La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 17 aprile 2014

Ulassai celebra Maria Lai a un anno dalla morte: oggi evento alla Fondazione Stazione dell’arte

da Sardinia post

Ulassai celebra Maria Lai a un anno dalla morte: oggi evento alla Fondazione Stazione dell’arte

maria lai
Un anno fa, il 16 aprile del 2013, moriva l’artista di Ulassai Maria Lai. In occasione del primo anniversario della scomparsa, la Fondazione Stazione di Ulassai, il Museo di arte contemporanea a lei dedicato, organizza un evento in sua memoria. Attraverso l’allestimento di un nuovo percorso espositivo, la sala del museo ospiterà la presentazione dell’opera “Maria Lai Ansia d’Infinito”, un progetto audio visivo composto da un libro e due film curato da Clarita Di Giovanni, e a seguire “Mare Muro appunti per un dialogo realmeraviglioso”, audio-libro a cura di Giorgio Baratta. La presentazione domani pomeriggio con inizio alle 16 nella sede della Fondazione Stazione dell’arte. “Abbiamo pensato di celebrare Maria Lai partendo da un libro in cui è scritta una delle sue frasi preferite, a proposito dell’ansia di infinito che si è portata con sé per tutta la vita – sottolinea l’organizzatrice dell’evento, Claudia Contu della Fondazione Stazione – Diceva sempre Maria: ‘Siamo sulla terra, che gira a circa 30 Km al secondo, in un viaggio pur sempre speciale dove non si distingue la partenza dal ritorno. La vera nostalgia non è quella per un’isola. E’ l’ansia di infinito’. Ansia di infinito – aggiunge Claudia Contu – presente in tutta la sua filosofia che la portava a cercare se stessa anche attraverso la creazione delle sue opere”. “Domani Ulassai celebrerà la donna e l’artista del paese morta a 94 anni – ricorda l’organizzatrice – Quella donna partita dalla profonda Ogliastra nel 1940, con pochi mezzi e poca esperienza, ma che con la sua voglia di esplorare percorsi artistici e umani nuovi è diventata un’artista di fama internazionale”.

Nessun commento:

Posta un commento