La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

mercoledì 10 settembre 2014

VISIONI In Egitto i graffiti della rivoluzione

da il manifesto
VISIONI

In Egitto i graffiti della rivoluzione

Intervista. Ammar Abo Bakr è l’autore dei tre murales di via Mohammed Mahmud al Cairo, la strada in cui si sono verificati gli scontri più duri tra polizia e manifestanti

Abbiamo incon­trato il graf­fi­taro egi­ziano Ammar Abo Bakr. Il tren­tenne vive a West el-Balad (quar­tiere del cen­tro del Cairo) ed è autore dei tre più bei graf­fiti di via Moham­med Mah­mud, una delle strade in cui si sono veri­fi­cati gli scon­tri più duri tra mani­fe­stanti e poli­zia, in par­ti­co­lare nel novem­bre 2011 quando gli atti­vi­sti pro­te­sta­vano con­tro la giunta mili­tare, gui­data da Hus­sein Tan­tawi. Tra que­sti graf­fiti spic­cano Il gio­vane con gli occhi di pesce, rap­pre­senta uno dei ragazzi — acce­cato dai cec­chini e coin­volto negli scon­tri in piazza Tah­rir del novem­bre 2011, e Il bimbo con il pane a rap­pre­sen­tare il dramma dei bam­bini di strada.
L’ultima crea­zione in ordine di tempo a via Moham­med Mah­mud ritrae il dise­gna­tore Hisham Rizk, 19 anni, scom­parso e poi ritro­vato morto nell’obitorio di Sayeda Zei­nab, la scorsa pri­ma­vera. I graf­fiti sono diven­tati uno dei sim­boli delle rivolte del 2011. Dise­gni e mura­les hanno tap­pez­zato il cen­tro del Cairo, i ponti e i via­dotti della città. Gli arti­sti hanno saputo usare il lin­guag­gio della gente comune per riap­pro­priarsi dello spa­zio pub­blico, senza però dimen­ti­care l’utilità di con­qui­stare le parole (in arabo clas­sico: per esem­pio il ter­mine «Giu­sti­zia sociale») nor­mal­mente appan­nag­gio del regime che usa la lin­gua alta. Così migliaia di atti­vi­sti hanno sfi­dato l’egemonia cul­tu­rale delle auto­rità egi­ziane. I graf­fiti sono stati però in parte can­cel­lati nell’autunno del 2012, dopo l’elezione dell’ex pre­si­dente isla­mi­sta, Moham­med Morsi, per poi ricom­pa­rire dopo il colpo di stato mili­tare e diven­tare dei veri esem­plari d’arte con­tem­po­ra­nea. Secondo i più impor­tanti intel­let­tuali egiziani,i graf­fiti sono il prin­ci­pale esito arti­stico e cul­tu­rale delle rivolte del 2011.
Hai un ricordo di Hisham?
Il mio ultimo lavoro lo raf­fi­gura. Era uno dei gio­vani arti­sti di mag­gior talento. Voleva la rivo­lu­zione non solo sulle mura. Mi ha con­tat­tato un anno fa dicendo che voleva fare graf­fiti, voleva andare a stu­diare arte. E così ha ini­ziato il primo anno all’Accademia. Ma qual­cosa è andato storto e una cam­pa­gna con­tro Hisham è stata avviata dagli isla­mi­sti radi­cali di Hazi­moun. ‘Hisham non è musul­mano, e parla male dell’islam’, dice­vano. Certo Hisham tra rivo­lu­zione e reli­gione avrebbe scelto la prima, ma è un arti­sta e i suoi amici ven­gono da tutte le correnti poli­ti­che. Era un puro rivo­lu­zio­na­rio, con­tra­rio a ogni potere, anche alla reli­gione. Gli isla­mi­sti, dall’inizio delle rivolte, hanno ten­tato di mesco­lare le carte e con­fon­dere il movi­mento. Il nostro giu­di­zio non era certo posi­tivo sul loro conto, ma non pos­siamo negare l’estrema fero­cia della repres­sione dell’esercito. Ho poi voluto affian­care a Hisham delle imma­gini di sta­tuette fune­ra­rie dell’antico Egitto (lavoro sull’identità egi­ziana tra antico e moderno), vor­rei dare alla gente lo spa­zio per pen­sare di più. Vor­rei, come al tempo degli anti­chi egizi, che que­sti idoli della filo­so­fia antica lo accom­pa­gnino nell’altra vita.
Quando hai ini­ziato a fare graffiti?
Ho stu­diato all’Accademia tra il 1996 e il 2001, ho ini­ziato a lavo­rare alla Facoltà di Arte a Luxor. È molto dif­fi­cile vivere qui in Egitto, molti arti­sti si rifanno troppo alla scena euro­pea e hanno perso la loro iden­tità. Io fac­cio ricerca, credo nella gente non nella poli­tica, non amo la gente di Zama­lek (ricco quar­tiere del cen­tro del Cairo,ndr) e dell’Opera, gli arti­sti hanno perso tutto, ven­dono dipinti ai vec­chi capi­ta­li­sti. Io vor­rei che di arte si parli ovun­que, invece si inse­gna e la si pre­senta nelle gal­le­rie ad un pub­blico ristretto, un elite. Nes­suno la porta nei quar­tieri popo­lari, per­ché gli arti­sti sosten­gono il regime, sono schie­rati con loro e non fanno niente per gli egi­ziani. Ho ini­ziato le mie ricer­che dieci anni fa, nel 2004, all’inizio della rivo­lu­zione avevo già rac­colto mol­tis­simo mate­riale, quasi 26 car­telle. Ho pas­sato il tempo cer­cando di stu­diare la gente, pas­savo tempo per strada e non inten­devo pre­sen­tare me stesso come rivo­lu­zio­na­rio. Sono stato un anno a dare infor­ma­zioni sui graf­fiti rap­pre­sen­tati sulle mura alla gente che pas­sava per strada, non mi pre­sento mai come arti­sta ma come parte della rivo­lu­zione che usa l’arte.
ammarabobakr
Cosa ami del tuo lavoro?
Sono felice quando fini­sco un’opera e allora scatto una foto e vedo la rea­zione della gente per strada. È impres­sio­nante l’interesse della gente, delle fami­glie: uomini, donne, bam­bini guar­dano al muro della rivo­lu­zione, al gior­nale della rivo­lu­zione. Per me è incre­di­bile. È una ver­go­gna che gli arti­sti pre­sen­tino ancora l’arte nelle gal­le­rie. Certo non sono con­tro le gal­le­rie in Europa, ma al Cairo, o Luxor sì. Quello che dipingo per strada, dopo due mesi, non è mai la fine, ma un altro ini­zio. E così rico­min­cio dall’inizio e fac­cio qual­cosa di meglio, con­di­vido le mura, non suc­ce­deva prima.
Come rap­pre­senti la società egi­ziana nelle tue opere?
La società egi­ziana ovvia­mente è una fonte di ispi­ra­zione note­vole. Hanno accet­tato quello che ho fatto sulle mura. Quando a set­tem­bre 2012 la poli­zia ha pulito par­zial­mente le pareti, al tempo di Morsi (ex pre­si­dente isla­mi­sta, ndr), la rea­zione popo­lare è stata incre­di­bile. Hanno dura­mente cri­ti­cato il governo isla­mi­sta e sono scesi tutti per strada con­tro que­sta deci­sione. Dal novem­bre 2013 abbiamo fatto tanti nuovi graf­fiti e la poli­zia non li ha can­cel­lati, per­ché teme­vano un’altra forte reazione.
È vero quanto dici, ma dopo il golpe del 2013 ogni ten­ta­tivo di rivolta è stato come sedato. Si respira quasi un clima di… ’pace’ armata…
Dall’ultima volta che ho dipinto in via Moham­med Mah­mud sono pas­sati sei mesi. Da allora non ho fatto niente per­ché avevo paura per me e i miei amici, molti di loro sono finiti in pri­gione. L’ultima volta che sono stato lì per dipin­gere Il gio­vane con gli occhi di pesce mi sono sen­tito in pace. Sono tor­nato dopo sei mesi solo per dipin­gere Hisham. Ho capito di aver perso tempo… Mi sento un po’ come Hanubi, l’uomo che quando qual­cuno muore gli pre­para la tomba, rap­pre­sen­tando qual­cosa che fa bene alla gente.
Cosa hai impa­rato dopo tre anni di rivolte?
Ho capito che non posso creare niente da solo, solo se sto in mezzo alla gente e la stu­dio, mi muovo per le strade allora rie­sco a impa­rare. Ecco se posso dare di una defi­ni­zione di me stesso, mi vedo come uno stru­mento tra la gente e il sog­getto che ritraggo e non molto più di questo.



Nessun commento:

Posta un commento