La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

lunedì 3 novembre 2014

Bicchiere io mi chiamo by GIANNI ZANATA

Bicchiere io mi chiamo.
Quando l’ho saputo, non ho potuto fare a meno di mettermi a ridere. È stata una reazione spontanea, immediata. Mi ha fatto molto ridere. Ridere tantissimo. Sono uscito da casa e mi sono diretto verso il parco. Camminavo, pensavo e ridevo. Più ci pensavo, più trovavo la cosa esilarante. La cosa in sé e il pensiero: entrambi. E così ho continuato a ridere. Una risata tonda, grassa, circolare. Se fosse stato il viso di un uomo, sarebbe stato tondo, grasso, circolare e con la barba. Più immaginavo quel viso, più mi veniva da ridere. Una risata sfacciata e impertinente. Tant’è che a un certo punto si è avvicinato un tizio e mi ha detto Allora, hai molto da ridere? Sì, gli ho risposto, questa cosa mi fa morire dal ridere. Ridevo e non riuscivo a smettere di ridere, nemmeno mentre gli spiegavo i dettagli. Spiegavo e ridevo.
Il tizio mi ha ascoltato, si è messo a pensare, si è messo a ragionare sulla cosa. Non sembrava granché interessato, almeno all’inizio. Poi però mi ha guardato. Ho notato che non riusciva a trattenersi. Quando si dice una risata irrefrenabile e contagiosa. Un istante dopo si è messo a ridere pure lui. Risate tonde, grasse, circolari. Eravamo piegati in due dalle risate. Proprio da star male. Mi sono detto Adesso smetto, basta. Così ho smesso. E anche il tizio ha smesso.
Basta.
Siamo rimasti in silenzio. Giusto un attimo. Il tempo di uno sguardo.
Niente. Non ce l’abbiamo fatta.
Abbiamo ripreso a sghignazzare, ridere e ululare. Tanto da cadere per terra. Tanto da lacrimare. Risate sempre più tonde, sempre più grasse e circolari.
Ci rotolavamo tra siepi e panchine senza vergogna. Poco più in là una donna ci osservava. Prima da lontano, poi da più vicino. Sembrava più infastidita che incuriosita. Con tono grave e accusatorio ha detto Ma non vi vergognate, eh, alla vostra età, a stare lì, buttati per terra? Noi allora ci siamo seduti, abbiamo cercato di ricomporci. Ma è stato più forte di noi. Per tutta risposta ci siamo messi a ridere, ancora più forte, in modo ancora più sguaiato. Sdraiati per terra, le mani sulla pancia, i muscoli del viso indolenziti dalle risate.
La donna non ha detto nulla. Si è allontanata scuotendo il capo. Il tizio allora le ha detto Senti, aspetta, questa cosa fa sganasciare dalle risate, come fai a resistere? Lei si è fermata, si è voltata e si è portata una mano alla bocca. Ecco. Stava ridendo pure lei. Non riusciva a smettere. Piegata in due. Non è possibile, urlava, non è possibile. Aveva un modo di ridere che ci faceva ridere. Le trascinava, le risate, le allungava sino a trasformarle in grida soffocate e gorgoglianti, in lamenti nudi e singhiozzanti.
La donna si è lasciata cadere per terra. Si stava contorcendo dalle risate. Da stare male. Lei peggio di noi. Noi peggio di lei. A ridere. Tanto da restare senza fiato.
Così siamo rimasti.
Proprio senza fiato.
Distesi per terra. Gli occhi sbarrati a guardare il cielo. Un velo sottile di polvere sulla pelle. Cosparsi di cognac. Rispettosi della verità.
In fondo in fondo soltanto coglioni.

arcenciel

Nessun commento:

Posta un commento