La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

venerdì 1 maggio 2015

SIAMO SARDI (di Grazia Deledda)

grazia-deledda

SIAMO SARDI (di Grazia Deledda)


marisacardua cura di Marisa Cardu
_________________________________________






Siamo spagnoli, africani, fenici, cartaginesi, romani, arabi, pisani, bizantini, piemontesi.
Siamo le ginestre d’oro giallo che spiovono sui sentieri rocciosi come grandi lampade accese.
Siamo la solitudine selvaggia, il silenzio immenso e profondo, lo splendore del cielo, il bianco fiore del cisto.
Siamo il regno ininterrotto del lentisco, delle onde che ruscellano i graniti antichi, della rosa canina,
del vento, dell’immensità del mare.
Siamo una terra antica di lunghi silenzi, di orizzonti ampi e puri, di piante fosche,
di montagne bruciate dal sole e dalla vendetta.
Noi siamo sardi.
LA NOTA di Marisa Cardu
Le parole di Grazia Deledda spiegano come mai qui da noi capiti che il sud del’isola non capisca il dialetto del nord e viceversa. Le incursioni, le dominazioni son state talmente tante e ciascuna ha lasciato tracce della sua lingua, che condiziona l’idioma parlato attualmente nella varie parti. La lingua sarda vera e propria è il logudorese, mentre gli altri sono dialetti, alcuni collegati fra loro, altri decisamente diversi, tanto da essere incomprensibili gli uni agli altri. Sassari non capisce Cagliari, Cagliari non capisce Sassari. Un linguista saprebbe spiegare meglio le derivazioni, ma una inesperta quale io sono, sa soltanto che il latino e lo spagnolo sono facilmente individuabili. Poi ci sono gli “stranieri” in patria, il catalano parlato ad Alghero e il tabarchino parlato a Carloforte. Siamo stati terra di conquista e le eredità linguistiche ci costringono ad esprimerci in italiano, bene o male che lo si faccia, altrimenti il visitatore, se parlassimo in sardo, non capirebbe un’acca!

Nessun commento:

Posta un commento