La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Il calcio dell' Asino

Il calcio dell' Asino
Il calcio dell’Asino. Il calvario di un giornale ribelle (1892-1925) e del suo direttore Giovanni de Nava (Giva)

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

venerdì 28 maggio 2010

L A C R E A T U R A



L A C R E A T U R A

di Henrik Ibsen
regia di Lelio Lecis


Cast:
Lea Karen Gramsdorff (Irene)
Simeone Latini (Rubeck)
Rosalba Piras (Maja)
Tiziano Polese (Ulfheim)
Rosario Morra (voce Direttore)

liberamente tratto da “Quando noi morti ci destiamo” di Henrik Ibsen

Lelio Lecis studia da anni il rapporto tra l’artista e l’opera della sua creazione. Ha trovato in una storia ottocentesca – la stessa che ha ispirato Ibsen nella scrittura di Quando noi morti ci destiamo – una rappresentazione efficace di questo rapporto.
Quando noi morti ci destiamo è stato pubblicato nel 1899, è stato rappresentato per la prima volta a Stoccarda il 26 gennaio 1900. E’ l’ultima opera del drammaturgo ed è l’estrema meditazione su se stesso e sulla propria arte, attraverso il personaggio di un famoso scultore ormai anziano che scopre di aver sacrificato l’amore all’arte e l’arte stessa al successo in una catena di atti d’assoluto egoismo. Lo scultore è diventato famoso in tutto il mondo principalmente per una sua scultura sulla resurrezione. La scultura rappresenta una giovane donna che si libra verso il cielo da un piedistallo che sembra la terra popolata da esseri umani simili a bestie. Proprio il piedistallo sarà il motivo del suo successo. Il piedistallo quindi e non la sua opera immortale. Il rapporto strano tra lo scultore e la modella porta quest’ultima ad una sorta di follia che la farà scappare in giro per il mondo dove avventure pericolose la porteranno alla morte. Tornerà da morta per trascinare con sé lo scultore che aveva tradito il suo spirito dando più importanza al piedistallo e non alla sua figura.

venerdì 4 giugno 2010
21.00 - 22.30
TEATRO delle SALINE
VIALE LA PALMA
Cagliari, Italy


PER INFO E PRENOTAZIONI TEL 070 34 13 22

Nessun commento:

Posta un commento