La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 6 aprile 2014

BEST ACTRESS. Dive da Oscar® Una rassegna dedicata alle attrici che hanno vinto la prestigiosa statuetta





cid:image002.jpg@01CF3A19.2957B140


DA MARTEDI 1 A VENERDI 25 APRILE - CINEMA MASSIMO SALA 3
BEST ACTRESS. Dive da 
Oscar®


Una rassegna dedicata alle attrici che hanno vinto la 
prestigiosa statuetta


In occasione della mostra BEST ACTRESS. Dive da Oscar® 
a cura di Stephen Tapert, Nicoletta Pacini, Tamara Sillo 
- al Museo Nazionale del Cinema in prima mondiale 
dal 3 aprile al 31 agosto 2014 - il Cinema Massimo propone 
un’ampia rassegna con alcuni dei film che hanno fatto vincere l’ambita 
statuetta a dive del passato e del presente.
L’omaggio s’inaugura martedì 1 aprile 2014 alle ore 20.30 con la 
proiezione del restauro del film Il sospetto di Alfred Hitchcock
inserito nel programma di Magnifiche Visioni e con la presentazione 
di Stephen Tapert, uno dei curatori della mostra. Il film sarà replicato 
mercoledì 2 aprile alle ore 16.00.
Ingresso 6.00/4.00/3.00 euro.

Best Actress. Dive da Oscar®. Rassegna cinematografica dedicata alle attrici vincitrici dell’Oscar
Cinema Massimo – Dal 1 al 25 aprile 2014

In occasione della mostra BEST ACTRESS. Dive da Oscar® a cura di Stephen Tapert, Nicoletta Pacini, Tamara Sillo – al Museo Nazionale del Cinema in prima mondiale dal 3 aprile al 31 agosto 2014 – il Cinema Massimo propone un’ampia rassegna  con i film che hanno fatto vincere l’ambita statuetta a dive del passato e del presente.

I sedici film presentati nella rassegna sono rappresentativi di tutte le epoche, e, tra gli altri, si potranno rivedere sul grande schermo Aurora di Murnau, Il cigno nero di Aronofsky, passando per Il sospetto di Hitchcock, La signora Miniver di Wyler e La ciociara di De Sica e altri capolavori nei quali ammirare le più alte prove d’attrice di tutti i tempi.

A un mese esatto dall’ultima cerimonia di consegna dei prestigiosi premi Oscar®, la straordinaria mostra BEST ACTRESS. Dive da Oscar® raccoglie oltre 350 pezzi di vario formato che ripercorrono la storia delle donne che hanno vinto la prestigiosa statuetta: ritratti delle attrici, immagini dei film interpretati, istantanee della cerimonia, oltre a numerosi documenti, manifesti e materiali variamente collegati alla storia dell’Academy, quali inviti, programmi, clip delle riprese cinematografiche e televisive, costumi di scena e abiti indossati durante la spettacolare cerimonia dell’Oscar®. A completamento della mostra, alcuni bellissimi manifesti dei film che hanno vinto l’ambita statuetta.

La rassegna s’inaugura martedì 1 aprile 2014 alle ore 20.30, nella Sala Tre del Cinema Massimo con la proiezione del restauro del film Il sospetto di Alfred Hitchcock, inserito nel programma di Magnifiche Visioni e con la presentazione di Stephen Tapert, uno dei curatori della mostra. Il film sarà replicato mercoledì 2 aprile alle ore 16.00. Ingresso 6,00/4,00/3,00 euro.


Alfred Hitchcock
Il sospetto (Suspicion)
(Usa 1941, 99’, 35mm, b/n, v.o. sott.it.)
Una ragazza timida e molto ricca sposa un playboy. Quando si accorge che racconta molte bugie ed è uno spendaccione, teme che lui la voglia eliminare. Quasi tutto il film è raccontato attraverso il suo sguardo. Oscar 1941 a Joan Fontaine come migliore attrice. È diventata famosissima la scena di Cary Grant che porta sulle scale il bicchiere di latte.

Best Actress. Dive da Oscar®

CALENDARIO DELLE PROIEZIONI

Mar 1, h. 16.30/Dom 6, h. 18.30/Lun 7, h. 16.00
F.W. Murnau
Aurora (Sunrise)
(Usa 1927, 106’, Hd, b/n, did. or. sott. it.)
Sedotto da un'affascinante donna di città, il giovane contadino Ansass tenta di uccidere la moglie Indre, simulando un incidente, per poter fuggire con l'altra. Tuttavia, durante una gita in barca, l'uomo, pur avendone l'occasione, non trova il coraggio e la segue in una notte piena di emozioni per entrambi. Con il sopraggiungere dell'aurora, sul lago finalmente ritornerà la quiete. Oscar a Janet Gaynor.

Mar 1, h. 18.30/Mer 2, h. 22.30/Dom 6, h. 16.30
Frank Capra
Accadde una notte (It Happened One Night)
(Usa 1934, 105’, 35mm, b/n, v.o. sott. it.)
Una bizzosa ereditiera si è innamorata di un affascinante aviatore, bellimbusto e vanesio nonché discreto parassita. Il padre di lei osteggia il sentimento ma la giovane scappa per raggiungere il suo amato. Un giornalista la tallona ma, invece di mettere a segno uno scoop, finisce con l'innamorarsi, ricambiato, della sua "preda". Uno dei capolavori del genere. Lo sfondo della Grande Depressione e il mito della ricerca della felicità. Cinque Oscar: miglior film, regia, attore protagonista (Gable), attrice protagonista (Colbert) e sceneggiatura.

Mer 2, h. 20.30/Sab 5, h. 16.00
Frank Borzage
L’angelo della strada (Street Angel)
(Usa 1928, 101’, Hd, b/n, did. or. sott. it.)
A Napoli, Maria accudisce la madre malata. Per curarla ruba le medicine e viene sorpresa dalla polizia, fugge e si unisce a un gruppo di nomadi dove incontra un pittore, Angelo. Il giovane, impressionato dalla bellezza della ragazza, le fa un ritratto. Si innamorano ma verranno divisi. Secondo Oscar per Janet Gaynor.

Ven 4, h. 16.00/Sab 5, h. 20.00/Lun 7, h. 18.00
William Wyler
La signora Miniver (Mrs. Miniver)
(Usa 1942, 134’, Hd, b/n, v.o. sott. it.)
In una cittadina  inglese la signora Miniver vede partire per la guerra il marito e il maggiore dei suoi tre figli. Il villaggio viene bombardato ma gli abitanti non si lasciano avvilire, anche se non usciranno illesi dalla guerra. Un film di propaganda sensibile e raffinato con una straordinaria prova d’attrice da parte di  Greer Garson, che meritò uno dei sei Oscar vinti dal film.

Ven 4, h. 18.30/Sab 5, h. 22.30/Dom 6, h. 20.30
Nunnally Johnson
La donna dai tre volti (Three Faces of Eve)
(Usa 1957, 91’, 35mm, b/n, v.o. sott. it.)
Una giovane donna, Eva, moglie di Ralph e madre di una bambina, soffre di fortissime emicranie. Un giorno tenta, senza rendersene conto, di strangolare la figlia. Il marito la porta da uno psichiatra che scopre la sua schizofrenia e lo sdoppiamento della personalità. Oscar a Joanne Woodward.

Ven 4, h. 20.15/Mar 8, h. 18.15/Dom 13, h. 16.15
Michael Curtiz
Il romanzo di Mildred (Mildred Pierce)
(Usa 1945, 111’, 35mm, b/n, v.o. sott. it.)
Mildred Pierce, dopo anni di incomprensioni e di litigi, riesce finalmente a ottenere il sospirato divorzio dall'odiato marito. Lavorando giorno e notte apre un locale di sua proprietà. Si risposerà con un arrivista e sarà tradita dalla viziata figliastra. Da un romanzo di James M. Cain, un “melodramma noir” che valse l’Oscar a Joan Crawford.

Mar 8, h. 16.00/Ven 11, h. 16.00/Dom 13, h. 18.15
George Cukor
Angoscia (Gaslight)
(Usa 1944, 114’, Hd, b/n, v.o. sott. it.)
Paula ha sposato Gregory, che molto tempo prima ha strangolato la zia per impadronirsi dei suoi gioielli. Ora la coppia vive nella casa in cui fu commesso il crimine. Anton cerca di rendere folle la giovane moglie con una elaborata messa in scena. Oscar per Ingrid Bergman.

Ven 11, h. 18.15/Dom 13, h. 20.30
Vittorio De Sica
La ciociara
(Italia 1960, 100’, 35mm, b/n, v.o. sott. it.)
Cesira gestisce un negozio di alimentari a Roma ma quando gli alleati bombardano la capitale si rifugia, con la figlia adolescente, nel suo paese d'origine, in Ciociaria. Quando il pericolo sembra scongiurato, le due donne tornano a Roma ma lungo il cammino alcuni soldati le violentano. Oscar per l’interpretazione di Sophia Loren.

Lun 14, h. 16.00/Mar 15, h. 16.00/Sab 19, h. 16.15
Stanley Kramer
Indovina chi viene a cena? (Guess Who's Coming to Dinner?)
(Usa 1967, 107’, Hd, col., v.o. sott. it.)
Joey ha deciso di sposare il medico di colore John, certa di non trovare difficoltà in famiglia. Il padre di lei, infatti, è un giornalista di tendenze liberali. Ma le convenzioni giocano ancora un certo ruolo. Famosissimo film, portavoce della solidarietà "liberal" alla campagna per i diritti civili dei neri americani. Oscar a Katharine  Hepburn e alla sceneggiatura.

Lun 14, h. 18.00/Sab 19, h. 22.30
Kimberly Peirce
Boys Don’t Cry
(Usa 1999, 114’, Hd, col., v.o. sott. it.)
A Falls City, Nebraska, Brandon Teena, appena arrivato in città, conquista gli abitanti della piccola comunità. Le donne lo adorano e tutti apprezzano la sua tenerezza e innocenza. Una sera, però, la polizia lo ferma per guida spericolata e scopre la sua vera identità. Oscar per Hilary Swank.

Lun 14, h. 20.30/Sab 19, h. 18.15/Dom 20, h. 16.00
Jane Campion
Lezioni di piano (The Piano)
(Australia/Nuova Zelanda 1993, 120’, Hd, col., v.o. sott. it.)
Ada, muta dall'età di nove anni, giunge in Nuova Zelanda, sposata per procura con Stewart, un piccolo possidente. Con lei ci sono la figlioletta Flora, i bauli, un pianoforte. Stewart fa abbandonare il pianoforte sulla spiaggia perché difficile da trasportare lungo gli impervi sentieri dell'isola. Baines, un bianco che si è avvicinato ai costumi dei Maori, aiuta Ada a riaverlo. Oscar ex aequo per Holly Hunter e Anna Paquin.

Dom 20, h. 20.30/Ven 25, h. 16.30
Milos Forman
Qualcuno volò sul nido del cuculo (One Flew Over the Cuckoo’s Nest)
(Usa 1975, 133’, Hd, col., v.o. sott. it.)
Randle McMurphy, arrestato per piccoli reati, viene portato in una clinica psichiatrica poiché tenta di fingersi pazzo per sfuggire al carcere. Qui viene in contatto con gli altri pazienti dei quali diventa ben presto il beniamino. Dal romanzo di Ken Kesey, il film vinse cinque premi Oscar: film, regia, sceneggiatura e gli attori Jack Nicholson e Louise Fletcher.

Lun 21, h. 15.30/Mar 22, h. 16.00/Mer 23, h. 18.15
Ken Russell
Donne in amore (Women in Love)
(Gran Bretagna 1969, 133’, 35mm, col., v.o. sott. it.)
Nell’Inghilterra del 1920. Ursula, una timida maestra elementare, si innamora di Rupert, ispettore scolastico sposato con Elmione. La sorella Gudrun, scultrice anticonformista, intreccia un torbido rapporto passionale con Gerald, fratello di Laura. E anche tra i due uomini nasce un sentimento che la società dell'epoca non tarderà a definire ambiguo. Glenda Jackson vinse il premio Oscar.

Lun 21, h. 18.00/Ven 25, h. 20.45
Olivier Dahan
La vie en rose (La môme)
(Francia 2007, 140’, Hd, col., v.o. sott. it.)
La vita di Edith Giovanna Gassion, meglio nota come Edith Piaf, dal 1915 al 1963: dall'infanzia difficile (abbandonata dalla madre, cresce in un bordello ed è costretta a esibirsi per strada con il padre) fino al successo in Francia e a New York. Si susseguono poi la sfortunata storia d'amore con il pugile Marcel Cerdan, i gravi problemi di salute e l'abbandono delle scene. Oscar per Marion Cotillard.

Lun 21, h. 20.30/Mar 22, h.18.30
Darren Aronofsky
Il cigno nero (Black Swan)
(Usa 2010, 110’, Hd, col., v.o. sott. it.)
Nina, una ballerina di una compagnia di New York soggiogata dalle ambizioni delle madre, vive per la danza, con completa abnegazione. Scelta come prima ballerina per interpretare Il lago dei cigni, viene indotta dal coreografo a scoprire il proprio lato oscuro. Oscar a Natalie Portman. 






























    Nessun commento:

    Posta un commento