La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 10 agosto 2014

La malinconia dello scolapasta, by Gianni Zanata



La malinconia dello scolapasta.
Una volta ho conosciuto un tizio che per evitare di farsi rapire dagli alieni si metteva in testa uno scolapasta. Non proprio uno scolapasta ma una cosa così. Una specie di elmetto con tanti buchi. Che lui comunque lo usava anche per scolare la pasta, l’elmetto coi buchi, oltre che per evitare di farsi rapire dagli alieni.
E insomma.
Poi un giorno il tizio l’ho incontrato che non aveva più lo scolapasta in testa. Mi ha detto che non era vero nulla, che gli alieni non esistono e che son tutte balle, quelle che si leggono sui giornali. Che non so quali giornali leggesse lui, ma non me la sono sentita di chiederglielo.
Ora uso i tappi per le orecchie, ha detto mostrandomi due tappi per le orecchie. È per via delle urla. Non sopporto le urla, ha aggiunto infilandosi i tappi nelle orecchie. Le urla degli alieni. Sono endemiche, ha precisato. Forse non lo sai ma le urla degli alieni sono endemiche.
E insomma.
Il tizio somigliava a Toto Cutugno. Due gocce d’acqua. Tant’è che una volta gli ho chiesto di cantarmi Azzurra Malinconia. Ma non mi ha sentito. Credo avesse i tappi.
scolapasta

Nessun commento:

Posta un commento