La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

lunedì 11 maggio 2015

NON DI QUESTO PRESENTE ORA BISOGNA VIVERE

chiodi

NON DI QUESTO PRESENTE ORA BISOGNA VIVERE (di Giovanni Raboni)




rsbaplatinia cura di Rosalba Platini
_________________________________________








Non di questo presente ora bisogna
vivere – ma in esso sì – non c’è modo
pare, d’ averne un altro, non c’è chiodo
che scacci questo chiodo. Né chi sogna
va meglio, che più le volte si infogna
a figurarlo, e fa più groppi al nodo
se cerca di disfarlo (sta nel todo
che si crede nel nada, sempre) o agogna
ma con che lama? troncarlo. La mente
infortunata non ha altra fortuna
dunque, che nel pensiero? Certo a niente
più la mia si consiglia che se in una
deposizione o un offertorio gente
dispersa solennemente s’aduna.
[da: “Altri sonetti”]

_____________
IL COMMENTO
di Rosalba Platini
_____________
Giovanni Raboni, poeta milanese scomparso nel 2004 è autore di una poesia ricca di connotati etici e civili, caratterizzata da riflessioni sulla morte, sull’eros, sulla cronaca e sui tanti elementi che costituiscono la vita di un uomo.
Il tono delle sue poesie è colloquiale, con espressioni a volte gergali, con una predilezione per i toni bassi, allusivi e discreti:”…un linguaggio diverso da quello che usiamo per comunicare nella vita quotidiana e di gran lunga più ricco, più completo, più compiutamente umano; un linguaggio al tempo stesso accuratamente premeditato e profondamente involontario, capace di connettere tra loro le cose che si vedono e quelle che non si vedono, di mettere in relazione ciò che sappiamo con ciò che non sappiamo…”
In questo sonetto Raboni riflette su una doppia constatazione: l’ineluttabilità di vivere nel presente e il desiderio, salvifico, di estraniarsi dal presente attraverso il sogno. Ma neanche il sogno può colmare uno stato di insoddisfazione, certo non può bastare la funzione di “chiodo scaccia chiodo”. Non solo, facendoci balenare aspettative lontane dalla realtà, non fa che ingarbugliarla, rendendone inestricabili i nodi .
“La mente infortunata”, dovendo consistere “in” questo presente, ha come solo rifugio il pensiero. Non il sogno, dunque, creatore di illusioni, ma l’estrema libertà del pensare consente all’uomo di vivere “nel” tempo e non “del” tempo, difendendo la propria unicità tra la “gente” che “solennemente s’aduna”.

Nessun commento:

Posta un commento