La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

sabato 11 luglio 2015

L’eleganza alessandrina tra una Porsche e un Martini Dry

da il manifesto

L’eleganza alessandrina tra una Porsche e un Martini Dry

Icone. Volto amato dei blockbuster anni Settanta, Omar Sharif incarna l'immagine dea di un cinema glamour fuori dal tempo
Fra i volti che popo­la­vano i bloc­k­bu­ster degli anni Set­tanta, quello di Omar Sha­rif era uno dei più amati. Lo si tro­vava sovente in com­pa­gnia di pen­da­gli da forca come Telly Sava­las o Harry Andrews. Lui, emis­sa­rio dell’eleganza ales­san­drina, era affian­cato dalla truppa degli apo­lidi inglesi (Anthony Quayle, Tom Cour­te­nay e, ovvia­mente, Peter O’Toole), migranti fra copro­du­zioni impro­ba­bili orga­niz­zate tra Europa e vec­chia Hollywood.
Sha­rif por­tava con sé il vento di terre lon­tane, un’idea di (medio)oriente facile da imma­gi­nare come inca­sto­nata fra un Mar­tini Dry, una corsa in Por­sche in Costa Azzurra e una mistero da scio­gliere all’ombra delle pira­midi. Ele­gan­tis­simo com­pri­ma­rio, sem­pre cir­con­dato da un alone di insop­pri­mi­bile malin­co­nia, ha diviso lo schermo con vete­rani in cerca di ricol­lo­ca­zione come Gre­gory Peck e Anthony Quinn. Era lui, l’ingrediente in più di un cinema che si voleva ancora più grande del mondo, ma che era giunto un po’ fati­co­sa­mente al capolinea.
11VISDXmayerling-1968-08-g
Sha­rif sem­brava come saperlo, ma si pre­stava al gioco. Con una sapienza tale, che la sua imma­gine è soprav­vis­suta al suo pro­gres­sivo allon­ta­narsi dalle scene. E quando tor­nava, tor­nava esat­ta­mente per rimet­tere in scena il cinema di una volta, quello che aveva fatto lui. Basti pen­sare al 13° guer­riero di John McTier­nan, tra­va­glia­tis­sima pro­du­zione cri­ch­to­niana, nella quale divide lo schermo con Anto­nio Ban­de­ras, oppure a Hidalgo – Oceano di fuoco, ancora un ruolo di sceicco. Un cinema, quello di Sha­rif, che si sognava sem­pre big­ger than life. Per­ché sor­pren­dersi che è lui il nar­ra­tore di 10.000 A.C. di Roland Emmerich?
Sha­rif ha diviso il set non solo con una gal­le­ria di facce oggi asso­lu­ta­mente impen­sa­bile ma soprat­tutto è stato diretto da un gotha di nomi che com­prende hol­ly­woo­diani in cerca di ricol­lo­ca­zione (Ana­tole Lit­vak, John Frank­e­n­hei­mer dal cui Cava­lieri sel­vaggi sem­bra quasi discen­dere Hidalgo…), autori che non erano rico­no­sciuti come tali (Blake Edwards su tutti) e pro­fes­sio­ni­sti impec­ca­bili come Terence Young, hol­ly­woo­diani in esi­lio (Bob Rafel­son), altri come Ivan Pas­ser peren­ne­mente sospesi fra più mondi.
E, caso più unico che raro, inter­preta bene due volte Funny Girl, diretto una volta da Wil­liam Wyler e l’altra da Her­bert Ross. Rara­mente un attore ha incar­nato più di Omar Sha­rif il momento stesso della sua mas­sima espo­si­zione divi­stica. Sha­rif era l’immagine stessa di Omar Shar divo. Nell’arco di tempo che daLaw­rence d’Arabia con­duce giunge alle soglie degli anni Ottanta, Sha­rif incarna un’idea di cinema di gla­mour asso­lu­ta­mente fuori dal tempo; una sorta di resi­stenza reni­tente a un cinema che cam­biava, lad­dove nel suo mondo, popo­lato di emiri e stre­goni, sedut­tori e scas­si­na­tori, avven­tu­rieri e prin­cipi, il tempo si pre­sen­tava cri­stal­liz­zato e impenetrabile.
Kabir Bedi è stato l’unico erede cre­di­bile al trono di Omar Sha­rif. E non conta che lui fosse indiano e l’altro egi­ziano. Ad acco­mu­narli era que­sta idea di alte­rità «orien­tale», rigo­ro­sa­mente trans­na­zio­nale, che sem­brava come strap­parli a una con­no­ta­zione etnica pre­cisa. Come fis­sati per sem­pre nell’immacolato peri­me­tro del jet set inter­na­zio­nale. Per avere un’idea di que­sta bolla tem­po­rale, basta dare un’occhiata ad Ashanti, l’ultima delle copro­du­zioni fal­li­men­tari hol­ly­woo­diane, distri­buita negli ultimi bar­lumi degli anni Set­tanta, e popo­lata come al solito da inglesi in tra­sferta e hol­ly­woo­diani in cerca di un ultimo posto al sole. Con Omar Sha­rif scom­pare defi­ni­ti­va­mente tutta un’idea di copro­du­zione e di cinema. Resta l’elegante malin­co­nia di un cre­pu­scolo di nome Omar Sha­rif, nato nel 1942 con il nome di Michel Shalhoub.

Nessun commento:

Posta un commento