La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

sabato 23 agosto 2014

I BRONZI DI RIACE NON SONO MANICHINI NE' PELLEGRINI. E NEMMENO GLI SPONSOR DI UN’ITALIA DISASTRATA, di Ludovica De Nava

I BRONZI DI RIACE NON SONO MANICHINI Né PELLEGRINI. E NEMMENO GLI SPONSOR DI UN’ITALIA DISASTRATA.

Le iniziative avallate dalla soprintendente del Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria ( permettere che i bronzi di Riace venissero fotografati con veli, perizoma e boa di struzzo) e del ministro Franceschini ( mandare i bronzi di Riace a Milano, all’expò o altrove) sono a dir poco insensate, e simili alla violenza che le grandi navi da crociera fanno entrando nella laguna di Venezia, . Le più grandi statue di bronzo esistenti al mondo, i bronzi di Riace, hanno più di 25 secoli: il mare li ha conservati e ce li ha restituiti. Sono stati restaurati con grande cura e vengono conservati a temperatura controllata e costante per evitare il loro deterioramento. Forse questo il ministro Franceschini lo ignora. I capolavori dell’arte VANNO AMMIRATI DOVE SI TROVANO. Gli altri paesi del mondo non mandano in pellegrinaggio i capolavori a rischio che si danneggino. Noi ne abbiamo più di tutti. Invece di pensare a spostarli, DOVREMMO FARE IN MODO CHE SIA Più FACILE PER I TURISTI RAGGIUNGERLI.
COME?
Nel caso dei bronzi di Riace, ottimizzando i TRASPORTI, che sono invece stati gravemente penalizzati. Organizzare pullman da Roma e da Milano, viaggi onnicomprensivi di soggiorno in albergo e visita alla città di Reggio e dintorni e visita al Museo. WAGONS LITS E CARROZZE CON CUCCETTE: SERVIZIO CHE è STATO SOPPRESSO. PER REGGIO NON SI Può Più VIAGGIARE DI NOTTE. Un museo che resta isolato dal resto del mondo, una città che è difficile raggiungere anche in macchina ( la Salerno –Reggio Calabria è disseminata di birilli e strettoie per duecento chilometri, e Passera “ci ha messo la faccia” per fare terminare i lavori entro il 2013….!). I viaggi dal nord Italia e da Roma alla Sicilia non toccano Reggio: i treni passano lo Stretto a Villa S. Giovanni. Reggio, il suo splendido lungomare, il giardino botanico della “Via Marina”, il Museo della Magna Grecia, la visuale unica della Sicilia di fronte, e dell’Etna cantata da Pindaro,restano ignote alla maggior parte dei turisti, per l’impreparazione degli amministratori, ma non solo di quelli locali. IL GOVERNO DOVREBBE ACCORGERSI, E CAMBIARE PASSO. Reggio Calabria e le sue coste dovrebbero essere valorizzate e TUTELATE. E si dovrebbe incentivare il turismo anche agevolando i viaggi per raggiungere la punta estrema della Calabria, e non tagliarla fuori, per poi sottolineare che si è speso tanto per il Museo che però ha pochi visitatori. CHE SI FACCIANO ANCHE ASSUNZIONI DI PERSONALE PER I MUSEI IN TUTTA ITALIA. ABBIAMO UNA GRANDE RISORSA, POTREMMO SUPERARE LA CRISI. E’ UNA GRANDE OPPORTUNITA’!
Ludovica De Nava



Creata da
Ludovica Cristina De N.Italia
Inviare a:
Matteo Renzi, Dario Franceschini, presidente Regione Calabria
FIRMA LA PETIZIONE 
Salviamo i Bronzi di Riace
Inserisci il tuo indirizzo email
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.

Nessun commento:

Posta un commento