La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

mercoledì 9 novembre 2016

CAGLIARI FESTIVAL SCIENZA 2016

CAGLIARI FESTIVAL SCIENZA 2016
La scienza che unisce i popoli



Con la relazione inaugurale del Magnifico Rettore dell'Università di Cagliari Maria Del Zompo, dal titolo Gap di genere nella scienza: l'Università come opportunità (aula magna del Rettorato, via Università - ore 16.30) si è aperta la nona edizione del Cagliari Festival Scienza.
L'intervento della professoressa Del Zompo ha preceduto  la Lectio magistralis tenuta 

da Guido Tonelli , fisico del CERN e ordinario all’Università di Pisa, dal titolo La nascita imperfetta delle cose. La grande corsa alla particella di Dio e la nuova fisica che cambierà il mondo.   
Il Festival Scienza si svolge a Cagliari da martedì 8 a domenica 13 novembre: sei giornate in cui si alterneranno conferenze, dibattiti, presentazioni di libri, laboratori, mostre e spettacoli intorno al tema La scienza che unisce i popoli. Oltre alle sedi dell’EXMA e quella del Ghetto, il Festival si arricchisce quest'anno di altre prestigiose sedi come la Cittadella dei Musei, Villa Muscas e l’Auditorium comunale.
Negli spazi espositivi dell’EXMA, di Villa Muscas e della Sala Mostre della Cittadella dei Musei, sono allestite per tutta la durata del Festival, mostre e laboratori interattivi con dimostrazioni sperimentali eseguibili direttamente o con l’aiuto di  guide competenti.
Inoltre viene offerta la possibilità di accedere, con la guida di esperti, a musei e biblioteche, di visitare mostre, siti archeologici, tecnologici, naturalistici e partecipare ad exhibit grazie all’idea di un Festival che diffonde la scienza anche sul territorio contribuendo così a far conoscere un “patrimonio” di alto profilo scientifico e di grande potenzialità divulgativa.
Al festival è abbinato, come nelle passate edizioni, un contest fotografico su Instagram: #Scienzaepopoli che vuole raccontare con significativi scatti come la scienza possa rappresentare un linguaggio comune che unisce i popoli e li rappresenta.


IL TEMA DELL’EDIZIONE 2016
“Gli scienziati hanno sempre saputo come si lavora assieme. Nel secondo dopoguerra, gli scienziati di popoli fino a poco tempo prima nemici, ricominciarono a collaborare per un progetto scientifico internazionale che portò alla realizzazione del CERN di Ginevra, in Svizzera, che ancora oggi rappresenta un centro di aggregazione e scambio per ricercatori dalle più svariate provenienze nazionali, religiose e culturali. Anche il progetto scientifico Sesame, cui collabora anche l’Italia, prevede la sua realizzazione ad Allan, in Giordania, dove la cooperazione tra scienziati turchi, pachistani, israeliani, egiziani e iraniani sarà un passo fondamentale per la coesistenza pacifica tra stati appartenenti a un’area geopolitica instabile. La Scienza, come affermato da un gesuita-astronomo José Gabriel Funes, “aiuta a lavorare in équipe, a programmare il lavoro, ad impegnarsi ad ottenere risultati”; grazie ad essa si potrà cogliere l’opportunità di migliorare la conoscenza reciproca e riuscire ad operare assieme in missioni internazionali in Antartide o sulla stazione orbitante intorno alla Terra”.
Partendo da queste premesse in questa edizione del Festival e con la scelta del tema La scienza che unisce i popoli si vuole lanciare un appello agli scienziati nella società di oggi: unire gli uomini con la forza della scienza, con le sue sempre nuove sfide, con le responsabilità di scelte da fare per soddisfare l’esigenza di sviluppo e di pace. Si pensi all’energia sprigionata dall’atomo: arma devastatrice o strumento di pace? La scelta della strada da seguire spetta ai popoli del mondo, ma se si lavora assieme nei grandi centri di ricerca, si riuscirà a trovare un’intesa sugli obiettivi da realizzare. La Scienza con la diffusione delle conoscenze è in ultima analisi una questione di giustizia, di uguaglianza.

Cagliari Festival Scienza è realizzato con il patrocinio della Regione Sardegna, del Comune di Cagliari, della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, dell’Università di Cagliari e di EFFE Europe for Festivals, Festivals for Europe (una piattaforma prodotta dalla Commissione Europea e dal Parlamento europeo) ed è promossa e organizzata dall’Associazione Scienza Società Scienza in collaborazione con numerosi altri soggetti. La manifestazione è realizzata con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato della Pubblica istruzione, Beni Culturali, Spettacolo e Sport), del Comune di Cagliari (Assessorato alla Cultura Pubblica istruzione e spettacolo), dell’Università degli Studi di Cagliari, della Fondazione Banco di Sardegna, di Sardegna Ricerche e con la collaborazione della Provincia di Cagliari, oltre a una lunga serie di altri enti e sostenitori che, pur con piccoli contributi, consentono la realizzazione di un evento così importante.

INFORMAZIONI
Le attività (conferenze, dibattiti, spettacoli, e  mostre) si svolgono all'EXMA' in via San Lucifero 71; al Ghetto in via S. Croce 18; alla Sala Mostre e Sala Coroneo della Cittadella dei Musei in p.zza Arsenale; a Villa Muscas in via S. Alenixedda e  all’Auditorium Comunale in p.zza Dettori.
Orari di apertura: tutti i giorni ore 9.00-13.00, 15.00-19.00, salvo diverse indicazioni in brochure. Per le classi in visita è richiesta la prenotazione.
Anche per i laboratori è necessaria la prenotazione. Laboratori interattivi, Sala delle Volte – EXMA’, Sala delle Mostre Cittadella dei Musei: visita di due ore 9.00-11.00 e 11.00-13.00.
Laboratori didattici/reading/animazioni/officine, Sala della terrazza, Sala della torretta, Aula Didattica – EXMA’; Sala Mostre – Cittadella; visita di 40/50 minuti per un numero di visitatori non superiore a 30 salvo diversa indicazione in brochure.

Tutte le informazioni sul programma del Cagliari Festival Scienza sono disponibili nei siti: www.scienzasocietascienza.eu e www.festivalscienzacagliari.it dove è sfogliabile e scaricabile la brochure. Ulteriori informazioni si possono richiedere agli indirizzi di posta elettronica: presidente@scienzasocietascienza.eu e info@scienzasocietascienza.eu

Il Festival è anche su  Facebook sulla pagina Festival della Scienza Cagliari e su  Twitter seguendo il profilo @Festivalscienza e  Instagram festivalscienzacagliari. Hasthag della manifestazione  #cagliariscienza16


------------------------------------------------------------------------------------------------
Ufficio Stampa Consorzio Camù
Centro Comunale d'Arte e Cultura EXMA - via San Lucifero,71  Cagliari
tel  070 6402115  cell. 3466675296
Giuseppe Murru (responsabile), Stefania Cotza

e-mail: ufficiostampa@camuweb.it

Nessun commento:

Posta un commento