La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

martedì 6 novembre 2012

La cella di Gaudì, di Gianni Zanata


La cella di Gaudì.
La cella di Gaudì” è il titolo di una raccolta di racconti che sarà pubblicata a novembre dalla Casa editrice Arkadia.
Si tratta del lavoro conclusivo del progetto “Adotta una storia” che ha coinvolto – oltre ad Arkadia e agli scrittori – l’associazione Il Colle Verde, il presidio del libro Carpe Liber della casa di reclusione di Isili e il marchio Galeghiotto.
Un progetto innovativo nel suo genere. Per la prima volta in un carcere italiano i reclusi hanno avuto la possibilità di incontrare degli scrittori per raccontare e raccontarsi.
Dodici detenuti, dodici autori. Dal confronto e dal dialogo sono nati i racconti dell’antologia introdotti da una prefazione di Marcello Fois.
Quando i responsabili dell’iniziativa mi hanno invitato a far parte del gruppo degli scrittori, ne sono stato lusingato e non ho esitato ad accettare. Inutile sottolineare che è stata un’esperienza straordinaria.
Ringrazio chi mi ha coinvolto nel progetto, e ringrazio i detenuti, in particolare Pierpaolo, che ha avuto la forza e la pazienza di raccontarmi la sua storia.
Gli altri autori dell’antologia sono Salvatore Bandinu, Michela Capone, Giampaolo Cassitta, Fabrizio Fenu, Michele Pio Ledda, Savina Dolores Massa, Paolo Maccioni, Nicolò Migheli, Anthony Muroni, Claudia Musio, Pietro Picciau.
Si tratta di un progetto di grande valenza umana e sociale.
Con i proventi della vendita del libro i detenuti “adotteranno” un bambino, uno dei loro figli, che potrà acquistare libri per continuare a studiare.


Nessun commento:

Posta un commento