La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 10 settembre 2015

Com’è fatta una nonna

da il manifesto
RUBRICHE

Com’è fatta una nonna

I bambini ci parlano. La rubrica settimanale a cura di Giuseppe Caliceti

Come è fatta una nonna?
«Le nonne sono donne un po’ anziane che una volta erano mamme e lo sono anche adesso, ma i loro figli o le loro figlie, adesso, sono diven­tati grandi. Sono anziane, ma non sono vec­chie. Se dici a mia nonna che è vec­chia, lei bron­tola un po’ e fa finta di arrab­biarsi». «Tutte le nonne, sia le più gio­vani sia le più anziane, quando sulla terra c’erano i dino­sauri, non erano ancora nate. Nes­suna». «Le nonne hanno le gambe, le brac­cia, la fac­cia e tutto il resto del corpo uguale a una mamma, solo che la loro pelle è diversa, anche in fac­cia: ha più pie­ghe. Gli occhi però sono sem­pre uguali, sem­pre gio­vani». «Le nonne hanno i capelli bian­chi». «Mia nonna no. Mia nonna ha ancora i capelli quasi tutti neri. E anche le sue ami­che nonne hanno i capelli neri, biondi, castani. Una ce li ha addi­rit­tura azzur­rini!». «Mia nonna, per vedere bene, si deve met­tere gli occhiali». «Io e mia nonna siamo alte uguali. E por­tiamo tutte e due lo stesso numero di scarpe: il numero 36. Io però ho otto anni quasi nove, lei invece ne ha set­tan­tan­ta­quat­tro».
«Alcune nonne sono un po’ sorde. Mia nonna invece ci sente benis­simo». «Più un bam­bino diventa grande, più una nonna diventa anziana». «Mia nonna non mi ha mai dato uno schiaffo e credo pro­prio che non me lo darà mai». «Se dico una bugia a mia nonna, lei non dice niente, però fa una fac­cia che a me sem­bra che lei lo sa, che io ho detto una bugia. E’ come se lei sapesse che l’ho detta ma non volesse dir­melo per non farmi capire che mi ha scoperto».
Cosa fanno le nonne?
«Loro non lavo­rano, sono in pen­sione. Per­chè loro hanno già lavo­rato». «Mia nonna, quando non sta con me, passa quasi tutto il giorno a fare due cose: cuci­nare o pulire la casa con una scopa o con uno strac­cio. Quando è stanca di cuci­nare e di pulire, si sdraia sul divano e guarda la tv. Quando guarda un po’ la tv, le viene sem­pre sonno». «Mia nonna pre­para sem­pre piatti squi­siti da man­giare. O pre­para con­serve di pomo­doro. O mar­mel­late di mele e di albi­coc­che e di cilie­gie. O liquori con le noci e le erbe». «Mia nonna rompe il guscio delle noci e met­tere tutto il buono da man­giare den­tro un vasetto di vetro: così, se io voglio man­giarle, non devo nep­pure sgu­sciarle». «Mia nonna sa cucire un bot­tone alla cami­cia di mio papà con l’ago e il filo. Mette il filo den­tro al buco che c’è nell’ago e poi fa la cuci­tura. Lei tiene anche un pen­to­lino per non farsi male alle dita che si chiama ditale». «Mia nonna cuce le calze rotte, non le butta via». «Mia nonna a volte fa il bucato, altre volte stira». «Mia nonna sa fare anche lo zaba­glione: una crema buo­nis­sima da man­giare che si fa con il rosso delle uova e lo zuc­chero, mischian­dole insieme con un frul­lino che ha una mano­vella di fianco. Oppure lei sa mischiare tutto insieme anche senza frul­lino, sbat­tendo forte attorno alla sco­della con un cuc­chiaio». «Die­tro a uno spor­tello della sua cucina, mia nonna tiene sem­pre pronta una tavo­letta di cioc­co­lata o un pac­chetto di pata­tine per me». «Quando deve andare a fare la spesa, mia nonna ci va a piedi. Quando deve andare in città, mia nonna prende il tram». «Io una volta ho inse­gnato a mia nonna a fare dei brac­cia­letti intrec­ciando insieme dei pic­coli ela­stici colo­rati che si com­prano alla Grande Mura­glia, un nego­zio di cinesi che c’è in città. Ha impa­rato benis­simo. In mezz’ora si è fatta un brac­cia­letto rosa e blu». «Mia nonna passa molto tempo a tele­fo­nare a delle sue ami­che nonne come lei». «Le nonne non vogliono mai but­tare via le cose vec­chie per­ché dicono che potreb­bero sem­pre ser­vire. Le nonne non cor­rono molto. Non dicono paro­lacce o le dicono di nasco­sto. Non fanno mai i con­fronti tra una loro nipote e un’altra nipote. O la nipote di una loro amica che è nonna anche lei».

Nessun commento:

Posta un commento