La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 30 ottobre 2014

Il flautista Manuel Zurria chiude domani a Cagliari (al Ghetto alle 21) la stagione autunnale di Spaziomusica

Il flautista Manuel Zurria chiude domai a Cagliari (al Ghetto alle 21)
la stagione autunnale di Spaziomusica.
*

Visualizzazione di Manuel Zurria.jpg
Con un concerto del flautista Manuel Zurria, il festival Spaziomusica completa domani sera (venerdì 31) a Cagliari il calendario della sua stagione autunnale. Il musicista siciliano sarà di scena al Ghetto, il centro d'arte e cultura in via Santa Croce (nel quartiere di Castello), a partire dalle ore 21 (ingresso gratuito), con un programma proposto in collaborazione con Noise Watchers Unlimited, associazione di Lussemburgo attiva nella ricerca musicale. 

In scaletta opere di compositori sardi e lussemburghesi in prima esecuzione italiana: brani per flauto ed elettronica dal vivo di Marcello Pusceddu (Oinnìsis II), Fabrizio Casti (Abstract Song), Claude Lenners (Espace hybride), Pierre Jodlowski (Limite Circulare), e tre pezzi acusmatici di Arthur Stammet (Movimenti), Roberto Zanata (Nero metropolitano), Laurent Willkomm (Vincula). Alla regia del suono Marcellino Garau, sound designer, compositore e ingegnere del suono cagliaritano.

Nato a Catania nel 1962, tra i fondatori (nel 1990) dell'ensemble Alter Ego, Manuel Zurria ha collaborato con compositori italiani del calibro di Francesco Pennisi, Sylvano Bussotti, Adriano Guarnieri, Aldo Clementi, Franco Donatoni e Salvatore Sciarrino. Un'intensa attività concertistica ha portato il flautista siciliano su importanti palchi nazionali e internazionali come la Biennale Musica di Venezia, Pacific Music Festival (Sapporo, Giappone), Festival Musica (Strasburgo), Beethovenhalle (Bonn), Settembre Musica (Torino), De Yjsbreker (Amsterdam), IRCAM – Festival Agorà (Parigi), Rachmaninov Hall (Mosca), Festival d’Automne (Parigi), Rikskonserter (Stoccolma), Illkhom Theatre (Tashkent-Uzbekistan), Takefu Festival (Giappone), Akademie der Künste (Berlino), Maerz Musik (Berlino), The Warehouse (Londra), Festival Archipel (Ginevra), NUMUS (Aarhus), ULTIMA (Oslo), Ensem (Valencia), Wien Modern, Jauna Muzika (Vilnius), MusikHaus (Vienna), Berliner Philarmonie (Berlino), Huddersfield Contemporary Music Festival, New Directions (Lulea, Svezia). 

La sua discografia comprende una trentina di pubblicazioni, tra cui il triplo cd REPEAT!, del 2008, una sorta di summa delle sue esperienze, con lavori originali o trascritti per flauti ed elettronica realizzati in collaborazione con Arvo Pärt, Louis Andriessen e Tom Johnson, tra gli altri. 

Yan Maresz, James Saunders, Bernhard Lang, Maurizio Pisati, John Duncan, Mario Garuti, Gabriele Manca, Claude Lenners, Fausto Romitelli, Mary Jane Leach, Giuliano D’Angiolini, Jacob TV, Luca Francesconi, Luigi Ceccarelli, Yoshihisa Taira, Fabrizio De Rossi Re, Yi Xu, Emanuele Casale, Rytis Mazulis, Lucia Ronchetti e Stefano Scodanibbio sono tra i compositori che hanno dedicato e affidato alcune delle loro opere a Manuel Zurria.  

Spighe di grano di Alvaro Giannelli

Verrà presentato il libro

Spighe di grano

di Alvaro Giannelli · Scheda del Libro →
Venerdì 31 ottobre 2014, ore 16.30
Sala Convegni di Palazzo Nerucci, Piazza Colonna 1, Castel del Piano
Website
Website
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
YouTube
YouTube
Google Plus
Google Plus
Pinterest
Pinterest
C&P Adver Effigi S.n.c.
Sede legale: Via Roma 14 – Sede operativa: Via circonvallazione Nord 4
58031 Arcidosso (GR) | Telefono e fax 0564 967139 – Mobile 348 3047761
cpadver@mac.com 

Vita e pensiero di David Lazzaretti Il Profeta della terza era di Nello Nanni

Verrà presentato il libro

Vita e pensiero di David Lazzaretti

Il Profeta della terza era

di Nello Nanni · Scheda del Libro →
Sabato 1 novembre 2014, ore 17.00
Sala Consiliare del Comune di Arcidosso, Piazza Indipendenza
ne parleranno con l’autore
Prof. Pietro ClementeUniversità di Firenze
Marco PastorelliPresidente del Centro Studi David Lazzaretti
Mario Papalinieditore

Durante la presentazione saranno proiettati spezzoni del film di Michele Nanni
"David Lazzaretti. A tutti i popoli del Mondo"
Website
Website
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
YouTube
YouTube
Google Plus
Google Plus
Pinterest
Pinterest
C&P Adver Effigi S.n.c.
Sede legale: Via Roma 14 – Sede operativa: Via circonvallazione Nord 4
58031 Arcidosso (GR) | Telefono e fax 0564 967139 – Mobile 348 3047761
cpadver@mac.com 

TELEFONATA (3): QUELLI CHE .. INSISTONO, by plz

Pronto?
Sì, chi è?
Sono Antonio della ... le voglio parlare della nostre proposte telefoniche, alle quali non si può dire di no. Sono eccezionali, irrinunciabili...
Lei è il collega di Marco, al quale ieri ho spiegato che non ho il telefono...
Come non ha il telefono? Allora da dove risponde?
Ieri ho spiegato pazientemente che, non so per quale motivo, ma voi esperti di telefonia, sicuramente sapete dare una risposta, voi, lei e il suo collega, vi intromettete nel mio notebook e interferite nel mio lavoro
Nessun numero telefonico collegato al suo modem?
Non so cosa sia il modem, ma sono collegato a internet tramite una sim card
Della nostra società?
No, della Tim ed è più che sufficiente
Ok, grazie, scusi.

La telefonata si chiude qui. Dopo neanche un minuto, altro squillo del telefono. Rispondo.

Pronto Giovanni.

La voce è la stessa di Antonio.

Non sono Giovanni, sono Pier Luigi, nessun Giovanni abita con me.
Ma...
Lei è quello di prima, al quale ho spiegato che non ho telefono e lei ancora una volta si è introdotto nel mio computer, disturbando il mio lavoro
Ma io ho digitato lo 0761...  e dovrebbe rispondere Giovanni
Ripeto non sono Giovanni, sono Pier Luigi Zanata e la carta di identità che ho davanti ai miei occhi me lo conferma
Ma lo 0761...?
Ascolti, non so a chi appartenga il numero 0761..., non conosco neanche quale località risponda a quel prefisso, Assicuro che non possiedo telefono, collegato a quel numero, sono nato in Sardegna e vivo in Toscana, e ripeto non sono Giovanni.
Allora le nostre proposte non interessano?
Se continua a farmi proposte la denuncerò per staslking.
Buongiorno.
Ecco, bravo, buongiorno.
Riattacco la cornetta









TELEFONATA (2) by plz


mercoledì 29 ottobre 2014

LIBRIAMOCI

blo

LIBRIAMOCI (Massimo Gramellini)

Ascoltare un libro letto a voce alta è una di quelle godurie impalpabili chemolti di noi non si concedono più dall’infanzia. Rivedo mia madre, seduta di sbieco sul letto, con una collana di favole tra le mani. Io, che già allora mi distraevo di continuo (e senza neanche avere l’iPhone), le strappavo il volume dal grembo per tornare alla pagina precedente e capire chi diavolo fossero quei sette nani. Lei si riprendeva il libro emi sgridava: «Massimo, fai uno sforzo! Se la mia faccia ti distrae, chiudi gli occhi. Le storie più belle sono quelle che si leggono a occhi chiusi». Li chiudevo così bene che mi addormentavo quasi subito. Ma evidentemente continuavo ad ascoltare le sue favole anche nel sonno, perchéme le ricordo ancora. Da adulto ho tentato di ripetere lo schema con gli audiolibri. Funzionano in auto, durante i viaggi lunghi, a condizione di scegliere un romanzo diverso da «Cent’anni di solitudine» perché la sovrabbondanza di personaggi che si chiamano Arcadio e Aureliano mette a dura prova memorie anche meno volatili della mia.
Ho dunque accolto col cuore gonfio di gratitudine la notizia che da oggi a venerdì decine di artisti entreranno nelle scuole italiane per cimentarsi con gli studenti nella lettura a voce alta dei classici. «Libriamoci» è il titolo dell’iniziativa, che sarebbe piaciuta al teorico della leggerezza Italo Calvino. Una splendida occasione per saltare le interrogazioni e smanettare sui telefonini come ossessi. Oppure per chiudere gli occhi e riscoprire quel che la velocità del vivere tecnologico sembra ignorare: il senso delle cose.

98-logo-la_stampa

martedì 28 ottobre 2014

TELEFONATA (2) by plz

Pronto
Sì, chi parla
Buongiorno. Sono Marco e la contatto per conto della ... per presentarle le nostre nuove offerte telefoniche
Bene, c' è però un piccolo problema, non ho il telefono

Pausa dall' altra parte, si percepisce sconcerto

Non ha il telefono fisso?
Nè fisso e neanche il telefonino
Mi scusi ma come faccio a parlare con lei?
Questo non lo so, gli esperti di telefonia siete voi. La sua voce si è improvvisamente materializzata mentre ero intento al mio lavoro

Pausa, credo che lo sconcerto di Marco aumenti

Io chiamo da un computer
Anche io sono davanti a un computer, stavo scrivendo quando ho sentito il suo pronto
Forse i due computer sono entrati in dialogo
Non so, i tecnici siete voi. La spiegazione di quanto è accaduto dovete darla voi
Questo non deve succedere, certo è un problema di ...
Sicuramente non mio
Mi scusi ma al suo computer non è associata alcuna linea telefonica?
No, navigo in internet con una card
Una sim-card...
Sì quella
Allora la nostra proposta non le interessa?
No
Allora buongiorno, riferirò ai tecnici della società questo inconveniente
Ecco, bravo, buongiorno

Farfuglia un buongiorno e chiude la comunicazione
Riattacco il cordless

lunedì 27 ottobre 2014

"Torno al teatro di strada per mostrare la vergogna della crisi culturale italiana"di Cinzia Marongiu

da Tiscali



"Torno al teatro di strada per mostrare la vergogna della crisi culturale italiana"

di Cinzia Marongiu

Cinquantasei anni, 35 dei quali passati sulle tavole del palcoscenico. 
Gaetano Marino è un attore nato a Enna e cresciuto a Cagliari, dove dall'inizio degli anni Ottanta ha dato vita a tantissimi spettacoli teatrali ma soprattutto a una fucina di idee, rassegne di teatro, festival, produzioni, seminari, laboratori, programmazioni cinematografiche che ha preso il nome di IsolaTeatro e che ha rappresentato una vera oasi culturale nel deserto della sonnolenta provincia sarda, identica in questo a quella italiana. Oggi però quell'Isola non c'è più, sommersa dagli tsunami della crisi economica, così come tante altre esperienze culturali "a cui è stato chiesto di farsi impresa, di assumere maestranze e persone, di quadruplicare i costi garantendo un contributo che all'improvviso è stato tagliato. E il tutto senza una garanzia, senza una legge, senza uno stato di diritto che ci mettesse al riparo dagli umori politici. Il mantra è lo stesso: non ci sono più soldi. Ma questo non è vero, è una menzogna, perché la cultura in Italia rappresenta lo 0,0001 del bilancio nazionale".
La mia casa è la strada - Così Gaetano Marino ha annunciato che, ora che è disoccupato o meglio, ora che non ha più una casa artistica, il suo domicilio diventerà la strada. E così ha fatto, saltimbanco di emozioni tra viandanti più o meno frettolosi, eccolo sotto i portici di via Roma, quella che ai viaggiatori che arrivano dal mare dà il benvenuto di Cagliari. Eccolo anche nella piazza del Carmine che la domenica mattina si traveste di colori e vecchie storie come solo i mercatini dell'antiquariato riescono a fare. E lui è lì, col suo leggìo agile, con i suoi cd zeppi di racconti e favole, di spettacoli e suggestioni, con il suo buonumore contagioso, "perché va bene che anche noi teatranti, per troppo tempo chiusi tra quattro mura, ricominciamo a scendere in strada, laddove tutto è iniziato. E torniamo a guardare in faccia le persone, a parlare con la gente e ad ascoltare le loro storie. Perché senza una casa sono rimasto io così come il calzolaio, il macellaio, l'impiegato. È un disagio generale. E l'unica cosa che dobbiamo fare non è protestare ma andare e mostrare la vergogna evitando di indossare lo pseudo-abito della dignità. Perché non si deve avere nessuna vergogna nel raccontare quello che sta succedendo, nel far vedere come stiano uccidendo il teatro e la cultura".
In compagnia di Ettore, Achille e delle meravigiose storie dell'antica Grecia -  Eccolo allora, indossare l'elmo degli antichi eroi omerici e vestirsi di ironia ed entusiasmo nel raccontare le meravigliose storie di Ettore e Achille, delle dee rivali in bellezza che si contendono il pomo della discordia e del Simposio di Platone. "La soluzione me l'ha data mia figlia maggiore, Marta, che oggi ha 8 anni. Un giorno, circa tre anni fa, mi ha visto distrutto. Ero a casa, seduto davanti al tavolo, la testa tra le mani, l'espressione funerea in viso. "Che c'è papà? Cosa succede?". E io a rispondere: "Abbiamo delle grandi difficoltà. Dovremo rimboccarci le maniche". Ma il tutto con un'aria sbattuta, di chi sente già l'amaro della sconfitta. Quel giorno, qualche ora dopo, vidi Marta disperata e triste: "Che cos'hai tesoro?". E lei, con le con le lacrime agli occhi, mi disse: "Papà, io ho le maniche corte e non so come fare a rimboccarmele". A quel punto, quasi caddi indietro dalla sedia. Ecco Marta quel giorno mi ha dato la soluzione. Si chiama leggerezza e davvero non costa niente".

domenica 26 ottobre 2014

A Cagliari la quinta edizione di Nues, il festival dei fumetti e cartoni del Mediterraneo





Tra il 27 ottobre e il 13 dicembre a Cagliari (ma con tappe anche a Pau e Seui) 
la quinta edizione di Nues, il festival dei fumetti e cartoni del Mediterraneo,
che quest'anno diventa PERFORMING COMICS.
In programma incontri con autori, mostre e presentazioni letterarie, performance,
momenti di approfondimento culturale dedicati ai ragazzi, 
iniziative formative per studenti e professionisti della comunicazione.
Visualizzazione di cartolina Nues orizzontale.jpg
*
È all'insegna della trasversalità e della contaminazione tra linguaggi artistici e della comunicazione la quinta edizione diNues, il festival dedicato ai fumetti e ai cartoni del Mediterraneo promosso dal Centro Internazionale del Fumetto di Cagliari con la direzione artistica di Bepi Vigna, figura di primo piano della cultura fumettistica "made in Sardinia" (è, tra l'altro, uno dei tre creatori – tutti sardi - di Nathan Never, l'eroe fantascientifico delle strisce pubblicate dalla Bonelli dal 1991).  

Tra lunedì 27 ottobre e il 13 dicembre è in programma nel capoluogo sardo, ma con incursioni anche a Pau(nell'Oristanese) e a Seui (in Ogliastra), un ampio e variegato calendario di eventi: incontri con autori, mostre e presentazioni letterarie, momenti di approfondimento culturale dedicati ai ragazzi, iniziative formative per studenti e professionisti della comunicazione, oltre a diverse produzioni originali: performance che incrociano il racconto letterario e il fumetto con teatro, danza, musica, fotografia e video. Per questo motivo il festival quest'anno ha il sottotitoloPerforming Comics.

Organizzata con il contributo dell'assessorato regionale della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo, dell'assessorato alla Cultura, Pubblica Istruzione, Sport, Spettacolo e Politiche Giovanili del Comune di Cagliari, e dei Comuni di Seui e Pau, la quinta edizione di Nues prende il via lunedì 27 e martedì 28 ottobre nelle strade e piazze di Cagliari con il "Bibliobus a Fumetti": si tratta della prima delle tre iniziative parallele "Crossing Comics", lasezione del festival inserita - nell'ambito dei Piani Locali Giovani - Città Metropolitane promossi dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall'Anci - Associazione Nazionale Comuni Italiani - nel progetto "Inter20", con l'obiettivo di promuovere la lettura nel pubblico più giovane con nuove forme di narrazione cross-mediale. 

Nelle due giornate (per gli orari e gli itinerari visitare il sito www.nues2014.it) verranno distribuiti degli albi a fumettitratti dal volume "Linee di sangue"cinque storie - a cura del Centro Internazionale del Fumetto di Cagliari in collaborazione con l'editore Taphros - che reinterpretano in chiave diversa e originale una delle creature più attraenti della letteratura e del cinema: il vampiro. I disegnatori dell'albo, con la realizzazione dal vivo di schizzi e bozzetti, faranno rivivere il fascino di una figura che negli ultimi anni ha esercitato una particolare presa nell'immaginario giovanile.

Il 7 novembre "Crossing comics" fa tappa alla stazione delle Ferrovie della Sardegna MetroCagliari, in piazza Repubblica. Dalle 16.30 alle 20, alla proiezione a ciclo continuo di "motion comics" ispirate ai racconti a fumetti dell’antologia "Linee di sangue" (il volume è in vendita sul periodico "Anteprima" delle Edizioni Panini e sulla piattaforma multimediale internazionale "Mad for Comics", nella versione in inglese) e alla distribuzione degli omonimi albi a fumetti, si affiancano letture di brani dai classici della letteratura sul vampiro e performance dei disegnatori del Centro Internazionale del Fumetto.

L'indomani (8 novembre) arriva a Cagliari uno dei ospiti più attesi di Nues: Leo Ortolani, il creatore di Rat-Man. Pisano, classe 1967, geologo oltre che autore di fumetti, il papà del simpatico e inusuale super-eroe in calzamaglia amato dai lettori di comics di tutte le età, dai fan della prima ora ai più giovani, è il protagonista dell'incontro in programma alle 18 alla MeM, la Mediateca del Mediterraneo in via Mameli.

Dall'aspetto sgraziato, sprovvisto di molte delle abilità tipiche degli eroi a fumetti, ma con una forte determinazione nell'idea di essere proprio come uno di loro e di aiutare il prossimo, Rat-Man è apparso per la prima volta in una striscia nel 1990. L'ironia, caratteristica fondamentale del protagonista, rappresenta il veicolo attraverso cui si raccontano le sue avventure per suscitare stati d'animo contrastanti, dal divertimento alla riflessione. Le sue serie hanno vinto decine di premi e riconoscimenti e sono da tempo oggetto di analisi in saggi e tesi di laurea: non a caso Ortolani è stato, nel 2003, il più giovane autore a essere incluso nella serie di pubblicazioni "I Classici del Fumetto" del quotidiano La Repubblica. Da questo fumetto è stata anche tratta una serie animata. 


  • Graphic Journalism

È dedicato ad una forma di narrazione ibrida per eccellenza, come quella del graphic journalism (termine anglosassone per indicare il "giornalismo a fumetti"), il ciclo di incontri in programma nel capoluogo sardo il 13 e 14 novembre, realizzato da Nues in collaborazione con la facoltà di Scienze della comunicazione dell'Università di Cagliari e dell'Ordine dei Giornalisti della Sardegna. 

Il primo appuntamento è per il 13 novembre, alle 15, nell'aula magna "Corpo Aggiunto" della facoltà di Studi umanistici (in via Is Mirrionis 1), con Alberto Alpozzi, fotoreporter specializzato in reportage in aree di crisi e fotografia per l'architettura, e Sergio Giardo, art director e disegnatore della scuderia della Sergio Bonelli editore. Nell'incontro (dal titolo "Nuove forme di espressione giornalistica" e inserito nel piano formativo dell'Odg della Sardegna), i due autori presentano la loro graphic novel "Il fronte ovunque". Nel volume di prossima uscita per la 001 Edizioni, reportage fotografico e fumetto si incontrano per raccontare i risvolti umani della missione dei militari italiani in Afghanistan, documentata fra il 2011 e il 2012 dagli scatti di Alberto Alpozzi. 

La serata del 13 novembre prosegue alle 17 con il fumettista cagliaritano Igort. Impegnato dalla fine degli anni settanta come autore di fumetti, illustratore, saggista e musicista tra Parigi e la sua Sardegna, Igor Tuveri (questo il suo vero nome) presenta i suoi "Quaderni Ucraini" e "Quaderni Russi", graphic novel incentrate sui fantasmi dell'Unione Sovietica di ieri, contrapposti alla "demokratura" di oggi. Una tematica, questa, assolutamente attuale, viste le drammatiche vicende che stanno lacerando l'Ucraina proprio in questi mesi. 

Doppio appuntamento con Nues venerdì 14 novembre: il primo - la mattina dalle 9 alle 12.30 e il pomeriggio dalle 14 alle 17 nell'aula 6 della facoltà di Studi umanistici - è un workshop per gli studenti dei corsi di comunicazione dell'Università di Cagliari con Sergio Giardo e due autori cagliaritani tra i nomi di punta del panorama fumettistico italiano: il giornalista, scrittore e sceneggiatore (nonché direttore artistico del festival), Bepi Vigna, e lo sceneggiatore e disegnatore Otto Gabos.

L'altro, nella sala conferenze dell'Ordine dei Giornalisti della Sardegna (in via Barone Rossi 29) con inizio alle 14, è invece un laboratorio con Alberto Alpozzi, i fotografi Priamo Tolu e Max Solinas dal titolo "Il fotogiornalismo: conoscenze, regole, esperienze e tecniche". Introduce l'incontro (anche questo inserito nel piano formativo dell'Odg della Sardegna) il Presidente dell'Ordine dei Giornalisti sardo Filippo Maria Peretti


  • Filiberto Farci

Si va alla riscoperta di uno dei protagonisti del Novecento nell'Isola in una sezione del festival dedicata a Filiberto Farci. Nato nel 1882 a Seui, in Ogliastra, e scomparso a Cagliari nel 1965, scrittore e uomo politico - autore di racconti, poesie, saggi critici e liriche dall'età di quindici anni, giornalista dal 1904, impegnato nel fronte antifascista, amico fraterno di Francesco Ciusa e di Sebastiano Satta, e vero oracolo di Emilio Lussu - Filiberto Farci è annoverato tra i veri antesignani del movimento autonomista, precedente alla fondazione del Partito Sardo d'Azione, nonché tra i primi a denunciare apertamente i problemi e le speranze del popolo sardo. Il festival Nues gli rende omaggio con un approfondimento lungo due giornate. Il primo novembre, a Seui (alle 11, al Centro Polivalente Is Minadoris ), con l'intervento di Iolao Farci, si presenta la produzione multimediale targata Nues "Filiberto Farci e la Sardegna dimenticata", adattamento della novella per ragazzi dell'autore seuese "Il più forte", dalla raccolta del 1939 "Racconti di Sardegna". Gli scatti fotografici di Laura Farneti, il montaggio video di Riccardo Garau, le musiche originali e sound design di Stefano Guzzetti e la voce narrante di Clara Murtas evocano la storia, che ha come fulcro l'incontro/scontro tra due giovani, e ne riprendono le ambientazioni e le suggestioni. Il progetto multimediale sarà visibile nella Palazzina Liberty della sede centrale del sistema museale (in via Roma, 241). 

La seconda iniziativa, il 28 novembre a Cagliari, alle 19 all'Hostel Marina (presso le Scalette di San Sepolcro), è invece una tavola rotonda (titolo: "Omaggio a Filiberto Farci, scrittore e uomo politico di Seui") con Giuseppe Deplano, Paolo Pillonca, Bepi Vigna e Iolao Farci, seguita alle 20 dalla replica del progetto multimediale "Filiberto Farci e la Sardegna dimenticata". 


  • Comics & Science

Dopo l'arrivo a Cagliari di Silver, gli scorsi 3 e 4 ottobre, nell'anteprima che si è tenuta al festival letterario per ragazzi Tuttestorie e all'Istituto Europeo di Design, della quinta edizione di Nues è presente anche al Festival della Scienza di Cagliari il 9 novembre, alle 11 nella sala conferenze dell'ExMà, con il fumettista e geologo Leo Ortolani e l'editor, traduttore e matematico Andrea Plazzi per la presentazione del progetto "Comics & Science". Insieme a loro, l'esperto di comunicazione e scienza Andrea Mameli e Bepi Vigna analizzano la crescente presenza di temi scientifici nei media e nella comunicazione. Realizzato in collaborazione con Lucca Comics & Games e il CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche, il progetto editoriale (a cura di Roberto Natalini e Andrea Plazzi per lo studio Symmaceo Communications con CNR edizioni) mira a promuovere il rapporto tra scienza e intrattenimento esplorando legami e collegamenti tra i due universi. La pubblicazione comprende "MISTERIUS – Speciale scienza", una storia a fumetti di Leo Ortolani.


  • "Nausicaa: l'altra Odissea", spettacolo e mostra

"Nausicaa: l'altra Odissea" è lo spettacolo tratto dall'omonimo fumetto di Bepi Vigna con i disegni di Andrea Serio(pubblicato nel 2012 da Vittorio Pavesio Editore) che rivisita una delle storie più celebri e archetipiche della cultura occidentale. L'adattamento scenico, al debutto il 22 novembre (ore 21) all'Auditorium Comunale di Cagliari, propone una nuova prospettiva attraverso cui narrare la vicenda omerica, trasformando il fumetto in un racconto vivo, animato dalle scenografie tratte dalle illustrazioni di Andrea Serio, rielaborate con tecniche digitali in filmati semi-animati e proiettate sul palco per ricreare la profondità e il fascino delle ambientazioni. Firma la regia e l'adattamento Senio Dattena, in scena come attore e narratore insieme alla danzatrice Ivonne Carolina Bello Tovar, con l'accompagnamento musicale di Marco Caredda alle percussioni e Mauro Laconi alla chitarra elettrica.

A far da cornice allo spettacolo - a cura del Centro Internazionale del Fumetto di Cagliari, in coproduzione col Festival Internazionale Nuova Danza FIND 32 e con Maya Inc - una mostra delle illustrazioni di Andrea Serio, sempre all'Auditorium di piazzetta Dettori, dal 20 al 23 novembre. Dopo Cagliari, "Nausicaa: l'altra Odissea" approda il 13 dicembre a Pau, dove lo spettacolo andrà in scena (alle 18) nei locali del Museo dell'Ossidiana, che fino a gennaio ospiterà le tavole del fumetto.


  • (s)Trip to Gaza – Pencils not bombs

Disegni e tavole di autori del fumetto e dell'illustrazione italiana per un messaggio di pace: (s)Trip to Gaza – Pencils not bombs è un'iniziativa nata sull'onda dello sdegno suscitato dai bombardamenti nella striscia di Gaza e vuole essere un modo concreto di raccogliere fondi per le popolazioni palestinesi. Lanciata sul web, la raccolta dei fondi avviene attraverso la vendita delle opere messe a disposizione dagli artisti, molti dei quali di fama internazionale, che hanno aderito gratuitamente all'iniziativa. I lavori ancora disponibili per l'acquisto si possono ammirare nel sitowww.comicout.blogspot.it: il ricavato delle vendite va all'associazione Terre des Hommes. 

In sinergia con l'azione sul web, (s)Trip to Gaza – Pencils not bombs è anche una mostra delle riproduzioni delle opere donate dagli artisti, che il festival Nues metterà in esposizione a Cagliari dal 27 al 29 novembre all'Hostel Marina in Piazza San Sepolcro: quarantacinque opere firmate da Vanna Vinci, Giuseppe Matteoni, Otto Gabos, Andrea Accardi, Laura Scarpa, Licina Tozzi, Mariana Chiesa, Massimo Giacon, Elfo, Pino Oliva, Cinzia Chigliano, Marino Neri, Mives Manara, Enrico Rambaldi, Emanuele Rosso, Anna Givani, Gianluca Costantini, Cristina Portolano, Pietro Scarnera, Marcella Brancaforte, Fabio Barilari, Luca Pannoli, Enrico Cicchetti, Giovanella Monaco, Annalisa Barnabovi, Valentina Gaglione, Emanuela Cussolati, Mauro Moretti, Marco Petrella, Mabel Morri, Luca Bradotti, Serena Tamburo, Paolo Castaladi, Tommaso Aiello, Nils Dixon, Tommaso di Francescantonio, Elisabetta Decontardi, Giovanni Esposito, Marco Ficarra, Ale Martoz, Anna Biesuz, Minimalab, Francesca Bazzurro, Valentina Murphy, Fabio D'Angelo.

In occasione dell'inaugurazione della mostra, giovedì 27 novembre alle 18, verrà presentato il volume "Filastin. L'arte di resistenza del vignettista palestinese Naji al-Ali", pubblicato l'anno scorso dall'editrice Eris. Celebre in tutto il mondo per aver creato il disegno di Handala, il bambino sempre raffigurato di spalle, icona della resistenza palestinese, Naji al-Ali è stato uno dei vignettisti più importanti del mondo arabo. Alla sua morte, per assassinio, nel 1987 a Londra, ha lasciato un'eredità di migliaia di vignette: il volume "Filastin" ne raccoglie 175, restaurate in collaborazione con il figlio,Khaled al-Ali, e raggruppate in cinque capitoli a comporre una sorta di reportage storico sulla questione palestinese, ma anche un racconto di vita, una sorta di testamento dell'artista. All'appuntamento cagliaritano, proposto in collaborazione con l'Associazione Amicizia Sardegna-Palestina, interverranno Bepi Vigna e Fawzi Ismail.


  • La Storia della Sardegna a Fumetti

Oltre a (s)Trip to Gaza – Pencils not bombs e alla tavola rotonda dedicata a Filiberto Farci, il festival Nues concentra nell'ultimo weekend di novembre una serie di appuntamenti all'Hostel Marina di Cagliari. Altro evento in calendario pergiovedì 27"La Storia della Sardegna a Fumetti" è la performance teatrale ispirata all'omonima opera a cura di Bepi Vigna e Angela Cotza, pubblicata dal quotidiano L'Unione Sarda in sedici albi a cadenza settimanale, tra aprile e agosto dell'anno scorso. Scritti e disegnati da autori affermati nel mondo del fumetto isolano, ma anche da giovani formatisi alla Scuola del Fumetto di Cagliari, gli albi ripercorrono la storia dell'isola a partire dal periodo neolitico fino ai giorni nostri. Con l'attore Fausto Siddi, voce narrante, la rappresentazione in scena all'Hostel Marina a partire dalle 19, sarà accompagnata dalla proiezione delle immagini tratte dall'opera e montate da Laura Congiu.


  • Maria di Eltili

Una bambina rapita dai pirati Saraceni sulle coste della Sardegna, viene fatta schiava e venduta come prostituta nel nord Africa; divenuta la favorita del bey di Tunisi, conosce l'amore e la ricchezza. Dopo uno scambio di prigionieri, ormai in vecchiaia, riesce a tornare nella sua isola, ma nel villaggio dove vive, Eltili, si ritrova emarginata, considerata come una strega. Unica superstite della peste, eredita i beni dell'intero paese, ma resta sola finché viene accolta con ospitalità dagli abitanti di Baunei che lei ricambia cedendo loro tutte le sue proprietà, e assurgendo così, dopo la morte, a una dimensione quasi sacra.

Questa la leggenda di Maria di Eltili, raccontata da Bepi Vigna in un testo inedito che il festival Nues propone in forma di melologo sabato 29 novembre (ore 21), sempre all'Hostel Marina, in una produzione del Centro Internazionale del Fumetto di Cagliari in collaborazione con la compagnia Il Crogiuolo: un concerto per voce e pianoforte – protagonisti l'attrice Rita Atzeri e il pianista Alessandro Muroni - dove parola e musica vanno di pari passo, si inseguono, si aspettano, si passano il testimone, accompagnate dalla proiezione delle illustrazioni realizzate appositamente da Stefania Costa.



  • GULP! Cento anni di storia del fumetto con Lupo Alberto"

Dopo l'allestimento ospitato fino allo scorso 11 ottobre alla libreria Tuttestorie nell'ambito dell'omonimo festival letterario per ragazzi, Nues ripropone, dal 27 al 29 novembre all'Hostel Marina, la mostra "GULP! Cento anni di storia del fumetto con Lupo Alberto". In esposizione le tavole dell'albo realizzato da Silver nel 1996 in occasione della mostra celebrativa del centenario del fumetto e a suo tempo pubblicate in allegato al volume "Gulp! Cento anni di fumetto". La storia, unica nel suo genere, vede riuniti nella Fattoria McKenzie tutti i grandi personaggi internazionali dei comics.


  • Faces di Graziano Origa

Dal 27 novembre l'Hostel Marina ospita anche la Mostra "Faces", una galleria di personaggi famosi ritratti da Graziano Origa, eclettico artista di Dolianova che dopo aver frequentato la factory di Andy Warhol ed essere stato un protagonista dell'editoria a fumetti italiana, celebra il suo ritorno in Sardegna dopo quarant'anni di vita artistica. Autori entrati nella storia della letteratura mondiale come Oscar Wilde, miti assoluti dello spettacolo come Maria Callas, star della moda come Giorgio Armani, sono immortalati nei suoi quadri. "Faces" è anche il titolo di ritratti di personalità celebri, pubblicato nel 2009 dalla Rossi Project di New York.


  • Metal Hurlant

Alla vigilia del quarantesimo anniversario della nascita di Metal Hurlant (il primo numero è infatti del gennaio 1975), il festival Nues dedica una riflessione all'innovativa rivista di fumetti francese e all'influenza culturale che ha esercitato sulla moda, il costume, la musica e l'immaginario cinematografico dell'epoca, in Europa come in America. All'appuntamento in programma sabato 13 dicembre (ore 10) a Cagliari, nell'aula magna dell'Istituto Europeo di Design, interverranno insieme a Bepi Vigna l'architetto e designer Giovanni Ottonello, il musicista Davide Catinari e Tiziana Amicuzi, scenografa e new media director. A suggello dell'incontro, un omaggio musicale del pianista Romeo Scacciaaccompagnato dalla proiezione di immagini tratte dai più famosi fumetti di fantascienza degli anni Settanta.


  • Info

Tutti gli eventi della quinta edizione di Nues sono a ingresso gratuito. Per aggiornamenti sul programma e altre informazioni utili: www.nues2014.it