La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

lunedì 3 novembre 2014

Stile Lìberos a Villa Verde: cultura chiama cultura

Stile Lìberos a Villa Verde
Il terzo convegno Stile Lìberos, culmine del festival Éntula, sarà a Villa Verde (OR), l’8 e il 9 novembre, con un’anteprima a Cagliari il 7. Il tema di quest’anno è “L’economia della conoscenza: la cultura che crea sviluppo” e non è un caso se abbiamo scelto proprio Villa Verde, e più precisamente lo spazio Move The Box, per parlare di sviluppo legato alla cultura.
 
Il Centro di Produzione Culturale della Marmilla Move The Box è un progetto dell’Agenzia di Sviluppo Locale Due Giare, volto a contribuire allo sviluppo dell’area tramite iniziative innovative di riconversione economica e sociale del territorio rurale. Il nome racchiude e simboleggia il dinamismo mentale che si intende stimolare con l’attivazione dei processi di crescita culturale: Move The Box - Muovi la scatola! Move your mind! Stimola la tua mente! (Non vi ricorda éntula?)

Il Centro, ideato sul duplice principio di interdisciplinarietà e interculturalità, vuole essere un luogo per l’investimento sull’Economia della Conoscenza e sulla capacità di costruire impresa attorno ad essa, uno spazio dedicato ad ospitare talenti appartenenti a tutti i settori culturali e creativi, ricercatori e strutture di formazione d’eccellenza, oltre a incubatori di imprese innovative.

Ecco quindi che le strade di Lìberos e Villa Verde si incontrano: il percorso intrapreso da entrambi  incide  sulla conoscenza e sulla crescita del capitale umano di un territorio e sull’incremento della esposizione dei cittadini alla cultura. È ormai dimostrato scientificamente che l’accesso culturale e il contatto con la creatività genera, in chi lo vive, predisposizione all’innovazione, apertura mentale, curiosità intellettuale, disponibilità al cambiamento e benessere fisico e mentale.

Noi saremo lì l’8 e il 9 novembre, a discutere di economia della conoscenza, cultura e sviluppo. Oltre ai temi strettamente legati al mondo del libro, apriremo anche alla cultura più in generale, all'innovazione e all'etica applicata alle imprese.

L’invito che vi rivolgiamo non è solo quello di esserci in quei due giorni ma anche di prendere contatto con quella realtà, con quei progetti e con quelle persone, che come noi credono che le risorse culturali siano un fattore di sviluppo, anche economico, del territorio e che il capitale umano sia il vero motore di una comunità.

Il programma completo è su http://entula.liberos.it/#programma.convegno

Documenti

Nessun commento:

Posta un commento