La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 13 settembre 2015

Jean-Claude Izzo, il cuore di Marsiglia

Jean-Claude Izzo, il cuore di Marsiglia



Lo scrittore nacque nel quartiere del Panier, abitato da migranti corsi e italiani, quartiere storicamente considerato dal resto dei marsigliesi luogo di malaffare.

Luciano Del Sette

Jean-Claude Izzo il cuore di Marsiglia

Solo il pro­logo e l’epilogo fanno ecce­zione. Lì non com­pa­iono. Le ritrovi, invece, pun­tuali, sem­pre intro­dotte dalla for­mu­la­zione ‘Nel quale’, sotto la scritta che indica il numero del capi­tolo. Sono due righe che pos­sono sfug­gire al let­tore immerso nello scor­rere delle vicende della Tri­lo­gia di Fabio Mon­tale, il com­mis­sa­rio creato da Jean Claude Izzo.

Pos­sono sfug­gire per­ché a loro viene da asse­gnare il valore di una sem­plice cita­zione, di un pic­colo diver­ti­mento let­te­ra­rio. Invece, se messe in fila, quelle due righe, cen­to­venti in tutto tra Casino totale, Chourmoe Solea, i romanzi della Tri­lo­gia, assu­mono ben altro valore. Come se fos­sero parole scritte con l’inchiostro sim­pa­tico, che solo il calore di una fiamma può ren­dere evi­denti, diven­tano espres­sione dell’anima inte­riore e let­te­ra­ria di Izzo.

Descri­vono il suo amore senza con­di­zioni per Mar­si­glia, l’identità dei suoi per­so­naggi, il suo credo morale e poli­tico, la coscienza della dispe­ra­zione altrui, la ricerca della spe­ranza sovente scon­fitta dalla disil­lu­sione. Pro­viamo, allora, a met­terne in fila qual­cuna, per rac­con­tare Izzo, cui non calza fino in fondo la defi­ni­zione di autore del genere ‘noir’, che ha fer­mato la sua penna e con­cluso la sua vita nell’ultima set­ti­mana di gen­naio del 2000. Quin­dici anni fa, a cin­quan­ta­cin­que anni.

Da Casino totale «Anche per per­dere biso­gna sapersi bat­tere; anche senza pos­si­bi­lità, scom­met­tere signi­fica spe­rare; l’onore dei soprav­vis­suti è soprav­vi­vere; è nel dolore che si risco­pre di essere un esi­liato; è meglio espri­mere ciò che si sente; l’unica trama è l’odio del mondo». Da Chourmo. Il cuore di Mar­si­glia «Di fronte al mare la feli­cità è un’idea sem­plice; è essen­ziale che la gente si incon­tri; nella vita le scelte non deter­mi­nano tutto; la sto­ria non è l’unica forma del destino; non esi­ste una bugia inno­cente; anche i rim­pianti appar­ten­gono alla feli­cità; si sputa nel vuoto, per disgu­sto e con stan­chezza».



Da Solea «Lon­tano dagli occhi vicino al cuore, Mar­si­glia, sem­pre; l’abitudine alla vita non è una vera ragione per vivere; sono spesso gli amori segreti quelli che si divi­dono con una città; esi­stono errori troppo mostruosi per averne rimorso; gra­zie alla leg­ge­rezza, la sof­fe­renza può ricon­ci­liarsi con il volo di un gab­biano; è pro­prio la vita che si recita, fino all’ultimo respiro; non esi­ste verità che non porti con sé l’amarezza».

È pro­prio la vita che si recita, fino all’ultimo respiro (Solea, capi­tolo 11). Izzo, sul pal­co­sce­nico della vita, ci era salito il 20 giu­gno del 1945, venendo al mondo nel quar­tiere del Panier, abi­tato da un popolo di migranti tra i quali si regi­strava la pre­senza mas­sic­cia dei corsi e degli ita­liani; quar­tiere sto­ri­ca­mente con­si­de­rato dal resto dei mar­si­gliesi luogo di malaf­fare, traf­fici, pic­cola e grande delin­quenza, pro­sti­tu­zione.

Gen­naro, padre di Jean Claude, era arri­vato al Panier da Castel San Gior­gio, Salerno. Di mestiere bari­sta, aveva spo­sato Isa­belle Navarro, radici spa­gnole, nata in rue des pisto­les. La prima gio­vi­nezza di Izzo si divide tra la scuola, il lavoro di com­messo in una libre­ria e la mili­tanza nel Movi­mento Inter­na­zio­nale Pax Chri­sti. Il vento degli obbli­ghi da assol­vere per essere buon cit­ta­dino lo porta in ser­vi­zio mili­tare a Gibuti, nel ’64.

Il vento della poli­tica, sotto le armi, a fare un lungo scio­pero della fame. Lo stesso vento, reso più forte dalla raf­fica del ’68, spin­gerà Izzo a can­di­darsi nelle ele­zioni legi­sla­tive con il Par­tito Socia­li­sta Uni­fi­cato e poi a entrare nel Par­tito Comu­ni­sta Fran­cese. La Mar­seil­laise, quo­ti­diano regio­nale del PCF, lo chiama a col­la­bo­rare.

Il con­gedo tem­po­ra­neo da Mar­si­glia, insieme alla prima moglie Marie Helene Bastia­nelli, avviene con il tra­sfe­ri­mento in un pae­sino a cin­quanta chi­lo­me­tri di distanza. Gli anni tra il ’70 e il ’75 sono gli anni della scrit­tura mili­tante e di quella poe­tica: un copione tea­trale per chie­dere la libertà della mili­tante comu­ni­sta ame­ri­cana Angela Davis, il ruolo di vice capo­re­dat­tore a La mar­seil­laise, la pub­bli­ca­zione di quat­tro rac­colte di poe­sia. Il respiro della vita si con­trae.

Nel ’78, Jean Claude resti­tui­sce la tes­sera del PCF e si separa da Marie Helene, qual­che mese più tardi si dimette da La mar­seil­laise, per vivere fa lavori sal­tuari. Dal 1980 al ’95, anno di uscita di Total Khéops, Casino totale, per l’editore Gal­li­mard, l’uomo che sotto il capi­tolo numero quin­dici di Chourmo anno­terà Nel quale anche i rim­pianti appar­ten­gono alla feli­cità, diventa redat­tore di un altro gior­nale, Vie Mutua­li­ste; approda a Parigi, scrive per il cinema e per la musica.

Non può saperlo ancora, ma la recita fino all’ultimo respiro della vita sta len­ta­mente avvi­ci­nan­dosi alla con­clu­sione. Respira bene, Izzo, ai ritmi let­te­rari del seguito di Casino totale, Chourmo. Il respiro di Mar­si­glia; di Mari­nai Per­duti, di Solea(romanzo con­clu­sivo della Tri­lo­gia), di Vivere stanca; degli appunti e delle rifles­sioni in Mar­seille. L’affanno si fa sen­tire forte, ine­so­ra­bile, durante la ste­sura de Il sole dei morenti. La parola fine porta la data 26 gen­naio del Duemila.



Séba­stien Izzo guarda lo schermo del suo com­pu­ter, guarda la tua fac­cia ‘tra­smessa’ da skype. Somi­glia al padre, Séba­stien, prima che il tempo, l’amore per il rito dell’aperitivo, la buona tavola e il buon vino aggiun­ges­sero roton­dità a un viso gio­viale incor­ni­ciato dagli occhiali; ren­des­sero un po’più radi i capelli lun­ghi della gio­ventù; dise­gnas­sero una piega rifles­siva sul sor­riso.

Due cita­zioni per te, Seba­stien. La prima, Sono spesso gli amori segreti quelli che si divi­dono con una città (Solea, capi­tolo 6), per chie­derti che padre era Jean Claude, quali rap­porti aveva con la gente del suo stesso mestiere, di cosa par­la­vate pas­seg­giando per Mar­si­glia, «Durante la mia infan­zia non l’ho visto molto. Si era sepa­rato da mia madre, io avevo sol­tanto sei anni. Le cose cam­bia­rono quando lui si tra­sferì a Parigi (nel 1987, ndr) e andavo a tro­varlo.

Era un padre affet­tuoso, pas­sa­vamo molte ore in giro per la città. Diventò un amico con il suo ritorno a pochi chi­lo­me­tri da Mar­si­glia. Nei miei ricordi di quin­di­cenne ci sono le tante sere pas­sate a chiac­chie­rare durante un ape­ri­tivo o una cena. Da lì in poi il rap­porto andò sem­pre più raf­for­zan­dosi. Men­tre stava scri­vendo Casino totale, mi man­dava le pagine chie­den­domi giu­dizi, sug­ge­ri­menti sui posti in cui ambien­tare i capi­toli. Izzo cono­sceva un sacco di gente, per­ché prima di diven­tare scrit­tore era stato gior­na­li­sta e respon­sa­bile della comu­ni­ca­zione per eventi cul­tu­rali, Con loro con­ti­nuava ad essere sem­pli­ce­mente se stesso: gen­tile, dispo­ni­bile, pronto a par­lare e discu­tere, ospi­tale.



Posso dire in tutta sin­ce­rità che era sin­ce­ra­mente amato. Le nostre pas­seg­giate per Mar­si­glia sono state molte e molto diverse tra loro. Ai tempi di Casino totale andavo a pren­derlo con l’auto nel paese in cui viveva, mio padre non ha mai avuto la patente, e gira­vamo i bar, i bistrot, le piazze del Mare­chais e delle Gou­des. Cono­scerli, entrarci, pas­sarci un po’di tempo, gli ser­viva per il libro Poi, ad esem­pio quando lavo­rava a Mari­nai per­duti, una delle sue mete pre­fe­rite era diven­tato il porto, non il Vieux Port ma quello com­mer­ciale delle grandi navi.

I suoi romanzi sono nati dal mestiere di gior­na­li­sta e dall’essere un poeta. Lui sapeva fon­dere que­ste due com­po­nenti nella scrit­tura let­te­ra­ria. Per Mari­nai per­duti saliva sulle navi all’ancora, ascol­tava i rac­conti degli equi­paggi, cer­cava di capire se quei mari­nai amas­sero o no Mar­si­glia, dove andas­sero durante le ore di libera uscita». Nel quale è meglio espri­mere ciò che si sente (Casino totale, capi­tolo 7), è cita­zione e domanda su ciò che Izzo ti ha lasciato di sé, delle sue bat­ta­glie poli­ti­che, del suo rap­porto con i momdi della città. «Durante tutta la vita, lui si è bat­tuto con­tro il raz­zi­smo, l’emarginazione, i poveri abban­do­nati nelle strade di Mar­si­glia. È que­sto che mi ha tra­smesso: lot­tare con­tro l’esclusione, con­tro il ritorno del fasci­smo sotto le spo­glie di movi­menti quali il Fronte Nazio­nale, per la con­vi­venza fra civiltà non importa quanto e in che cosa diverse. Ci cre­deva, io con­ti­nuo a cre­derci». Cita­zione aggiun­tiva, allora. È essen­ziale che la gente si incon­tri (Chourmo, capi­tolo 4).

Su Inter­net esi­stono decine di afo­ri­smi a firma di Izzo, messi in rete dai siti ‘spe­cia­liz­zati’. Fuori dai romanzi, rischiano di pro­durre un effetto bigliet­tino Baci Peru­gina, di tra­sfor­marsi in merce da ven­dere per stu­pire durante una serata tra amici o a cena con una poten­ziale con­qui­sta amo­rosa. ‘A Mar­si­glia non c’è niente da foto­gra­fare’ può venir a giu­sto titolo inter­pre­tato in senso dispre­gia­tivo: brutta città, ma che andate a farci in vacanza.



E che dire di ‘Parigi è un’attrazione. Mar­si­glia un pas­sa­porto’? Detta così, evoca pro­blemi buro­cra­tici alla fron­tiera e con­trolli di poli­zia per le strade. Ma quando hai letto Izzo, sai benis­simo cosa signi­fi­casse per lui, e per te che nella città hai tra­scorso anche solo una man­ciata di giorni,Un po’di verità non fa male a nes­suno (Chourmo, capi­tolo 5). La verità di Mar­si­glia, Izzo non la nasconde. È fon­da­menta su cui pog­gia la costru­zione dei suoi per­so­naggi, la deriva e la durezza delle loro esi­stenze, la sere­nità comun­que troppo breve di una tre­gua, la fra­gi­lità di amori con­su­mati in un letto e mai lungo il cam­mino di una vita, il san­gue di un pugno o di una pistola.

La verità di Mar­si­glia è un Giano Bifronte: da un lato la luce del sole e il blu del cielo che abba­gliano, il mare che si ferma davanti alle coste di Algeri, gli amici di un bistrot che ren­dono meno soli­ta­rio il bic­chiere di pastis, la musica che fa dimen­ti­care o ricor­dare; dall’altro, come in una Rio de Janeiro d’Europa, i migranti dei traf­fici di droga e degli espe­dienti di ogni genere, nel cuore del cen­tro, a due passi dai palazzi d’epoca e dai dehors dei bar per turi­sti; i car­telli delle peri­fe­rie, annunci di con­fini per ragioni diverse invio­la­bili; la fati­scenza che l’ha fatta spesso acco­stare a Napoli.

La verità di Mar­si­glia, che tu, stra­niero, puoi per­met­terti di andare a cer­care, diso­rienta, cat­tura, mette malin­co­nia senza tri­stezza, ti lega a sé in un abbrac­cio eterno. «Mon­terà in voi la lim­pida feli­cità di essere qui un giorno, una set­ti­mana, oppure un mese. O per sem­pre, magari». Fir­mato Jean Claude Izzo, alchi­mi­sta di un incan­te­simo dagli effetti irreversibili.


Il manifesto 

Nessun commento:

Posta un commento