La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

sabato 12 gennaio 2013

''Toccare il fondo finamente, …. Cortronico astratto steroscopico'', di Tonino Casula con musica di Roberto Zanata


toccare il fondo finalmente from tonino casula on Vimeo.

 ''Toccare il fondo finamente, …. Cortronico astratto steroscopico e 2D, durata 2′ 05 '' e' stato presentato il 17 ottobre 2012 nell’ambito del Festival Internazionale di Musica Elettroacustica2012 del Conservatorio Santa Cecilia a Roma, Università Tor Vergata, dagli artisti ospiti Tonino Casula e Roberto Zanata, nomi assai celebri, quasi storici per l’arte sperimentale italiana.
“Toccare il fondo finalmente” contiene alcune aporie percettive che nascono dal comportamento fantastico di un “buco”. Esso, guidato dalla musica di Roberto Zanata, si sposta su una superficie, affacciandosi in uno sfondo di cui veste la pelle; vola su quella superficie e si pone come oggetto che vi proietta le ombre; è capace di “bucare” ogni altro oggetto che si ponga davanti a lui, senza mai perdere la pelle dello sfondo, ma si lascia coprire dagli stessi oggetti, quando sono essi a muoversi dietro. Le aporie, tuttavia, non producono forti contrasti percettivi: su tutto lo spazio, infatti, le leggi sulla pregnanza riconducono ogni cosa a una visione illogicamente “normale”, soprattutto nel formato 2d. Molto meglio, nel formato stereo”.

Tonino Casula, sardo, è protagonista dalle origini della sperimentazione video italiana contemporanea, anni 70 : e sempre in progress, in mutazione creativa in una sintesi anima-computer, uomo-tecnologia di raro equilibrio, spesso supportato come soundtrack da musicisti d’avanguardia in perfetta simbiosi elettivo-sonora (dal 2007 Roberto Zanata) e nello specifico inventore del video Cortronico cosiddetto: ““Anche se attualmente mi occupo solo di cortronici e delle loro implicazioni tra immagine e suono, ne vengo da una lunga carriera di pittore, durante la quale, com’è giusto che sia per ogni pittore, ne ho fatto di tutti i colori. Alla fine degli anni 80, mi sono domandato se, come artista, vivevo davvero il mio tempo e, trovandomi sommerso da un oceano di oggetti da appendere al muro (quadri), ho capito che, nella ricerca delle mie poetiche di lavoro, volgevo il mio sguardo al passato. Così, ho preso ad amare il computer e a produrre, con questa macchina, dapprima le mie computer graphics, poi le diafanie e i cortronico bidimensionali, a cui sono seguiti i cortronici, Decisi di chiamare cortronici i miei video dopo che il poeta visivo Gianni Toti mi definì pittronico (pittore elettronico). I mie cortronici sono bidimensionali o tridimensionali, a seconda che siano realizzati con programmi bidimensionali o tridimensionali, mentre mi appresto a chiamare cortronici tridimensionali a visione stereoscopica i video che realizzerò più avanti col sistema 3D del cinema”.

 Nato a Cagliari, Roberto Zanata si e' laureato con lode in Filosofia. Compositore, musicista e studioso di musica elettroacutstica e elettronica. Attivo dai primi anni Novanta ha realizzato in Italia e all'estero composizioni per musica da camera, allestimenti teatrali, computer music, arte elettronica, acusmatica e opere multimediali. Dal 2002 e' membro della Societa' Italiana d'Estetica. Nel 1990 per la Galleria Intergrafica di Cagliari ha realizzato "Assenza Ingiustificata" – istallazione multimediale in collaborazione con R.Musanti. Messa in scena e musiche de "L'ultimo nastro di Krapp", Teatro Palazzo D'Inverno (Cagliari - 1996). Ha partecipato nel 1996 agli Internationale Ferienkurse fur Neue Musik di Darmstadt dove ha studiato tra gli altri con K.Stockhausen e M.Spalinger. Nel 1997 e' stato compositore ospite alla Biennale di Musica Contemporanea di Zagabria. Ha partecipato nel 1999 a Szombathely (Ungheria) ai Seminari di composizione organizzati in occasione dell'Internazionale Bartok Festival dove ha studiato con M.Jarrell e M.Stroppa. Una sua composizione e' stata selezionata e eseguita durante lo svolgimento del festival: "Cablogramma" per violoncello e elettronica (quest'ultima realizzata con tecniche di sintesi del suono elaborate con il software Csound). Ha partecipato nel 1999 come compositore al Festival Internazionale di Musica Contemporanea di Pola (Croazia). Ha partecipato come compositore e contribuito a promuovere l'organizzazione nel 2000 di un seminario tenuto a Grosignana (Istria) dal maestro Agostino Di Scipio sull'uso del Kyma (sound design environment) per la composizione musicale algoritmica. Nel corso del seminario ha realizzato per Kyma la composizione "Sintesi". Nel 2001 ha collaborato con l'Accademia della musica di Zagabria come compositore presso il laboratorio dimusica elettronica. Ha partecipato nel 2003 alla Biennale di Musica Contemporanea di Zagabria sia come compositore che conferenziere. Gli e' stata eseguita in prima assoluta la composizione "Cifre per quartetto d'archi" per elettronica e quartetto d'archi. Ha tenuto una conferenza dal titolo "Criticism and sound: Music for programe" in occasione del Simposio Internazionale dedicato al tema "Musical constellations in the digital age" . Nel 2004-2005 ha seguito diversi seminari presso l'Archivio L.Nono a Venezia. Nel 2005 ha composto le musiche per lo spettacolo teatrale "Requiem" su testi di A.Tabucchi, regia di A.Iovinelli, rappresentato presso l"Istituto Italiano di Cultura - Zagabria. Nel 2006 ha composto le musiche per lo spettacolo teatrale "Orazi e Curiazi" per la regia di A.Iovinelli realizzato in collaborazione con la filodrammatica dell'Universita' di Zagabria e l'Istituto Italiano di Cultura rappresentato sia in Croazia che in Ungheria. Nel 2007 ha partecipato come musicista e compositore al Festival Music in Touch organizzato da Spaziomusica Ricerca (Cripta di S.Domenico - Cagliari, Italia) con la performance audio-video "Jet Lag" realizzata con R.Musanti. Dal 2007 collabora attivamente con la clavicembalista S.Majurec alla realizzazione di alcune composizioni basate sull'improvvisazione da cui "LHE" per clavicembalo e live eletronics. Dal 2008 collabora attivamente con il pittore e artista elettronico Tonino Casula alla realizzazione di musiche per cotronici (cortometraggi elettronici).

Nessun commento:

Posta un commento