La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 6 aprile 2014

L’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari , diretta da Alessandro D’Agostini, ed i burattini di Mauro Sarzi in Pierino e il lupo di Sergej Prokof’ev


L’Orchestra del Teatro Lirico, diretta da Alessandro D’Agostini,
ed i burattini di Mauro Sarzi in Pierino e il lupo di Sergej Prokof’ev:
un progetto sperimentale, in prima mondiale, per la cura dell’autismo

Da mercoledì 2 aprile alle 11, Giornata mondiale dell’autismo, è in scena, nella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari, una nuova ed accattivante versione di Pierino e il lupo, celeberrima favola sinfonica per bambini di Sergej Prokof’ev.

Il progetto “Pierino e il lupo: note ed emozioni da favola”, ideato ed organizzato dalla Onlus Human Arts (direttore artistico Daniele Sanna, musicista e musico-terapista), dal Centro per lo studio dei disturbi pervasivi dell’Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari e dal Teatro Lirico di Cagliari, ha l’obiettivo, per la prima volta, di sviluppare le autonomie dei bimbi autistici attraverso un progetto di ricerca scientifica ed artistica. Questo progetto sperimentale, iniziato un anno fa ed inserito nelle manifestazioni organizzate in occasione della “Giornata mondiale dell’autismo”, indetta dall’ONU, si realizza nell’esecuzione di Pierino e il lupo che vede protagonisti l’Orchestra del Teatro Lirico, diretta da Alessandro D’Agostini, e, in qualità di narratore/burattinaio che darà vita ed azione alla favola, Mauro Sarzi, discendente da una famiglia di burattinai da cinque generazioni.

Il progetto è stato insignito, il 30 dicembre 2013, dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana.

Lo spettacolo viene eseguito grazie anche alla collaborazione di otto bambini colpiti dalla Sindrome di autismo che, insieme a Mauro Sarzi ed ai suoi burattini, hanno preparato una versione tanto particolare quanto unica della celebre favola di Prokof’ev.

Di questa versione sono state eseguite  due repliche: giovedì 3 aprile alle 11, sempre nella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari, e venerdì 4 aprile alle 16 nell’Atrio del Reparto di Pediatria dell’Ospedale Brotzu di Cagliari; sono previste, invece, quattro repliche della versione con i soli burattini in scena: lunedì 7 aprile alle 12 al Teatro Comunale di Elmas (Ca), martedì 8 aprile alle 16 al Teatro Comunale di Elmas (Ca), giovedì 10 aprile alle 11 nella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari, venerdì 11 aprile alle 11 nella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari.

«Le favole, con i loro stati d’animo elementari - felicità, paura, rabbia - sono utilissime per chi non riesce a vivere e percepire le emozioni; Pierino e il lupo è una favola che ha anche la musica: ogni personaggio è rappresentato da un genere di strumenti musicali, il che stimola ulteriormente l’emotività.» (Giuseppe Doneddu, direttore Centro per lo studio dei disturbi pervasivi dell’Azienda Ospedaliera Brotzu, Cagliari)

Pierino e il lupo viene rappresentata, per la prima volta, a Mosca nel 1936 e racconta la storia di un bimbo, Pierino, che con l’aiuto di un uccellino cattura un temibile lupo. Ogni personaggio è rappresentato da un tema musicale, affidato ad un particolare strumento. La voce recitante, al Teatro Lirico di Cagliari quella del narratore Mauro Sarzi, racconta la favola mentre la musica di Prokof’ev commenta ogni scena illustrando il carattere, i sentimenti e descrivendo le azioni di ciascun personaggio. Questi ultimi sono interpretati dai seguenti strumenti: flauto traverso, clarinetto, timpani, archi (violino, viola, violoncello, contrabbasso), fagotto, oboe, corni.

Il progetto cagliaritano prevede la costruzione, davanti ai piccoli spettatori, dei due protagonisti della storia, il Nonno e Pierino, attraverso i quali far esprimere le emozioni, dare vita alle espressioni del viso e lasciare libera interpretazione ai bambini.
La durata complessiva della rappresentazione è di 50 minuti circa, per una platea di 80 bambini circa a recita, eterogenei per sesso ed integrati con i bimbi diversamente abili.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 - +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube.

La Biglietteria, esclusivamente in occasione della campagna abbonamenti per la Stagione lirica e di balletto 2014, è aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 e la domenica dalle 11 alle 13.

Alessandro D’Agostini - Diplomato in pianoforte, direzione d’orchestra e musica elettronica, si è perfezionato con Giorgio Nottoli (composizione per musica elettronica) all’Accademia Chigiana di Siena, e con Konstantin Bogino, Trio Cajkovskij (pianoforte e musica da camera). Per la direzione d’orchestra è stato allievo di Piero Bellugi e Massimo de Bernart, del quale è stato l’ultimo assistente. Nel 2002 ha esordito con Guillaume Tell, seguito da Orfeo ed Euridice e L'elisir d’amore. Al SassuoloMusicaFestival ha diretto la ripresa moderna di Lo matremmonio annascuso di Leonardo Leo, curandone la revisione critica e l’edizione moderna. All’attività direttoriale affianca infatti anche quella di ricercatore musicale, collaborando alle riprese moderne di numerose opere del Settecento, come le edizioni critiche di Ifigenia in Aulide di Cherubini e di L'Olimpiade di Leonardo Leo, quest’ultima diretta con successo a Bologna nel 2008. In ambito sinfonico ha guidato l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna Toscanini, l’Orchestra Filarmonica Toscanini, I Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra Filarmonica Veneta Malipiero, l’Orchestra Filarmonica Italiana di Piacenza, la Makedonska Filharmonija, l’Orchestra Sinfonica del Teatro Nazionale di Tirana. Di rilievo sono stati il ciclo delle Sinfonie di Beethoven e di Mendelssohn, Die Schöpfung e Die sieben letzten Worte unseres Erlösers am Kreuze di Haydn. Nel 2006 è stato acclamato in Falstaff al Teatro Verdi di Busseto, seguito dall’Arlesiana (per la regia di Vittorio Sgarbi) al SassuoloMusicaFestival, a Bologna e a Mantova. L’anno successivo, sempre con l’Orchestra Toscanini, ha diretto a Bologna un concerto di musiche di Leoncavallo nel 150° anniversario della nascita. Tra gli ultimi successi figurano Giselle di Adam alle Terme di Caracalla, su coreografia di Carla Fracci, La figlia del reggimento nei teatri del Circuito Lombardo con l’Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano, nella nuova edizione critica della versione italiana. Recentemente, con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, è stato acclamato nel Barbiere di Siviglia. Alessandro d’Agostini può vantare ormai un vasto repertorio, che comprende sia opere antiche che del ‘900, incluse alcune prime esecuzioni assolute: oltre alle pagine più note al grande pubblico, figurano anche brani sinfonici e opere raramente eseguite, come la Missa Solemnis “pro pace” di Alfredo Casella, l’ultimo suo capolavoro.

Onlus Human Arts - Le Mani dei Sarzi - La Onlus Opera, con esperti professionisti nel settore sociale e sanitario, è composta da medici ed artisti ed è stata fondata dal maestro burattinaio Mauro Sarzi e dal musicista, musico-terapeuta Daniele Sanna. La Onlus si propone di sviluppare metodi e percorsi innovativi che hanno lo scopo di umanizzare e rendere artistici gli ambienti socio-sanitari e creare percorsi artistici di riabilitazione. Da vent’anni opera nell’ambito pedagogico-clinico-pediatrico, grazie all’incontro ed alla collaborazione di neuropsichiatri, neurologi, fisiatri, psicologi come: Franco Basaglia, Ruggero Piperno, Francesco Silvetti, Giovanni Sanna, Bruno Cortis, Adriano Ferrari e numerosi ricercatori che tendono a valorizzare, nel percorso di cura, la parte personale, emozionale e sensoriale dei pazienti, ritenendo tale approccio di forte ausilio alla medicina classica.

Orchestra del Teatro Lirico - È stata fondata nel 1933 e ha consolidato, negli anni, un fecondo rapporto con i maggiori direttori italiani, tra cui Tullio Serafin, Vittorio Gui, Antonino Votto, Guido Cantelli, Franco Ferrara, Franco Capuana, Willy Ferrero, e con compositori quali Ottorino Respighi, Ildebrando Pizzetti, Ermanno Wolf Ferrari, Riccardo Zandonai, Alfredo Casella. Risalgono agli anni ‘50-’60 le apparizioni sul podio di Lorin Maazel, Lovro von Matacic, Claudio Abbado, Sergiu Celibidache, Riccardo Muti, e le collaborazioni con Gioconda De Vito, Leonid Kogan, Henryk Szering, Andrés Navarra, Dino Ciani, Maria Tipo, Nikita Magaloff, Wilhem Kempff, Martha Argerich. In questi anni l’Orchestra ha collaborato, tra gli altri, con direttori come Lorin Maazel, Georges Prêtre, Emmanuel Krivine, Mstislav Rostropovich, Ton Koopman, Iván Fischer, Frans Brüggen, Carlo Maria Giulini, Gennadi Rozhdestvensky, Rafael Frühbeck de Burgos, Neville Marriner, Christopher Hogwood, Hartmut Haenchen e con solisti come Martha Argerich, Aldo Ciccolini, Kim Kashkashian, Viktoria Mullova, Misha Maisky, Truls Mørk, Sabine Meyer, Yuri Bashmet, Salvatore Accardo. Dal 1999 al 2005 Gérard Korsten ha ricoperto il ruolo di direttore musicale e ha, fra l’altro, diretto in prima esecuzione nazionale, Die ägyptische Helena di Richard Strauss, Euryanthe di Weber e A Village Romeo and Juliet di Delius. Negli ultimi anni l’Orchestra ha collaborato regolarmente con Lorin Maazel, compiendo nel 1999 una tournée in Europa ed eseguendo con successo una serie di concerti. Nel 2002 ha rappresentato l’Italia nella rassegna Italienische Nacht, organizzata dalla Bayerischer Rundfunk al Gasteig di Monaco di Baviera e trasmessa in diretta dalla radio bavarese. Nel 2005 ha suonato in un concerto in onore del Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi. Negli ultimi anni, anche nell’ambito della rassegna “Cinque passi nel Novecento”, ha eseguito, in prima assoluta, composizioni per orchestra che il Teatro Lirico di Cagliari ha commissionato a compositori come Sylvano Bussotti, Giorgio Tedde, Azio Corghi, Fabio Nieder, Alberto Colla, Carlo Boccadoro, Franco Oppo, Francesco Antonioni, Ivan Fedele. Per la casa discografica Dynamic ha inciso opere in prima esecuzione in Italia, quali Die Feen di Wagner, Dalibor di Smetana, (premiate, rispettivamente, da “Musica e Dischi” quale miglior disco operistico italiano del 1997, e da “Opéra International” col “Timbre de Platine” - gennaio 2001), Čerevki e Oprnik di Čajkovskij, Die ägyptische Helena di Richard Strauss, Euryanthe di Weber, Alfonso und Estrella di Schubert, Hans Heiling di Marschner, Chérubin di Massenet, Lucia di Lammermoor di Donizetti. Ha inciso, inoltre, Goyescas di Granados e La vida breve di De Falla, La Passione secondo Giovanni di Bach per la Dynamic e Don Pasquale per Rai Trade. Per la Rai ha registrato, nel 1998, La Bohème trasmessa in tutto il mondo.

Mauro Sarzi - Direttore Artistico della Onlus Human Arts, proviene da una Famiglia d’arte che, da cinque generazioni, lavora con il Teatro di Figura (burattini e marionette). Proprio nell’Ottocento il nonno Antonio Sarzi intraprende a Mantova quest’arte antica e, nei vari passaggi, il padre Otello esplora e stravolge le tecniche costruttive, attraverso collaborazioni con importanti artisti della cultura mondiale, tra i quali: Federico Fellini, Cesare Zavattini, Vittorio De Sica, Italo Calvino, Gianni Rodari, Lelio Luttazzi. Renzo Vespignani, Renato Guttuso, Carlo Mazzacurati, Pablo Picasso, Ennio Morricone, Nino Rota, Vittorio Gelmetti; divenendo così uno dei più importanti innovatori del XX secolo.





Pierluigi Corona
Responsabile Ufficio Stampa
Teatro Lirico di Cagliari, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari – Italia
telefono +39 0704082209 - fax +39 0704082216



Nessun commento:

Posta un commento