam in jornis ferialibus et se divident intra vitam domesticam coniugalem cum telephono fixo et vitam extraconiugalem cum cellulario. Schizofrenicos, but contentos.
Per exemplum: si tu es habituatus ad appuntamentum cum amantem apud bar pro cappuccinum mattutinum cum cornettibus, et tu es impatiens, et tu cercas telephonum fixum pro clamare amantem retardatariam, omnes gentes vident tuam manovram. Plus discretum est cellularium. Sufficit exibire ariam disinvoltam et ariminare cappuccinum cum dextera manu et digitare numerum amantis cum sinistra manu (alchuni homines aut mulieres superallenati ci riescunt).
Naturale mente cellularios non possunt esse usatos de amantibus in festivitatibus. Infacti scusa pro cellularios habendos semper est ratione de laboro. Magnum guaium pro amantibus. Non possunt se sentire de sabato et de die dominica, de Natale, Capodanno, Pasqua, Pasquetta et feriis estivis ( per lo minus quindecim jornis ad augustum!!! Aliqui non sopravvivunt. ISTAT facit statisticas suicidiorum qui accidunt in estate. Cellularii effectiva mente salvant multas vitas, but in feriis estivis si possunt trobare amantes lontanos, mortuos cum cellulario stricto in manibus. Horribile visu ) .
In festivitatibus maritus (mulier) est presentis et difficile est communicare et non destare suspectos. Aliqui se cludunt in balneo pro sfugienda persecutione consortis. But sonus telephonini in balneo est suspectum, et ancho voces tuas, si es tu ad clamare.Difficillimum est persuadere mulierem que tu cantas in balneo.
Super displeyum cellularii tui comparet semper – si est GSM, et alios ahora sunt extinctos – numerum cellularii qui te clamat. Comparet ancho ( sigh sigh ) numerum, cum prefixo, de telephoni fixi, et pacchiam de clamare amantem de telephono fixo non existit plus. Sic si tu es in casa et mulier captat cum oculis, legit numerum amicae tuae et tu es fregatus. Melius dicere amicae: si proprium debet clamare, aut digitare numerum secretissimum ad coprendum numerum suum, aut de clamare de telephono publico. Super displeyum tui cellularii infacti apparunt solum asteriscos.
Ahora in novo millennio Magister Internetius venit in succursum de amantes cum Kit de rumores appropriatos pro confundere mulieres aut maritos suspectosos. Rumores de subtofundo :de officio, de traphico urbano, de doccia, de cinema.... et mulier ( maritus) suspectosa ( us) crederant ad ballam....
Unicus inconvenientis: ancho mulieres et maritos usant Internet!
Quomodocumque, cellularius est optimus pro amantibus: comut faciebant in annis 50-60-70? Tradimentum difficile, periculosum et scommodum erat, cum telephono fixo. Relationes non potebant durare in tempore. Modum amandi medioevalem erat. Comut pro Romeo & Julietta, potebat causare tragoedias. Telephoninus, vere revolutionarius, garantia privacys quasi totalis est.
Que viva telephoninus!
N.B. : Secura mente hoc libellum producerat multos divortios.

* Garantia privacys non est absoluta: Exceptio est pro Magnus Frater, qui registrat in magno cerebello electronico mundiali, in Amerika, communicationes nostras factas cum systema GSM, ancho las plus stupidas. Ad quid servirat niunus sapit.



Vademecum seu explicationes
(Exordii de bello tariffario de fine millennio)


De quando fuit possibile recaricare cellularium, tucti preferirunt non habere bollettas but plus tostum ire ad recaricare schedam. Sic TIM, idest Telecom Italia Mobilis, offribat tres tariffas differentes: Tariffa aranci coloris costabat L. 280 pro minuto pro clamare tuctos cellularios in Italia et tuctos telephonos fixos de una cittade + provincia cum medesimo prefixo. Very goodus, but adjunge IVA. In Italia semper adjunge IVA, ma non se dicit clare et explicite. Fregatura erat si tu cum telephonino tariffae aranci coloris clamabas alteras cittades: L.900 + IVA pro minuto, ancho de nocte.
Tariffa rubei coloris costabat solum L.95 pro minuto de nocte, post 22,30 hora, usque ad 7,30 de mactina. But tu dormibas. Quando tu eras sveglius, de 7,30 usque ad 20,30 idest usque ad horarium quando tuctos ufficios et negotios erant clausos, costabat L.1950 . Costabat L.190 de 20,30 usque ad 22’30, ma tu de solito cenabas et guardabas televisionem, et altera gente idem. Very expensiva tariffa, si tu non eras actor de teatro qui vivit de nocte, vel guardianus nocturnus, vel gufus, vel vampirus. Naturale mente acho qui, adjungere IVA.
Tariffa azzurri coloris non significat telephonus azzurrus. Altera cosa est. Ista erat tariffa pro masochistas aut pro vacanzieros: costabat semper L.590 (+ IVA) de Lunae die usque ad Veneris die, et L.290 de Sabato et Dominica.

Omnitel explicite dicit costum esse indicativum, idest variabile. Si tu non leges bene, culpa tua est. Cum Libero ricaricabile de Lunae die ad Veneris die de 8,00 hora ad 18,00 hora scactos costabant L.1940 cadaunos. Ciliegina supra torta est que scactos fasciae horariae plus explensivae erant post 5,2 secundos. De 18,00 usque ad 8,00, L.195 cadaunos pro scacto, idest post 50,3 secundos (no credere si te dicunt scactos esse pro minuto).
Night & Day tu potebas usare solum de 18.00 usque ad 8.00 de matina: L.295 plus IVA pro scacto. Sabato et Dominica tucto lo jorno. Si tu usabas de Lunae die ad Veneris die in horario officii seu negotii, pagabas L.795 plus IVA pro scacto. Media rapina.
Cum City ricaricabile tu potebas scegliere una cittade ( cittades sunt 104) in qua pagabas solum L.195 (plus IVA) quasi semper. But cave orarios (scactos sunt ogni 10,2 secundos in orariis ufficium) et cave cellularios: est convenientem solum si tu, cum cellulario Omnitelis, clamabas cellularios Omnitelis. Si tu clamabas cellularios Telecomis, L. 900 pro scacto. Semper. Tres quartos de rapina.

You & Me erat optional, but si tu activabas quando tu comprabas prima scheda, okeyum. Si no, non potebas: non erat culpa de Omnitel, but tua, monorchides, seu cojon solitarius, qui non cognoscebas subito personam pro facere hoc optional cheekus to cheekus.
Magna est fantasia de Omnitel, qui diversificabat utentie pro necessitatibus variis. But attentione : non semper erat campum pro cellularibus cum scheda Omnitelis. Tu eras constrictus ad utere ancho scheda TIM. Et si sbagliabas schedas et incasinabas ogne cosa, ricaricae tuae finibant celere mente et tu restabas comut un pirla senza potere utere cellulario tuo.
Magna disgratia et panicus nocturnus.
Usque ad anno MCMXCIX, plus minus sic stabant las cosas. Postea supervenit bellum tariffarium et tariffas levitaverunt in silentio.
Bellum tariffarium se conducit cum armis occultis idest cum spottibus televisivis suadentibus. OPA fuit scintilla deflagrationis isti conflicti. Pro hoc facere scripturati sunt cantantes, trenos, top modelles explosivae, scroccones, nautae solitarii, fidantiatini, etcetera. Quotidiani diurnales, scendebant in dettagliis. Primus round: dicit Telecom: “Attentio ad OPA: potest nuocere ad vostrum portafolium.” Ictus bassus. Bernabeus contra Colaninnus. Colaninnus replicavit: “Adhaerire ad OPA est simplicissimum: comut bibere bicchierium aquae qui est in centro paginae.” Criptogramma comprensibile solum ad addictos ad labores.
Consolationem utentium cellularii TIM cum scheda: si tu habes schedam TIM quasi scaricam, et clamas pro facere ultimam telephonatam, tu potes stare impune mente ad telephono ancho media hora vel telephonare supra telephonum fixum in altera cittade: Telecom non sapit subitum quantum tu spendes, et tu potes tranquilla mente fregare. Est unicum casum de stupiditatis incontrollatae pro “eterogenesim de finibus”, gratias ad computeribus qui debent calculare tuam spesam but faciunt lenta mente hoc. Et tu telephonas gratis!!!
P.S.: Alchuni menses dopo de habere scripto histas rigas, acho ista goduria finit. Pro que alia compagnia telephonica inventavit clamatas interurbanas que costant quanto clamatas urbanas, et gustum et levavit ad utentes gustum de facere trasgressionem.
Postilla:
Bellum tariffarium dilagavit et contagiavit etiam tariffa telephoniae fixae: hora est possibile telephonare vigintiquattuor horas super vigintiquattuor pro sapere informactiones et facere abbonamentos, et si tu non facere hoc, certa mente hoc faciunt compagnias telephonicas, que te clamant ancho de die dominica mattina, quando es in lecto a facere hoc que non est possibile facere in aliis diebus de settimana, et compagnias telephonicas se adjungunt ad testimones de Geova que se appendent ad tuum citophonum et ad parrocum que declamat missam cum megaphono de vicina ecclesia (pro te, peccatore incallito qui non vas ad ecclesiam, sic tu senties missam!)
Elencus seccatoribus se impinguat.





Vade… seu implicationes et complicationes.


Generaliter accadit que qui respondet de cellulario parlat magna voce, plus concitata que de telephono fixo. Hoc accadet pro syndrome peripathetica cellularii, hoc est: si parlas deambulando, vocem tuam est concitatam, si parlas de telefono fixo et immobile, tuam vocem sarat plus quietam.
Novas implicationes sunt illae que habent ampliatum modum communicandi. Impensabile infacti cum telephono fixo dicere ad personam clamatam “Dove sei? Cosa fai?” solum Stephania Sandrelli in pellicula “Alphredus Alphredus”, potebat hoc facere.
Novitas est etiamdiu dicere “Ma non ci sei?” - hoc potest accidere si qualchuno te clamat supra telephono fixo, et tu non respondes (per exemplum tu es in balneo, cum tuo cellulario. Semper melius non se separare de cellulario, but non tenere in manu mentre es subto doccia) et proxima clamata sarat su cellulario. Infacti tu respondes, et amicum te dicit: “Ma non ci sei?” et significat:”Allora, non sei in casa?”
Novitas novitatum est potere dicere: “Quo vadis?”
Qualchunus, confusus, dicit ista cosa ancho si te clamat supra telephono fixo.
Alchuni usant telephoninum strana mente: tengunt semper infilatum in centuria, comut prima faciebant cum teledrino. Si advenit coitus superficiale (idest abbraccium cum vestibus, antea se dicebat “pomiciatam”) foemina dicit:”Sentio qualchosa de durum… est teledrinum tuum, aut cellularium?” ( Cfr. supra, “De cellulariorum damno “)
Hoc particulare habet variantes: pro poliziottos vel carabinieres vel altera gente que portat pistolam. In summa, implicationes sunt variae et non semper graditae: per exemplum, si tu habes schedam You & me, est quasi impossibile tacere de hoc in casa. Hoc est: convenit facere istum contractum solum cum partnerem ufficialem, si no, sunt cavolos acidos.
Implicationes venales:
Quantum incidit IVA? Generaliter de 20-30 per centum. Multiplica pro scactos ……
Quando tu compras prima scheda, tu pagas L.110.000 ma habes solum L.50.000 de scacti disponibiles. Si tu ricaricas, tu pagas semper L.10.000 de plus.
Costum de primo scacto pro ogni telephonata est anticipatum et majoratum. Si tu sbaglias numerum clamatum, pejus pro te.
Cave de recevere clamatas de extero: qui recevit, ignarus, pagat salatum. Amici perfidi clamant semper de extero. Quando tu senties issos, dices “non sentio” et cludes telephoninum. Amici perfidissimi clamant de extero de cellulario alteri amici et dicunt esse in Italia.

De quanto dicto, est evidente que telephoninus complicat vitam tuam: complicationes sunt de duas species: complicationes externae et complicationes internae.
Complicationes externae:

Destinatio errata est quando tu leges in tuo telephonino messaggios que erant destinatos ad alios utentes. Rara mente interessantes.
a) Telephonus occultus maior, id est famosus casus de cellulario in borsa seu borsello. Tu guidas machina tua, super autostrata. Telephoninus sonat, et tu cercas illum, but invano. Sonat anchora et tu apres borsam cum una mano, et guidas cum altera mano. Unus TIR te superat et tu non vides rimorchium….. tu volas in coelum cum cellulario tuo.
b) Telephonus occultus minor: damnus est solum non reuscire ad trobare cellulario in magna borsa plena de ogni cosa: kleenex, tampax, condoms, nougatines et janduiottos,agenda, pinna et matita, ombrettum et rossettum et cetera et cetera. Casinus magnus.Variatio extrema de telephonus occultus est telephoninum irrimediabili mente perdutum: si tu scordas ubi habes missum cellularium tuum , tu clamas numerum et tu pensas de sentire musichettam soneriae, but tu senties solum:”Informatio gratuita: telephonum clamatum non est raggiungibile.” Ad hoc puntum tu habes duas solutiones ante quam bacteriam cellularii tui se spengat: continuare ad cerquare aut comperare cellularium novum. Alquni renuntiaverunt et comprarunt cellularium novum. Post trovaverunt cellularium vetustum. Aliqui particolari mente smemorati habent collectionem cellulariorum.
c) Telephonus lontanus: si tu habes casam grandem, supra tres planos, et tu scordas cellularius tuus ad tertium planum, et sonat et tu debes currere per totam casam et scivolas (Cribbius! Accidentes!! Porcus Canis!!!, cfr. supra, De telephoninorum exordiis et cetera ) tu experimentas vindictam tecnologiae comut caverniculus ingenuus.
d) Communicatio interrupta: frequens est cum systema GSM, minus frequens cum antedilivianis cellularibus nominati TACS .Pro exemplum: tu clamas amicam tui cordis et dicis parolinas adfectuosas: issa captat starnazzamentos ridiculos: ”Zzbbzz…cruk cruk… nos videmus……die…zzbbcrukcruk (famosus casus de appuntamentum mancatum) et alter casus: “Cruk …te…zzbbamo… (tu dicebas “clamo” et issa captat “amo”: equivocus magnus, ad appuntamentum issa pretendit de stabilenda data matrimonii… )

e) Telephonus importunus: accadet semper. Maximum est partecipare ad trasmissione televisiva cum cellulario acceso. Secura mente sonat. Et si tu es speaker telegiornalis, hoc factum est registratum de “Striscia la notizia”.
f) Cellulario spento et irreperibile : comut accadet semper quando tu voles sortire de casa et cercas tuo cellulario, et credes de potere clamare et trobare presto. But secreteria te dicit que “terminale potest essere spencto vel irraggiungibile”, et tu fremes de incazzatura magna, pro appunctamento importante et debes sortire….

g) Soneria improvisa in bar : Est similis ad attaccum collettivum de panico. Specie si est soneria simplice vel commune: Clientes habent sigarettam accensam in manu , ariminant cappuccinum fumantem cum altera manu…. Et sonat unum cellularium. Alchuni bibunt cappuccinum de uno sorso et se ustionant, alteri annaspant in bursa et taschis variis (ancho de impermeabilis si est inverni tempore) alteri imprecant. Quando cessat baraunda, unus extrahit cellularium suum maxima cum quiete et respondit.

h) Soneria improvisa in machina syderodromica ( dicta: treno) specie se occupato de pendularibus: Pendolares sedent comut sardinas in treno et legent jurnales et se ignorant. Trillat unam soneriam cellularii: pendulares continuant ad legere jurnales, imperterritos; soneria trillat anchora; pendulares se guardant flemmaticos et dicent: “Est suo cellulario, aut meo?” pro un attimo, se parlant. Quando in fine proprietarius cellularii est costrictus ad respondere, tucti tornant ad esse estraneos et ad se ignorare.

Complicationes internae:
i) Telephonus obliatus. Tu partes de matina et scordas telephonino in casa. Si tua mulier trobat cellularium tuum, et tua amica clamat, es fregatus. Duae sunt variantes: telephoninus obliatus cum secreteria et sine secreteria. Sed quomodocumque fregatus es. Haec complicatio est interna in sensu litterali, idest “in familia”.
j) Cangiamentum numeri improvisum. Ogni tantum est necessarium, Specie si cangias mulierem, vel amantem. But recorda de avertire amicos.
k) Telephoninus scaricus. Si tu scordas de caricare cellularium tuum de nocte, de jorno restas senza cellulario. Pejus pro te.
l) Ricarica exhausta: Ricarica, non adapta ad communicationes frequentes et expensivas, si usata impropria mente (per exemplum, vide supra, You & me) se exhauriscit. Pejus pro te. Quando est necessaria, non est plus disponibile.
m) Mendacium scopertum: si tu habes scheda TIM, vel contractum cum Telecom Italia Mobile, et tu non es in medesima cittade de tua muliere, et illa te clamat,et tu habes terminalem spentum quia tu es in dulce et intimo colloquio cum altera muliere, et secreteria dicit “TIM, informatio gratuita et cetera” mulier scafata potest comprehendere que tu non es in cittade, et post chiedere “Ubi eras?” et tu, cojon: “Ad laboro!” et illa: “Mendacium! Tu eras fora cittade! Si tu eras in cittade, secreteria dicere Telecom Italia Mobile, non TIM!” et seguit casinus magnus.*

* Rettificatio: ista chosa accadebat quattuor vel quinque annos ago; but hora, in novo millennio, secreteria de tucte compagniae est plus accorta et diplomatica, et dicit simplici mente: “Numerus clamatus non est radjungibilis: se prega de clamare plus tarde”. (Complicatio eliminata).
n) Magnum retardum in captatione messaggiorum : Si tuum cellularium est in zona “non raggiungibile” pro multo tempore, aut habet terminalem spentum, messaggios non possunt radjungere secreteriam telephonicam et volitant horas et horas in aetere, comut volucres, idest corvaccios nigros, usque ad accensionem cellularii tui aut usque tu junges ad zonam “cum campo”. Accidit ancho que volucres, stancos, atterrant supra cellulario de altera persona.

o) Ultima complicatio est lexico-psychologica : alchunae personae clamant cellularius “celluliticus”. Illae sunt complexatae et probabile mente obesae.



Cellularia Prima

Quousque tandem abutere, Totem Consumismus, patientia nostra? Pro quanto tempore saremus sic jocactolos in manibus tuis? Ubi se fermerannus conatos de rapina? Ni schedas, ni ricaricas, ni prudentia utentis, nulla chosa vos sconcertat? Et politici homines, idest gubernatores, quid facent? Et manovrinae fiscales Aprilis, quousque tandem nos caperan de fondellis? Dejà de primo jorno de Aprilis est possibile de telephono fixo videre super uno particulare displeyo de quale parte mundi te clamant, sit telephonum fixum aut cellularium que te clamat. Politici homines proposuerunt novam legem iniustam: lege que dicit que si tu clamas non plus secretum fore de ubi tu clamas: super displeyum personae clamatae (per exemplum mulieris tuae) comparet prefixum teleselectivum, idest nomen de loco de dove tu clamas. Summa iniustitia, ancho telephonum fixum hora habet displeyum et denuntiat de ubi tu clamas. Iniustitia summa! Cellularius per lo minus infacti novam libertatem promisit et dabat: idest de clamare de Pitecusa – in vacantia cum amante – et dicere tu esse Romae pro laboro facere. Et Hora, tucto hoc impossibile diventerat? Very, very iniusta lex proposita! Et lex de privacy jam approbata? Ubi eam mettemus? Politici ignorant quid proxima, quid superiore nocte fecerint, ubi fuerint, que decisiones prenderint. O tempora, o mores! Senatus est complix, et ancho senatores et portaborsas habent cellularios in machinis ministerialibus*.Probabile mente nos pagamus ancho pro istis.
N.B. But: Firmata lege, est possibile evadere: si vis mantenere secretum numerum tuum, sufficit digitare alterum numerum pro hoc facere.
Attentio particularis jam debet esse facta si vadis extero (per exemplum, fugam in Egypto) et spegnes semplici mente cellularium but lascias intra bacteriam: secreteria telephonica tui cellularii parlerat in araba lingua et denuncerat tu esse in Egypto! Si tu ignoras istum tranellum (est Magnus Frater que controllat totas clamatas de toto mundo, subto magna montagna in Amerika, tsk tsk…) et si tu credes que niunus sapiat que tu eras in Egypto, tu es illusus cojon.
De ceneribus Telecomis et Omnitelis exsurgit hora nova stella que dicit de coperire totum territorium, ancho Scaturchianum de subto, Windicatrix nostra, novum astrum luminosum que promittit tariffas superconvenientes “ V liras pro secundo” (idest trecentos liras pro minuto, pro dicere papalem papalem) but ancho, si habes prosciuttum Sancti Danielis, tu potes cambiare cum violinum Stradivarium et si voles domare felis cambiat tuum gattum cum leonem, (et culpa tua est si non sapes domare), comut dicit homo sensualissimus idest Maximus Wertmullerus.

* Ad propositum de deputatis et senatoribus, subtosecretariis quoque, isti homines habent per lo minus quinque cellularios: unus pro urgentes secretas et maximas communicationes, unus pro familiares ufficiales, unus pro familiares ufficiosos, unus pro galoppinos et portaborsas, et unus pro scocciatores, cum terminale semper spento et secreteria telephonica que dicit de attendere per saecula saeculorum. Amen.



ANTIQUUM PROVERBIUM DE CINA: Si pallamus sempel in telephonino, est pro vincele solitudinem. But communicatio viltualis non sufficit ad hoc facele, et sempel plus soli sumus



Appendix II: De relicta idea scribendi “De bello tariffario”.

Temporibus illis, de Magistri Colaninni et Magistri Bernabei monopolio conteso, sperabam de posse scribere historiam “De bello tariffario”.
Heu, ingenua magnanuvolascacaviolettas!
Casinus tariffarum semper plus se amplificavit et bellum tariffarium infinitum est.
Concurrentia variorum est ruinosa: Unum inventavit tariffas particulares sine scacto ad responstam, alium inventavit calculos infinitesimales pro demonstrare que quinque liras pro secundo faciunt trecentos liras pro minuto, et utentes babuinos bibunt omnia.
Spuntavit oculo turchino cum infante ridente in televisione.
Spuntavit canem pisciantem facientem cabinam telephonicam viridem.
Spuntavit filia de Ornella Muti clonata cum toto cellulario.
Spuntavit anchora faciem plena de fascino de Maximo Wertmullero.
Spuntaverunt tariffas superscontatas et –miraculo vere splendido – cellularii initiaverunt facere FAX !!!
Hodie, in Italia, pro punire delinquentes, non sufficit ergastolum, pena irrisoria : vera punitione est interdictione de utere cellularium, que equivalit ad mortem civilem.
SI NON HABES CELLULARIUM, NON EXISTES.
In summa: traductione moderna de motti cartesiani “Cogito ergo sum” est “DIGITO ERGO SUM”.




INDEX
Caput I De telephoninorum exordiis et cetera
Caput II De cellulariorum utilitate
Caput III De cellulariorum damno
Caput IV De arte amandi per telephonino
Caput V Vademecum seu explicationes
Caput VI Vade… seu implicationes et complicationes
Appendix I

Cellularia Prima
Appendix II

De relicta idea scribendi “De bello tariffario”

venerdì 9 ottobre 2009

In ricordo di Marek Edelman di Gad Lerner

dal blog del collega Gad Lerner riprendo

In ricordo di Marek Edelman

Venerdì 9 ottobre, al cimitero ebraico di Varsavia, si terranno i funerali di Marek Edelman. Vi ripropongo l’intervista realizzata con il vicecomandante della rivolta del ghetto nella sua casa di Lodz il 23 maggio 2006. E il ricordo che ho pubblicato su “Vanity Fair”.
E’ il coraggio la virtù degli eroi? Si può amare la vita e metterla ugualmente a repentaglio?
Marek Edelman non poteva permettersi il lusso di queste domande all’epoca in cui, poco più che ventenne, si impegnò fra gli artefici del Zob (Organizzazione ebraica di combattimento). A quel manipolo di giovani temerari male armati, del quale Edelman fu il vicecomandante, non si offriva un’alternativa fra il vivere e il morire, ma semmai la scelta sul come morire, quando il 19 aprile 1943 scatenarono la rivolta del ghetto di Varsavia.
Stiamo parlando di uno degli episodi più tragici e gloriosi nella storia del Novecento. La rivolta che provocò l’incendio e la distruzione del ghetto, sopraggiunse dopo che già 300 mila dei suoi residenti coatti erano stati uccisi nelle camere a gas di Treblinka. Più che salvarsi, gli organizzatori della rivolta volevano ricordare a sé stessi e al mondo di essere persone e non topi. Uomini e donne ancora capaci di denunciare l’ingiustizia abbattutasi su di loro.
Mordechai Anielewicz, il comandante del Zob, dopo diciannove giorni di resistenza nel corso dei quali era avvenuto l’impensabile –ebrei che uccidevano tedeschi, anziché il contrario- si suicidò l’8 maggio 1943 nel bunker di via Mila 18 prima di essere catturato dai nazisti. Marek Edelman invece riuscì a fuggire attraverso le fogne, con pochi altri, nella parte ariana della città. Non sarò così indiscreto da indagare il senso di colpa coltivato da Marek Edelman nei sessantotto anni in cui è sopravvissuto ai suoi compagni di lotta. L’uomo si presentava con una scorza di durezza apparente. Ma di ferrea in lui c’era soprattutto la volontà di restare fedele ai suoi morti, attraverso due precise regole di comportamento: non allontanarsi dai luoghi in cui fu perpetrato lo sterminio e dove, in seguito, subentrarono la rimozione e l’oblio. Per questo usava definirsi “il guardiano delle tombe del mio popolo”. Ma neanche ciò gli sarebbe bastato. A Marek Edelman, divenuto nel frattempo stimato cardiologo dell’ospedale di Lodz, premeva testimoniare attraverso l’esempio quotidiano che il coraggio dei vent’anni può durare una vita intera. Divenne oppositore del regime comunista polacco, tanto che i burocrati, fallito il tentativo di comperarlo, giunsero al disonore di infliggendogli gli arresti domiciliari. Fu fra i sostenitori, vent’anni fa, del movimento Solidarnosc che portò alla nascita del primo governo non comunista dell’est europeo. Mezzo secolo dopo la rivolta del “suo” ghetto di Varsavia, ormai anziano, nel 1993 Marek Edelman guidò un convoglio umanitario dentro alla città di Sarajevo assediata. Di recente, dettandolo all’amica Paula Sawicka, ha trovato ancora l’energia di pubblicare un libro dal titolo bellissimo, E c’era l’amore nel ghetto, che in Italia verrà presto edito da Sellerio.
Se n’è andato serenamente nel pomeriggio di venerdì 2 ottobre scorso, all’età di 90 anni. Per rispettare i suoi desideri, anziché nel Pantheon dei benemeriti della democrazia polacca viene sepolto nel cimitero ebraico di Varsavia, in mezzo alla gente di cui ci ha trasmesso la memoria, accanto agli altri dirigenti del Bund, partito socialista ebraico, cui è rimasto fedele nell’idea che la vittoria sugli antisemiti debba ottenersi nel luogo natale, senza bisogno di emigrare in Israele.
Il ricordo personale che serbo dei miei incontri con quest’uomo sono dettagli piccini che si perdono nell’ammirazione e nel rimpianto. Sono lieto di averlo fatto conoscere ai miei figli, sotto una pioggia scrosciante, prima della cerimonia per il sessantacinquesimo anniversario della rivolta del ghetto di Varsavia. Credo di non avere mai conosciuto un’altra figura storica che regga il paragone con Marek Edelman.



Corretto comportamento di Napolitano, cavaliere non approva

Napolitano Berlusconi

Silvio Berlusconi contro il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, accusato di avere manovrato contro di lui per non far approvare il Lodo Alfano dalla Corte Costituzionale.

«Il presidente della Repubblica è stato eletto da una maggioranza di sinistra - ha detto Berlusconi al Gr1 -. Ha radici totali nella sua storia di sinistra e anche il suo ultimo atto di nomina di uno dei giudici della Corte Costituzionale dimostra da che parte stia».

Forse il Presidente del Consiglio immagina che tutti siano come lui che invita a cena i giudici della Consulta e nomina in incarichi di sottogoverno figli di altri.

Afferma poi che nessuno in Italia e’ super partes quando i suoi avvocati davanti alla Corte avevano affermato che il cavaliere e’ il primus super pares e che quindi le leggi sono uguali per tutti i cittadini ma non le sue applicazioni.

Il premier e’ cosi’ convinto di essere lo stato e di rappresentare in questo secolo il ‘’Re Sole’’ che anche nei documenti del PDL mischia affari privati a cose pubbliche.

Nel documento approvato al termine dell'ufficio di presidenza, il Pdl e’ detto: ‘’Per comprendere quello che sta avvenendo si deve aggiungere che la sinistra è diventata addirittura succube di poteri extrapolitici: da una parte, il superpartito di Repubblica e dall'altra parte un movimento violentemente giustizialista ed eversivo come quello rappresentato da Di Pietro’’. ‘’In concomitanza con questa prolungata e sistematica campagna di diffamazione e alla vigilia del pronunciamento della Corte Costituzionale, la decisione di un giudice monocratico del tribunale di Milano di condannare la Fininvest al risarcimento della cifra incredibile di 750 milioni di euro alla Cir, è apparsa non solo ingiusta e totalmente infondata, ma soprattutto come l'ennesimo tassello di un rigurgito di giustizialismo ad orologeria’’. Il mutamento di indirizzo della Corte ‘’oltre che una scelta politica si configura anche come violazione del principio di leale collaborazione tra gli organi costituzionali che ha avuto la conseguenza di sviare l'azione legislativa del Parlamento’’.. ‘’Il responso della Corte Costituzionale rischia di alterare nel tempo il corretto equilibrio fra i poteri dello Stato, i quali traggono tutti origine e legittimità dalla sovranità del popolo’’. ‘’Il cosiddetto Lodo Alfano infatti -ricorda l'ufficio di presidenza del Pdl - è stato approvato dal Parlamento della Repubblica seguendo pedissequamente quanto dettato nel 2004 proprio dalla Corte Costituzionale, così come a più riprese attestato dal capo dello Stato. Il mutamento di indirizzo della Corte, pertanto, oltre che una scelta politica si configura anche come violazione del principio di leale collaborazione tra gli organi costituzionali che ha avuto la conseguenza di sviare l'azione legislativa del Parlamento’’.

Ritengo che il Capo dello Stato, al quale e’ garantita la sua autonomia e liberta’, ha operato in modo ineccepibile nel rispetto del ruolo di garanzia che ricopre. Forse e’ bene che il cavaliere la smetta con questi toni, non vada avanti con questi attacchi a organi istituzionali. Il presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, anche in questa occasione si e’ comportato da vero capo dello Stato e ha, come sempre, rappresentato l'unità nazionale, come stabilito dalla Costituzione italiana entrata in vigore il 1º gennaio 1948 (precisazione d’ obbligo perche’ il cavaliere e i suoi accoliti dimostrano di non conoscere la Costitruzione).

Al cavaliere che afferma di leggere di continuo l’ Elogio della Follia di Erasmo da Rotterdam ricordo (non solo a lui ma anche ai suoi accoliti) che il grande umanista olandese scriveva:

‘’Chi assume il potere supremo deve occuparsi degli affari pubblici, non dei propri interessi; deve pensare esclusivamente alla pubblica utilita’; non deve scostarsi neanche di un pollice dalle leggi; deve assicurarsi dell’ integrita’ di tutti i funzionari […] Ma se il principe, con la posizione che occupa, si scosta appena dalla retta via, subito la corruzione si diffonde’’.

Gia’.

Forse il cavaliere preferisce quella parte in cui la Follia dice:

‘’Ma ora, col mio aiuto, i principi se la spassano porgendo orecchio solo a chi sa dire cose gradevoli […] se mettono in vendita per trarne un utile magistrature e prefetture, se ogni giorno escogitano nuovi stratagemmi per alleggerire i cittadini delle loro sostanze, facendolo confluire nel loro tesoro privato […] e per conquistare comunque le simpatie popolari aggiungono qualche parola di adulazione. Dovete immaginare un uomo, come se ne vedono a volte, ignaro delle leggi, quasi nemico del pubblico bene, tutto preso dai suoi interessi privati, dedito ai piaceri, con una autentica avversione per la cultura, la liberta’ e la verita’, che non si cura minimamente della salvezza dello Stato, che adotta come unita’ di misura le proprie voglie e il proprio tornaconto. ’’

L’ Italia starebbe sicuramente meglio senza di lui": è la conclusione cui giunge l'editoriale del Financial Times di oggi dedicato a Berlusconi, nel quale invita gli alleati di governo del premier "a considerare l'ipotesi di scaricarlo"

Condivido.

giovedì 8 ottobre 2009

LA CORTE COSTITUZIONALE BOCCIA IL LODO ALFANO

LA CORTE COSTITUZIONALE BOCCIA IL ‘’LODO ALFANO’’

‘’L’ unico antidoto efficace contro l’ intolleranza risiede nel

recupero della tradizione di eguale’’.

Marta C. Nussbaum, docente di Law and Ethics nell’ Universita’ di Chicago







Avete ascoltato la rituale
filastrocca del cavaliere (giudici comunisti, presidente della Repubblica di
parte, complotto dei poteri forti contro il Governo e soprattutto contro di
lui).



Messa da parte questa filastrocca
e anche le intimidazioni di trascinare il popolo italiano alla guerra del
leader della Lega (non nuovo a proclami di prendere le armi) e anche le
stralunate affermazione dell’ avvocato ma va la’ Ghedini (cavaliere primus
super pares, alla faccia del tutti
uguali davanti alla legge) la decisione della Corte Costituzionale
(incostituzionalita’ del Lodo Alfano) si
puo’ dire che la Consulta
ha eliminato una anomalia tutta italiana, cioe’ il fatto che il premier non
poteva essere processato.



La frase di Marta C. Nussbaum e’ quanto mai attuale. La Corte Costituzionale con la sua decisione ha recuperato la tradizione di eguale di un uomo che nessun incarico assunto, nessun picchetto d’ onore, nessun vertice internazionale, nessuna presidenza di G8, nessuna presidenza ricoperta nell’ UE, nessun suo atto in questi quindi anni di presenza nello scenario politico
nazionale e mondiale, e’ stato in grado di farlo diventare un uomo di Stato, nonostante il suo essersi definito il miglior Presidente del Consiglio italiano degli ultimi centocinquanta anni.

La decisione della Consulta, la manifestazione per la liberta’ di stampa rallentano, a mio giudizio la volonta’ del cavaliere di putinizzare l’ Italia, la quale aveva al primo posto la mordacchia ai giornalisti e i braccialetti della liberta’ vigilata ai magistrati.

Alle pulsioni totalitarie del Cavaliere, come piu’ volte ha scritto Paolo Flores D’ Arcais in MicroMega, non basta infatti il monopolio dell’ informazione televisiva (e della ricreazione televisiva, capace di veicolare valori e plasmare psicologie e sudditanze collettive perfino piu’
di TG e talk-show). Inoltre i residui marginali di giornalismo libero e di informazione-informazione di alcune testate cartacee e di due o tre trasmissioni tv (se sopravvivranno) risultano insopportabili per il suo appetito totalitario.

Ecco perche’

‘’L’ unico antidoto efficace
contro l’ intolleranza risiede nel recupero della tradizione di eguale’’.

Le parole del cavaliere, la sua reazione furibonda ( la Corte e’ di sinistra, queste cose mi fanno un baffo, il Capo dello Stato sapete da che parte sta, la Corte Costituzionale non organo di garanzia ma politico, meno male che Silvio c’ e’, viva Berlusconi), dopo la decisione della Consulta, sonoun gesto di disperazione, la prova della sua instabilita’ istituzionale e delfatto che non e’ un uomo di Stato.

L’ ira ha ottenebrato la mente del cavaliere, il quale ha compreso il provvedimento della Consulta come condanna per i suoi guai giudiziari, mentre invece dice che e’ un cittadino come tutti gli altri (art. 3 della Costituzione) ed e’ tenuto a sottoporsi a giudizio.

Gia’. Ma lui e’ un primus super pares e, nonostante la Corte abbia guardato solo alla Costituzione, come e’ sua abitudine e dovere, il cavaliere e suoi considerano l’ atto come lesa maesta’. La sua brama dittatoriale obnubila la sua mente e non gli fa comprendere che la democrazia ha dimostrato la sua forza di liberta’. Non tutto si lascia intimidire dalla violenza del potere e dei suoi apparati. Non tutto, caro cavaliere, e’ ricattabile, non tutto e’ acquistabile, non tutto puo’

essere scippato, non tutto e’ disponibile nel mercato dei desideri e non e’ sufficiente disporre di un impero della carta stampata che mima, ripete, conferma, ingigantisce cio’ che
le reti televisive propagano.

Adesso la battaglia deve essere di eliminare del tutto la anomalia istituzionale Berlusconi, che e’ il nucleo centrale del caso. Come afferma il senatore Pancho Pardi, dell’ IdV, l’ anomalia istituzionale cavaliere e’: la presenza al vertice del potere politico di un soggetto in eleggibile, per il suo palese conflitto d’ interessi, divenuto eleggibile solo perche’ eletto. Un soggetto del tutto incompatibile con l’ esercizio del potere politico. Un soggetto che ha influenzato e modellato la mente degli elettori per piu’ di venti anni prima di autoproclamarsi leader politico. Un soggetto che quando e’ all’ opposizione detiene il controllo di quattro TG su sei e che quando e’ al governo li controlla tutti e sei.

Speriamo ora nelle decisioni dell’ UE che ha in esame la liberta’ di stampa in Italia e sulla direttiva sul conflitto d’ interessi.

Solo cosi’ sara’ possibile cambiare, avere un corretta visione del futuro per costruire una societa’ in cui tutti lavorano e quindi avere il bene della comunita’.

‘’…Cosi’ e’ se mi pare’’



mercoledì 7 ottobre 2009

Parla la figlia di Anna Politkovskaja: “Uccisa per colpire la libertà di stampa”

Parla la figlia di Anna Politkovskaja: “Uccisa per colpire la libertà di stampa”

Anna Politkovskaja

Hanno la stessa figura; alta, magra, slanciata. Nervosa ed elegante, quella di Anna, nelle foto che la ritraggono e che ora sono appese nelle redazioni e nelle sedi delle organizzazioni che si battono per la libertà di stampa nel mondo. Posata e timida, quella di Vera. Hanno (avuto) le stessa professione: il giornalismo. La madre, Anna Politkovskaja, per questa “passione civile”, per l’amore della verità e della denuncia, ha perso la la vita, assassinata nella Russia di Vladimir Putin poco più di due anni.

La figlia, Vera, è una ragazza di 29 anni, che ha deciso di seguire le orme della madre. E di essere il testimonial della sua figura, per ricordarne l’opera e l’impegno. Vera è venuta in Italia, a Milano, in occasione dell’inaugurazione di una lapide in onore dell’inviata di Novaja Gazeta nel Giardino dei Giusti del capoluogo lombardo, ospite dell’associazione Anna Viva.

Parla del processo, del suo rapporto con la madre, degli ultimi giorni della giornalista; della sua concezione del giornalismo L’assoluzione dei presunti autori dell’omicidio della Politkovskaja, è stato un dolore, una delusione per Vera: “L’accusa non è stata in grado di dimostrare che loro erano da condannare. - risponde la figlia della giornalista della Novaja Gazeta. “La difesa ha lavorato meglio. E questo, nonostante la procura avesse tutti gli strumenti per raggiungere il suo obiettivo e convincere la corte che gli imputati fossero colpevoli. Io, la mia famiglia, continuiamo a ritenere che si potrebbe arrivare a una sentenza di condanna dei responsabili dell’omicidio se l’accusa trovasse la strada giusta per farlo”.

Con tono secco, Vera, sembra voler dire che la Procura non abbia voluto andare fino in fondo. Perché che il suo sia stato un delitto politico, lo dicono tutti. Non c’è stato un movente preciso, dice Vera; neppure l’inchiesta che la madre stava conducendo sul regime filo-russo di Grozny, sulle torture inflitte ai guerriglieri, ma anche ai civili in Cecenia. “No, è stata uccisa per la sua attività professionale più in generale. L’inchiesta che lei stava facendo, poi è stata pubblicata grazie al lavoro degli altri giornalisti del suo quotidiano — racconta Vera Politkovskaja. “E’ stata assassinata per dare una lezione ai giornalisti, per dare un colpo fortissimo alla libertà di stampa in Russia. Posso dire posso dire con ragionevole certezza che i mandanti l’abbiano voluta morta non solo per le sue indagini e suoi articoli sulla Cecenia, ma per la sua opera, per il suo impegno più in generale”.

La ventinovenne ricorda gli ultimi giorni prima dell’assassinio. Spiega che, per lei e suo fratello, non c’erano stati segnali particolari. Certo, la pressione era sempre stata forte su di lei, visto il coraggio del suo lavoro. C’erano state minacce in passato, ma molto tempo prima che venisse freddata nell’ascensore di casa. “Non avevamo notato nulla di particolare. Poi, nelle ultime settimane Anna non aveva dedicato molto tempo al lavoro. Era morto mio nonno e io ero andata a vivere con lei. In questo periodo lei si occupava soprattutto della famiglia. Dopo l’omicidio, però, abbiamo ripensato ad alcune stranezze, come il citofono improvvisamente rotto, o il fatto che giravano davanti a casa alcune persone che non avevamo mai visto prima”. Per lei il giornalismo, la denuncia civile era una missione: “Se non lo faccio io, chi lo farà qui in Russia, soleva dire. E aveva ragione, purtroppo. In Russia, il giornalismo d’inchiesta non è certo amato,come sappiamo. Lei diceva : io faccio il mio lavoro, scrivo quello che vedo. Ma purtroppo, alla gente non piace vedere la realtà in faccia” - racconta Vera. E ora, in Russia parlare di Anna Politkovskaja è un fatto molto raro. Il sistema di potere preferisce che ci sia oblio sulla sua vita. E sulla morte di questa coraggiosa giornalista. Che in buona parte del mondo è diventata invece simbolo dell’impegno civile.

domenica 4 ottobre 2009

Trecentomila in piazza a Roma per la liberta' di stampa, io c' ero

Liberta' stampa manifestazione
Sono una di quelle trecentomila persone che ieri a Roma, a Piazza del Popolo, ha partecipato alla manifestazione della FNSI (il sindacato di noi giornalisti) in difesa della liberta’ di stampa, della liberta’ di informazione, contro le pressione delle querele contro i giornalisti e la legge sull’ uso delle intercettazioni.

La polizia ha contato (?) settantamila persone.

Non ho contato personalmente i partecipanti, ma posso assicurare che la piazza era piena come uovo, cosi’ pure il Pincio, il vicino piazzale Flaminio, via di Ripetta, Via del Corso, via del Babuino, e la folla arrivava fino al lungo Tevere.

Ma lasciamo stare i numeri, ma in piazza e nei dintorni era impossibile muoversi.

Tutti, semplici cittadini, partigiani, studenti, militanti della Cgil, dell’ Acli, dell’ Arci, universitari, precari, giornalisti, dirigenti di partito, hanno manifestato per difendere il bene prezioso dell’ articolo 21 della Costituzione:

« Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni. »

Concetti spiegati alla piazza dal Presidente emerito della Corte Costituzionale, Valerio Onida, il quale con semplicita’ ha detto che ‘’la liberta’ di informazione e’ presupposto di una societa’ libera’’.

A Berlusconi che ha definito una ‘’farsa’’ la manifestazione oppongo le parole di Don Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana: ‘’E’ diabolico far credere che questa manifestazione sia una farsa’’.

Solo una faccia di tolla come l’ energumeno tascabile, l’ ineffabile sua bassezza ministro della Funzione Pubblica puo’ affermare ‘’Non ho nulla in contrario contro la piazza ma vorrei che fosse consentita, nel nostro Paese, una sorta di tracciabilita’ dell’ informazione, in modo che ognuno sappia a chi appartiene il gruppo editoriale che fa un certo tipo di informazione’’.

Ministro forse lei non sa che una legge del genere gia’ esiste:

La legge n. 416/1981 sull'editoria definisce i requisiti soggettivi per l'esercizio dell'impresa editrice di giornali quotidiani, che può essere esercitata da: persone fisiche, Snc, Sas, Srl, Sapa, Spa o cooperative (art. 1 c. 1).
In particolare, le società in accomandita semplice debbono in ogni caso essere costituite soltanto da persone fisiche, mentre per le Spa, Srl e Sapa le azioni aventi diritto di voto o le quote devono essere intestate a persone fisiche, società in nome collettivo, in accomandita semplice o a società a prevalente partecipazione pubblica (art. 1 c. 3).

La riconducibilità della titolarità dell'impresa a persone fisiche è volta a garantire una maggiore trasparenza. Sempre in materia di trasparenza, la stessa legge istituiva il registro nazionale della stampa, cui dovevano iscriversi obbligatoriamente quotidiani e periodici. Altro obbligo è quello di pubblicare il bilancio annuale delle imprese editrici, strettamente collegato al finanziamento dell'editoria.

Ministro ma di chi sono il Giornale, Il Foglio, Panorama, Libero, le reti Mediaset, chi governa le reti Rai, e le maggiori case editrici italiane?

Certo che ci vuole coraggio.

Errore grave caro ministro ad altezza di battiscopa e’ stato non fare la legge sul conflitto d’ interessi facendo si’ che in Italia ci sia la piu’ grande anomali del mondo: un premier che e’ proprietario della maggior parte dell’ informazione nazionale, stampa che dovrebbe essere il cane da guardia del potere politico. I direttori di quei mezzi di informazione anziche’ controllare che non avvengano abusi sono dei pitbull feroci contro colleghi che vogliono svolgere la loro professione, direttori che poi utilizzano il privato dei colleghi come un’ arma per farli tacere.

C’ e’ un problema di liberta’ quando un giornalista deve pensare alla propria sorte quando si mette a scrivere, quando un loro articolo puo’ contenere qualche critica, magari timida, al cavaliere.

C’ e’ un problema di liberta’ di stampa quando il cavaliere ( che sogna una informazione che lo tratti come ‘’L’ osservatore’’ fa con il papa) dalla tribuna di una convegno della Confindustria invita ufficialmente gli imprenditori a non fare pubblicita’ sui giornali che lo criticano. Questo e’ un modo di sovvertire il libero mercato per soffocare la stampa che non e’ di sua proprieta’. Negli anni venti del secolo scorso Mussolini si comporto’ in maniera analoga: strangolo’ economicamente i giornali dissidenti e poi vasellinamente fece agire il Minculpop.

La manifestazione di ieri ha dimostrato che c’ e’ una opinione pubblica non piu’ disposta ad incassare tutto, che fa sentire la sua voce, che si rafforza creando le occasioni di partecipazione. Proponendo luoghi di aggregazione.

Concordo con Eugenio Scalfari quando, in una intervista rilasciata a Denise Pardo dell’ Espresso, afferma ‘’Oggi la forza della protesta e’ nell’ unita’, nello stare insieme dando corpo e voce a quella consistente parte del Paqese contro questo andazzo, contro l’ attacco senza precedenti sferrata alla liberta’ di stampa’’

I media, cavaliere, direttori pitbull, direttori killer, giornalisti brown nose, sono un contropotere, questo sono, non altro, che lo vogliate o no.

‘’…Cosi’ e’ se mi pare!’’