La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

martedì 30 aprile 2013

Edoardo Nesi La chiave a stella di Primo Levi


Premio Strega

> 
Premio Strega
 
Domenica  12/05/2013
Teatro Studio, ore 11
Acquista


Promosso da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci in collaborazione con Fondazione Musica per Roma                           

Premio Strega
classico contemporaneo



Biglietti:
Posto unico: 5.00 euro
Biglietteria 892982 (Clicca e visualizza i costi del servizio)

Riduzioni: Parco della Musica Car


Domenica 12 maggio
Teatro Studio ore 11
Edoardo Nesi
La chiave a stella
di Primo Levi




Dopo Sandro Veronesi, Ernesto Ferrero e Paolo Giordano, sarà Edoardo Nesi, vincitore dello Strega nel 2011 con Storia della mia gente (Bompiani), ad incontrare il pubblico per il ciclo Premio Strega: classico contemporaneo, presentato dalla Fondazione Bellonci e dalla Fondazione Musica per Roma per celebrare la storia e la continuità del premio letterario che più di ogni altro dal Dopoguerra a oggi ha contribuito a creare un pubblico di lettori per la narrativa. Edoardo Nesi ha scelto di rileggere La chiave a stella di Primo Levi, vincitore del Premio Strega nel 1979, per riflettere oggi sul tema della dignità del lavoro, di quello ben fatto, che permette all’uomo - scriveva Levi - di raggiungere “la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra”. Con quest’ultimo incontro si conclude il ciclo che ha visto quattro vincitori dello Strega rileggere i capolavori dell’albo d’oro del premio, un modo per confrontarsi con grandi partiture letterarie in un dialogo originale in cui le categorie di “classico” e “contemporaneo” si riflettono l’una sull’altra. Facendo rivivere le pagine del passato di luce nuova e offrendo uno sguardo inedito sul presente.

Nessun commento:

Posta un commento