La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 31 ottobre 2013

La soluzione dei Templari di Alessio Varisco

Verrà presentato il libro

La soluzione dei Templari

di Alessio Varisco · Scheda del Libro

domenica 3 novembre 2013, ore 17:00
Teatro La Palestra, Via della Steccaia, Bibbona (LI)
Prof. Alessio Varisco,
Direttore Antropologia Arte Sacra,
Ufficiale dell’Ordine pro Merito Melitensi


Interverranno:
Fiorella Marini, Sindaco del Comune di Bibbona
Stefania Brunetti, Assessore alla Cultura del Comune di Bibbona
 C&P Adver Effigi | Blog

Feed Facebook Youtube Twitter Google Plus Email

C&P Adver Effigi S.n.c. Mario Papalini
Sede legale: Via Roma 14 Sede operativa: Via circonvallazione Nord 4
58031 Arcidosso (GR)
| Tel. e fax 0564 967139 Mob. 348 3047761

Storia del Rock a Fumetti

Da Robert Johnson ai R.E.M., dal “giorno in cui la musica morì” a quello dell’assassinio il di Lennon. In un solo, oscuro fumetto, tutto il Rock, solo il Rock, nient’altro che il Rock!

Storia del rock a fumetti Storia del Rock a Fumetti

Autori: Enzo Rizzi
Casa editrice: NPE
Provenienza: Italia
Genere: Storico
Prezzo: Cartonato, 204 pp. in b/n, Euro 19,90
Data di pubblicazione: Ottobre 2013

Che il fosse un mezzo di comunicazione potente ed efficace lo sapevamo, e sapevamo anche quanto il rock’n’roll fosse un essere oscuro e a tratti maledetto nella sua sfolgorante bellezza.  Eppure non c’è cosa migliore come il connubio fra queste due arti emergenti per mostrare le reali potenzialità e il vero volto di entrambe: versatile mezzo di comunicazione e informazione, oltre che potente forma di intrattenimento la prima, potente canto di umanità vissuta fino all’estremo il secondo.
La Storia del Rock a fumetti di Enzo Rizzi può essere descritta come un lungo, lunghissimo corso sulla musica rock, dalle sue umili origini fino alle esplosioni dei giorno nostri; una serie di lezioni non solo su avvenimenti, date e persone, ma anche e soprattutto sullo spirito di un genere musicale che ha sconvolto il concetto di musica nel XX secolo. Maestro d’eccezione di questa serie di lezioni è Heavy Bone, un essere quasi mitologico e senza dubbio mistico, creato dallo stesso autore sulle pagine della precedente “Storia del Metal a fumetti”,  a metà fra un rocker particolarmente violento e un demone dantesco stranamente umano, una guida assurda e a tratti delirante che guiderà il lettore attraverso i meandri più oscuri e meno conosciuti nella vita delle star musicali di quasi un secolo.
Il tratto di Rizzi, estremamente dettagliato e realistico, per certi aspetti quasi fotografico, eppure in grado di evocare atmosfere grottesche e orrorifiche ben si adatta alla narrazione della sua idea di rock. Ad una descrizione precisa dei personaggi storici, resi con gusto e passione ma incredibilmente riconoscibili, fa da contraltare la linea horror presa nel tratteggiare le apparizioni del “maestro” Heavy Bone”; l’utilizzo  di un bianco e nero estremamente marcato, quasi manicheo,  con i toni scuri di un nero quasi imperante, definisce completamente l’idea che Rizzi ha del rock.
Un fumetto che non mancherà di interessare gli appassionati del rock duro, e che potrebbe essere istruttivo anche per i meno appassionati. La lettura, essendo, una cronistoria, potrebbe risultare un po’ pesante.

SPAZIOMUSICA WINTER 2013

SPAZIOMUSICA WINTER 2013
CAGLIARI, 17 settembre > 3 novembre (ingresso gratuito)

 
 

 

Silvia Corda e Simon Balestrazzi con la produzione originale
"My Fingers, My Hand, My Shadow"
domani sera a Cagliari (al Ghetto, ore 21) per Spaziomusica.
*
"My Fingers, My Hand, My Shadow": si intitola così la produzione originale in programma domani sera (giovedì 31) aCagliari per la rassegna autunnale di Spaziomusica; protagonista al Ghetto (il centro d'arte e cultura in via Santa Croce, nel quartiere di Castello) a partire dalle ore 21il duo formato da Silvia Corda (pianoforte preparato, toy piano, glockenspiel, oggetti sonori) e Simon Balestrazzi (live electronics).

La collaborazione fra la pianista cagliaritana e il musicista e compositore elettronico/elettracustico parmigiano (ma da tempo trapiantato nel capoluogo sardo) va avanti dal 2005 e questo nuovo progetto segna una nuova tappa in un'evoluzione musicale in cui confluiscono molte influenze: il post-industrial, l'avant-rock, l'elettronica per Simon Balestrazzi; la musica contemporanea, il jazz, l'interesse per i compositori americani e orientali per Silvia Corda. Il terreno comune tra i due musicisti (che con il contrabbassista Adriano Orrù, sotto l'insegna del trio A Sphere of Simple Green, hanno realizzato nel 2011 il CD "Untitled Soundscapes") è quello dell'improvvisazione (radicale e/o strutturata), della ricerca timbrica, dell'interesse per le commistioni con altre arti.

"My Fingers, My Hand, My Shadow" si presenta come una sorta di percorso continuo in "lenta graduale trasformazione", e il centro del lavoro è proprio la manipolazione del suono sia attraverso l'elettronica sia attraverso la preparazione meccanica. Un curiosità: fra i vari strumentiSilvia Corda suonerà anche il toy piano, per il quale la musicista cagliaritana hadi recente ottenuto il secondo premio al concorso internazionale di composizione "UnCaged Toy Pianoche si è svolto a New York con la partecipazione di oltre centocinquanta concorrenti da tutto il mondo. Inventato nel 1872, e considerato perlopiù uno strumento educativo per i bambini, il "pianoforte giocattolo" ha conquistato negli ultimi decenni una crescente attenzione di pianisti e compositori, a partire da John Cage con la sua "Suite For Toy Piano" del 1947.

Prossimo appuntamento con la rassegna Spaziomusica domenica 3 novembrecome sempre al Ghetto con inizio alle 21. In programma "Chasma – variazioni elettroacustiche sul tema del caos", un progetto di MaterElettrica, ensemble nato tre anni fa all'interno della Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio "E.R. Duni" di Matera, sotto la guida di Fabrizio Festa.

* * *

Silvia Corda, pianista e docente di pianoforte, si è diplomata in questo strumento al Conservatorio di Cagliari e in Jazz al Conservatorio di Sassari. I suoi interessi musicali spaziano dal jazz alla musica contemporanea, dall'improvvisazione radicale alla partecipazione a progetti multimediali che coinvolgono svariati linguaggi artistici (danza, video, cinema, teatro). Ha collaborato con Giancarlo Schiaffini, Paolo Fresu, Ettore Fioravanti, Tino Tracanna, Roberto Pellegrini, Victor Nubla, Simone Balestrazzi, Renato Ciunfrini, Guro Moe, Hovard Skaset, Takatsuna Mukai, Angelo Contini, Marcello Magliocchi, Alessandro Olla, Elia Casu, Paolo Sanna, DiFondo, Click Ensemble, Clara Murtas, Mario Faticoni, Bruno Tommaso, Adele Madau, Adriano Orru, Alessandro Garau, Orchestra Jazz della Sardegna, Moex Ensemble, Massimo Carboni, Gabriele Amadori, Ilaria Zedda, Alessandra Casula, Alessandra Giura Longo, Carla Onni, Michela Murgia. Insieme al contrabbassista Adriano Orrù ha fondato il gruppo di improvvisazione e composizione Impromptu e il quartetto Geometrie Variabili.

Ha inciso per la Splasc(h), per Digitalis Purpurea, SdM, TiConZero, Magick With Tears, La Bèl, Takatsunamukairecords. Ha interpretato musiche di Béla Bartók, Toru Takemitsu, Aaron Copland, Leonard Bernstein, Xiaoyong Chen (prima esecuzione in Italia dei "Diaries for piano"), Katia Tchemberdji (prima esecuzione in Italia dei "Six Haiku for piano"), Luciano Berio, Alberto Ginastera, Claude Debussy, Erik Satie, Vanessa Lann (prima esecuzione italiana di "Is a bell a bell?"). Partecipazioni: Time in Jazz, Ai Confini tra Sardegna e Jazz, Radio3 RAI "Invenzioni a 2 Voci", Ambiente Musica 2003, Concerti dei Seminari Nuoro Jazz, Cerisano Jazz, Varese in Jazz, Jazz in Sardegna, Veneto Jazz, Musica sulle Bocche, Barcelona Lem Festival, Signal Festival – Teatri del Suono, "Altipiani" per "Foreste Aperte", Forma e Poesia nel Jazz, Vivere Jazz per Estate Fiesolana, Stramb Fest, Teatro da camera, Signal cantieri, Sonus de Atongiu 2012, Spaziomusica Summer 2012, Mobiles 2013.

Finalista all'edizione 2013 del Concorso F. Liszt per pianisti-compositori di Bellagio lago di Como, in ottobre ha conseguito il secondo premio al concorso internazionale di composizione per Toy Piano e strumenti non convenzionali Uncaged Toy Piano 2013, svoltosi a New York.

Tra gli ultimi progetti e partecipazioni in ordine di tempo si possono ricordare la serie di concerti per piano solo intitolati "Portraits" con musiche originali, improvvisazioni e composizioni di autori contemporanei (M.Feldman, J.Cage, A.Copland, L.Berio). Insieme alla danzatrice e coreografa Carla Onni lo spettacolo "Il corpoforte" e successivamente, con la stessa Carla Onni e la flautista Alessandra Giura Longo, "In un'aria diversa", un progetto di musica e danza dedicato a Hildegarde Von Bingen. Con gli attori Clara Murtas e Mario Faticoni ha partecipato allo spettacolo "Gramsci – Bartok dialogo in contrappunto" suonando musiche dell'autore ungherese.

Nel 2011 esce "Untitled Soundscapes", un lavoro discografico in cui figura come pianista del gruppo "A Sphere Of Simple Green" insieme a Adriano Orrù al contrabbasso e Simon Balestrazzi ai live electronics, che ha ricevuto ottime recensioni (stampa, web magazines e Radio Rai 3 nazionale). Nel marzo 2012 esce "Collettivo di resistenza culturale", un CD live insieme al trombonista Angelo Contini con Elia Casu alla chitarra, Adriano Orrù al contrabbasso e Paolo Sanna alle percussioni. In occasione di Foreste Aperte, di Forma e Poesia nel Jazz e di Teatro da Camera 2012 ha presentato il proprio progetto di pianoforte solo intitolato "Portraits", in cui confluiscono composizione e improvvisazione affiancando musiche proprie a composizioni di importanti autori delle avanguardie del ‘900, della Musica Contemporanea e del Jazz. Ultimamente si è avvicinata al repertorio per Toy Piano. Nel 2012 ha infatti partecipato insieme al Talujon Quartet di New York a Imaginary Landscape – Omaggio a John Cage (Cagliari 31/08/2012) con un concerto di musiche per Toy Piano e pianoforte. In quell'occasione ha eseguito musiche di propria composizione oltre a lavori di Cage, McConnell, Essl, Curran. La partecipazione a "Sunya" del violinista e performer Takatsuna Mukai e "The Breath" del quartetto Geometrie Variabili sono le più recenti uscite discografiche.

Autori in repertorio: Claude Debussy, Erik Satie, Maurice Ravel, Camille Saint-Saens, Igor Strawinskij, Bela Bartok, Alberto Ginastera, Astor Piazzolla, Aaron Copland, Leonard Bernstein, Duke Ellington, Charles Mingus, Chick Corea, Dave Liebman, Wayne Shorter, Miles Davis, Kenny Weehler, Ornette Coleman, Thelonius Monk, Carla Bley, Steve Swallow, Katia Tchemberdji, Toru Takemitzu, Xiaoyong Chen, Luciano Berio, John Cage, Matthew McConnell, Karlheinz Essl, Alvin Curran, Joyce Wai-chung Tang, Aaron Copland, Morton Feldman, Charles Ives, Vanessa Lann, Kaija Saariaho.www.silviacorda.com

Simon Balestrazzi, musicista e compositore elettronico/elettracustico, nasce a Parma nel 1962. E' laureato in architettura e diplomato in ingegneria del suono presso l'Institute for Audio Research di New York. Nel 1976 inizia una personale ricerca tra le forme più estreme della musica rock e contemporanea, abbandonando gli studi di chitarra classica per sperimentare con strumenti autocostruiti e primitivi registratori a bobine. Nel 1981 fonda i T.A.C. (Tomografia Assiale Computerizzata), storico gruppo ricordato tra i pionieri della musica post-industrial italiana. A partire dal 1982 ha realizzato numerosi album e suonato in tutta Europa, a proprio nome o partecipando attivamente ad altri progetti tra cui Kirlian Camera e Kino Glaz.

Dal 1999 vive e lavora a Cagliari dove, oltre a dedicarsi a installazioni e performance site-specific e alla realizzazione di colonne sonore per danza e teatro, è attivamente impegnato nel campo dell'improvvisazione radicale. Ad oggi ha registrato, collaborato o suonato live con artisti come Paolo Angeli, Gianluca Becuzzi, Bron Y Aur, Elia Casu, Mattia Coletti, Sylvie Courvoisier, Bruno Dorella e Stefania Pedretti (OvO), Max Eastley, Henning Frimann, Hermetic Brotherhood Of Luxor, Tim Hodgkinson, Xabier Iriondo, Elio Martusciello, MS Miroslaw, Ikue Mori, Clara Murtas, Phill Niblock, Victor Nubla, Alessandro Olla, Plasma Expander, Maja Ratkje, Paolo Sanna, Damo Suzuki, TH26 e Z'EV. Attualmente opera oltre che a proprio nome anche con numerosi gruppi e ensemble di cui è stato fondatore, tra cui Candor Chasma (in duo con Corrado Altieri), Dream Weapon Ritual (con la cantante e attrice Monica Serra), Sarang (con Enrico Marani), A Sphere Of Simple Green (con Adriano Orrù e Silvia Corda), Resonance Behaviour (con Andrea ‘Ics' Ferraris) e con l'ensemble di improvvisazione elettroacustica MOEX.

 
 
* * *

Associazione Spaziomusica
via Liguria 60 - 09127 Cagliari
tel 070 40 08 44 - 339 65 54 314
 

Ufficio stampa:
RICCARDO SGUALDINI
tel.: 070 34 95 415; cell.: 347 83 29 583;
  Visualizza tutte le immagini   Condividi tutte le immagini  

mercoledì 30 ottobre 2013

Luci spente nella storia di Maurizio Cavina

Verrà presentato il libro

Luci spente nella storia

di Maurizio Cavina · Scheda del Libro →

venerdì 1 novembre 2013, ore 17:30
Oratorio di Sant' Antonio, Via Dante 21, Orbetello (GR)
 C&P Adver Effigi | Blog

Feed Facebook Youtube Twitter Google Plus Email

C&P Adver Effigi S.n.c. Mario Papalini
Sede legale: Via Roma 14 Sede operativa: Via circonvallazione Nord 4
58031 Arcidosso (GR) 
| Tel. e fax 0564 967139 Mob. 348 3047761

Fides et Caritas Il Beato Gherardo de’ Saxo e i 900 anni dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta di Alessio Varisco

Verrà presentato il libro

Fides et Caritas

Il Beato Gherardo de’ Saxo e i 900 anni dell’Ordine di San Giovanni
di Gerusalemme di Rodi e di Malta

di Alessio Varisco · Scheda del Libro →

giovedì 31 ottobre 2013, ore 17:00
Biblioteca, Piazza Vittorio Veneto 6, Chiusi (SI)
Moderatore
Dr.ssa Chiara Lanari, Assessore alla Cultura del Comune di Chiusi

Interverranno
Dr.ssa Chiara Benedetta Rita Varisco, Giurista
Prof. Dott. Uff. Alessio Varisco, Docente e Direttore Antropologia Arte Sacra,
Ufficiale dell’Ordine pro Merito Melitensi
 C&P Adver Effigi | Blog

Feed Facebook Youtube Twitter Google Plus Email

C&P Adver Effigi S.n.c. Mario Papalini
Sede legale: Via Roma 14 Sede operativa: Via circonvallazione Nord 4
58031 Arcidosso (GR) 
| Tel. e fax 0564 967139 Mob. 348 3047761

domenica 27 ottobre 2013

Spaziomusica: oggi al Ghetto di Cagliari l'opera multimediale "Noos".



Spaziomusica: oggi al Ghetto (ore 21) l'opera multimediale "Noos".
*
Dopo una pausa di due settimane, riprende la stagione concertistica di Spaziomusica, la rassegna di musica contemporanea organizzata a Cagliari dall'omonima associazione, che fra questa domenica (27 ottobre) e quella successiva (3 novembre), concentra il grosso della sua attività autunnale: cinque serate nell'arco di otto giorni, tutte in programma al Ghetto (il centro d'arte e cultura in via Santa Croce, nel quartiere di Castello), con ingresso gratuito e un occhio di riguardo per le nuove produzioni.

Apre la serie, domani (domenica 27) alle 21, "Noos"un progetto del gruppo MOA, un collettivo di compositori attivo dal 2010 nel campo della ricerca musicale e del linguaggio sonoro in relazione e in continuo dialogo con le altre arti. Si tratta di un'opera multimediale che utilizza video, animazione digitale, musica strumentale e musica elettronica per evocare le suggestioni oniriche derivate da un rito praticato in Sardegna, e in genere in tutta l'area del Mediterraneo e dell'Egeo, fin da tempi più remoti: l'incubazione, ovvero il rituale di dormire in un'area sacra per sperimentare in sogno rivelazioni sul futuro oppure liberarsi da mali fisici o mentali.

"Noos" è il frutto di un lungo percorso di produzione artistica partito lo scorso febbraio, "MOA - Laboratorio III", che ha coinvolto gruppi di artisti provenienti da diversi ambiti disciplinari nella sperimentazione di nuove modalità di creazione."Luogo di reciproca ispirazione" è stato eletto il territorio di Gesico, in Trexenta, dove gli artisti hanno potuto lavorare alla realizzazione dell'opera condividendo idee, esperienze e quotidianità. Il gruppo di lavoro è composto da dieci compositori Nicoletta Andreuccetti, Antonio Bonazzo, Maura Capuzzo, Christian Cassinelli, Carlo Ciceri, Marcello Liverani, Alessandro Milia, Cesare Saldicco, Michele Sanna, Roberto Vetrano -un ensemble di cinque strumentisti -Roberta Cassinelli (clarinetto e clarinetto basso), Enrica Marini (violino), Stefano Colombelli (contrabbasso), Michele Sanna (chitarra elettrica ed effetti), Christian Cassinelli (tastiere ed elettronica) e due videoartistiLien Nollet Chiara Verdesca per le animazioni.

Realizzato con il patrocinio del Comune di Gesico e in collaborazione con il Festival Spaziomusica e La Corale di Siurgus Donigala, "Noos" approda a Cagliari all'indomani del suo debutto a Gesico.

Prossimo appuntamento con la rassegna lunedì 28sempre al Ghetto con inizio alle 21altre sonorità e atmosfere in un concerto che alterna pagine di grandi classici - Schumann, Debussy, Chopin - e di autori turchi come Ulvi Cemal Erkin, Kamran InceNazim Hidayetoğlu, Sayram Akdil. Il compito di interpretarle spetta alla pianista Ruya Taner, considerata uno dei talenti della tastiera più rappresentativi della nuova generazione sulla scena musicale turca, e al percussionistaDincer Özer.


* * *

Associazione Spaziomusica
via Liguria 60 - 09127 Cagliari
tel 070 40 08 44 - 339 65 54 314
 

Ufficio stampa:
RICCARDO SGUALDINI
tel.: 070 34 95 415; cell.: 347 83 29 583;
YouTube - Video da questa email

sabato 26 ottobre 2013

LA POESIA DEL SABATO DI LIBRA - COLLETTIVA DI POETI Roma, 27 ottobre alle 18 GIARDINO PARIOLI

Io lo so che l'hai vista
la felicità
seduta a tavola insieme al pane
piuttosto che a volo libero, lei
era lì a dirsi in sosta
in attesa di un respiro

immagino la tua riflessione
i colori che metti nell'arcobaleno post atomico
e il patto che stipuli in silenzio
immagino tutto
e aspetto.

m.m.
.......................................

Domenica 27 ottobre alle 18
riprendono i pomeriggi di poesia di Libra al GIARDINO PARIOLI

COLLETTIVA DI POETI
DOVE CEDONO LE STELLE di Chiara Serafino Campolattano
&
letture libere di poeti esordienti
Giardino Parioli, via Antonio Bertoloni 3b (Roma)
tel. 06-8083307

seguirà aperitivo
Ingresso libero