La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

martedì 30 aprile 2013

Otello, omaggio a Giuseppe Verdi nel bicentenario della nascita, inaugura la Stagione lirica e di balletto 2013 del Lirico di Cagliari






Otello, omaggio a Giuseppe Verdi nel bicentenario della nascita,
inaugura la Stagione lirica e di balletto 2013

Giovedì 2 maggio alle 20.30 si alza il sipario sulla Stagione lirica e di balletto 2013 del Teatro Lirico di Cagliari. Una stagione sempre molto attesa dal pubblico che, anche per quest’anno, segna la rinascita e la voglia di proseguire nella diffusione musicale del Teatro Lirico di Cagliari. Sei opere liriche ed un balletto, una produzione in più rispetto all’anno scorso, tutti titoli di grande interesse che, certamente, troveranno il gradimento del pubblico, sia per quelli noti che per quelli ricercati: Otello, Macbeth, L’amico Fritz, I Shardana, Così fan tutte, Pagliacci, Red Giselle.
 
L’inaugurazione è affidata al doveroso omaggio, in occasione del bicentenario della nascita, a Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto, Parma, 1813 - Milano, 1901), massimo operista italiano: Otello, dramma lirico in quattro atti, su libretto di Arrigo Boito, dalla tragedia omonima di William Shakespeare, e musica, appunto, di Verdi, va in scena per sei rappresentazioni, dal 2 al 10 maggio, per il XIII Festival di Sant’Efisio del Teatro Lirico di Cagliari.

Lo spettacolo inaugurale, un stimolante allestimento dello scorso gennaio della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, conta dell’eccezionale regia di Eimuntas Nekrosius, geniale artista lituano, celebre in tutto il mondo dello spettacolo per aver curato importanti allestimenti teatrali e che ritorna a Cagliari dopo l’allestimento di La leggenda della città invisibile di Kitež e della fanciulla Fevronija di Nikolaj Rimskij-Korsakov che inaugurò la Stagione lirica e di balletto 2008, delle scene di Marius Nekrosius, dei costumi di Nadežda Gultiajeva e delle luci di Audrius Jankauskas che sfruttano tutte le potenzialità drammaturgiche dell’opera con pochi elementi scenici e colori assemblati con grande pulizia ed eleganza, oltre a movimenti essenziali, in un gioco di rimandi simbolici. Una messinscena, quindi, minimale e di grande atmosfera voluta dal regista “per non disturbare, né sovrastare la potenza della musica”, complice la sua inconfondibile cifra registica.

La direzione musicale è affidata a Giampaolo Bisanti, giovane artista milanese tra i migliori interpreti del grande repertorio musicale che debutta a Cagliari e che dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico e il Coro di voci bianche del Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari. Il maestro del coro è Marco Faelli, mentre il maestro del coro di voci bianche è Enrico Di Maira.

Protagonisti dell’opera sono giovani ed affermati cantanti che si alternano nelle recite quali: Kristian Benedikt (2, 8, 10)/Francesco Anile (3, 7, 9) (Otello); Cinzia Forte (2, 8, 10)/Serena Daolio (3, 7, 9) (Desdemona); Paolo Gavanelli (2, 8, 10)/Marco di Felice (3, 7, 9) (Jago); Giovanna Lanza (Emilia); Cristiano Cremonini (Cassio); Mirko Guadagnini (Roderigo); Ziyan Atfeh (Lodovico); Francesco Cardinale (Montano); Alessandro Perucca (Un araldo).

Rappresentato, per la prima volta, al Teatro alla Scala di Milano il 5 febbraio 1887, Otello, penultima opera di Verdi, rappresenta, insieme a Falstaff, un punto d’arrivo, di sintesi e d’apertura verso nuovi orizzonti. Grazie alla collaborazione di Arrigo Boito, che gli fornì due testi letterari a struttura unica, Verdi abbandona lo schema dell’opera drammatica suddivisa in forme chiuse, in un discorso unico, raggiungendo una forza drammatica senza precedenti. Verdi si muove in piena sintonia con la sensibilità fin de siècle, scegliendo come soggetto uno dei drammi psicologici più inquietanti di tutto il teatro di prosa, dove l’azione è prodotta dall’intreccio di passioni tanto assolute quanto devastanti: dall’odio maligno di Jago, alla cieca gelosia di Otello, sino all’amore innocente di Desdemona. Ambientata nell’isola di Cipro, alla fine del XV secolo, l’opera è incentrata, infatti, sul personaggio di Otello, moro, generale dell’armata veneta a Cipro, e sugli intrighi del perfido alfiere Jago, che insinua nell’animo del protagonista il sospetto verso sua moglie Desdemona, scatenando in lui un’irrefrenabile gelosia sino al tragico finale.

L’opera, nonostante venga, ovviamente, rappresentata in lingua italiana, viene proposta, come ormai tradizione al Teatro Lirico di Cagliari, con l’ausilio dei sopratitoli che, scorrendo sull’arco scenico del boccascena, favoriranno la comprensione del libretto.

Otello, la cui ultima rappresentazione al Teatro Lirico di Cagliari risale al 2003, viene replicato: venerdì 3 maggio alle 20.30 (turno D), martedì 7 maggio alle 20.30 (turno B), mercoledì 8 maggio alle 20.30 (turno G), giovedì 9 maggio alle 20.30 (turno F), venerdì 10 maggio alle 21 (turno C).

Prezzi abbonamenti: platea da € 255,00 a € 195,00 (settore giallo), da € 225,00 a € 175,00 (settore rosso), da € 195,00 a € 130,00 (settore blu); I loggia da € 205,00 a € 145,00 (settore giallo), da € 165,00 a € 120,00 (settore rosso), da € 150,00 a € 105,00 (settore blu); II loggia da € 120,00 a € 105,00 (settore giallo), da € 100,00 a € 80,00 (settore rosso), da € 75,00 a € 50,00 (settore blu).

Prezzi biglietti: platea da € 70,00 a € 45,00 (settore giallo), da € 55,00 a € 35,00 (settore rosso), da € 40,00 a € 25,00 (settore blu); I loggia da € 50,00 a € 30,00 (settore giallo), da € 40,00 a € 25,00 (settore rosso), da € 35,00 a € 20,00 (settore blu); II loggia da € 30,00 a € 20,00 (settore giallo), da € 20,00 a € 15,00 (settore rosso), da € 15,00 a € 10,00 (settore blu).

La Stagione lirica e di balletto 2013 si avvale del contributo della Fondazione Banco di Sardegna.

La Biglietteria del Teatro Lirico ed il Box Office sono aperti dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, il sabato dalle 10 alle 13. Rimangono chiusi nei giorni festivi.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, il sabato dalle 10 alle 13, telefono +39 0704082230 - +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube; Box Office, viale Regina Margherita 43, 09124 Cagliari, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20 e il sabato dalle 10 alle 13, telefono +39 070657428.

Francesco Anile - Nato a Polistena, in provincia di Reggio Calabria, si diploma in clarinetto nel 1985 e, nel 1989, in canto, con il massimo dei voti, al Conservatorio di Musica “Francesco Cilea” di Reggio Calabria. Successivamente, si perfeziona con Aldo Protti a Cremona e, in seguito al cambio di vocalità da baritono a tenore, studia con il tenore Ottavio Taddei a Firenze. Nel 2001 segue i corsi di alto perfezionamento del “Verdi Opera Festival” di Parma, tenuti da Renata Scotto e Maja Sunara. È stato più volte premiato con attestati, segnalazioni e riconoscimenti, quale finalista in prestigiosi concorsi nazionali ed internazionali .


Ziyan Atfeh - Si è formato alla scuola di Nicolai Ghiaurov e di Mirella Freni, cominciando gli studi al CUBEC di Vignola nel 2003. Vince, per tre anni consecutivi, la borsa di studio Nicolai Ghiaurov e, nel 2006, si aggiudica il 2° Premio al Concorso internazionale As.Li.Co. Si specializza sotto la guida di Mirella Freni che lo sceglie per il concerto dei migliori allievi del CUBEC di Vignola nel giugno del 2005 e, nel 2006, è uno dei solisti del concerto, organizzato in onore di Zubin Mehta per il Premio alla carriera conferitogli dal Rotary di San Miniato. 

Kristian Benedikt - Debutta come solista alla Lithuanian National Opera e, in soli tre anni, debutta in più di 20 ruoli .

Giampaolo Bisanti - Nato a Milano, compie i suoi studi musicali al Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” della sua città, diplomandosi con il massimo dei voti nel 1997. Nel 1998 è vincitore dello stage per direttori d’orchestra tenuto da Donato Renzetti presso i Pomeriggi Musicali di Milano. Ha debuttato 32 titoli operistici e diretto più di 300 concerti sinfonici, tra cui anche numerose partiture d’avanguardia. Risulta vincitore di numerosi concorsi internazionali, tra cui spicca il prestigioso Concorso Internazionale “Dimitri Mitropoulos” di Atene. Dopo numerose esperienze in realtà minori e sempre suscitando grande interesse per la sua sensibilità artistica, dalla stagione 2006-2007 comincia la sua grande carriera internazionale. 

Francesco Cardinale - Nato a Bari, ha compiuto gli studi di canto sotto la guida di Biagio Grimaldi. Nel 1985 è entrato a far parte del Coro del Teatro Petruzzelli, dove ha lavorato per un decennio. Ha, quindi, collaborato con altri teatri e festival italiani, tra i quali il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Bellini di Catania, il Festival della Valle d’Itria di Martina Franca, il Teatro Comunale di Lecce ed il Teatro Rendano di Cosenza. Attualmente fa parte del Coro del Teatro Lirico di Cagliari.

Coro del Teatro Lirico - Protagonista di una importante attività che, a partire dal dopoguerra, lo ha portato ad eseguire oltre cento titoli di lirica, si qualifica anche per la capacità di affrontare il repertorio sinfonico. Ha avuto tra i suoi direttori Bonaventura Somma, Roberto Benaglio, Giorgio Kirschner. Diretto dal 1997 al gennaio 2005 da Paolo Vero, dal giugno 2005 al dicembre 2007 da Andrea Faidutti, dal gennaio 2008 al dicembre 2011 da Fulvio Fogliazza, dal gennaio 2012 è guidato da Marco Faelli. 

Coro di voci bianche del Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari - Il Coro di voci bianche nasce per integrare l’organico corale in produzioni operistiche e sinfoniche del Teatro Lirico di Cagliari. Attualmente è diretto da Enrico Di Maira.

Cristiano Cremonini - Nato a Bologna nel 1974, ha studiato canto con Angelo Bertacchi. Dopo il debutto a 21 anni in Don Carlo al Teatro Sociale di Mantova, si dedica all’opera del Settecento.

Serena Daolio - Nata a Carpi, si è diplomata col massimo dei voti sotto la guida di Donatella Saccardi al Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma. Perfezionatasi con Virginia Zeani, è risultata vincitrice dei concorsi “Masini” e “Zandonai”. Renato Bruson le ha assegnato, nel 2004, il Premio “Renato Bruson”, quale miglior giovane cantante.

Marco Di Felice - Baritono di fama internazionale, inizia l’attività professionistica incentrando il suo repertorio su Rossini e Mozart, esibendosi in importanti teatri quali: Comunale di Bologna, Donizetti di Bergamo, San Carlo di Napoli, Verdi di Firenze, Liceu di Barcellona, Opera de La Coruña, Festival di Strasburgo, La Fenice di Venezia, Rossini Opera Festival di Pesaro. Sperimenta poi il repertorio del pieno e tardo Ottocento.

Enrico Di Maira - Nato a Trieste, si è diplomato in pianoforte al Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano, dove ha proseguito la sua formazione musicale, studiando composizione con Bruno Bettinelli e Nicolò Castiglioni. È stato maestro collaboratore all’Arena di Verona, al Teatro alla Scala di Milano e, dal 1984, al Teatro Lirico di Cagliari, dove, dal 1997 agli inizi del 2005 ha ricoperto il ruolo di aiuto maestro del coro. Si occupa di voci bianche e, da diversi anni, prepara e dirige il Coro di voci bianche del Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari.

Marco Faelli - È laureato in Fisica teorica all’Università degli Studi di Parma. Dopo gli studi di Composizione con Bruno Bettinelli, si è diplomato in Direzione d’orchestra al Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano con Gabriele Bellini, perfezionandosi, in seguito, all’Accademia “Ottorino Respighi” di Roma con Ferenc Nagy e Hans Priem Bergrath, e, quindi, alla Fondazione I Pomeriggi Musicali con Gianluigi Gelmetti.

Cinzia Forte - Napoletana di nascita e romana di adozione, inizia gli studi musicali a 5 anni sotto la guida del padre. Prosegue gli studi al Conservatorio di Musica e, contemporaneamente agli studi classici, si diploma in Pianoforte e Canto lirico. Vince numerosi concorsi internazionali, tra cui il “Giacomo Lauri Volpi” di Latina e il Concorso “A. Belli” di Spoleto. Dopo il debutto al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto, viene invitata dai più prestigiosi teatri ed istituzioni concertistiche internazionali .

Paolo Gavanelli - Si è affermato nella sua oramai trentennale carriera in tutti i maggiori teatri lirici del mondo, come uno dei massimi interpreti verdiani della sua generazione. Con oltre sessanta ruoli che spaziano dal belcanto al verismo, Paolo Gavanelli interpreta con particolare successo i grandi personaggi verdiani .

Mirko Guadagnini - Ha studiato al Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano e, nel 1998, ha vinto il concorso As.Li.Co. Il suo repertorio spazia dalla musica barocca a Mozart fino agli autori contemporanei.
Nadezda Gultiajeva - Nata a Irkutsk (Russia), laureata all’Irkutsk Art College, Dipartimento di scenografia. Nel 1972-1973 è il capo progettista dello State Youth Theatre di Irkutsk. Ha frequentato i Corsi di alto produttore in GITIS (Mosca) e ha lavorato con Eduard Kochergin a San Pietroburgo. Dal 1976 vive e lavora in Lituania. Ha disegnato scene e costumi per produzioni di Eimuntas Nekrosius per: Lo zio Vanja, Le tre sorelle, Il giardino dei ciliegi di Cechov; Amleto, Otello di Shakespeare; i costumi per Vita e Morte a Verona di Antanelis e Geda; Macbeth di Shakespeare; Ivanov di Cechov; The Seasons di Donelaitis; Cantico dei Cantici opera su un poema dal Vecchio Testamento; Faust di Goethe; Idiot di Dostoevskij; Caligola di Camus; La Divina Commedia di Dante; Macbeth di Verdi; Boris Godunov di Musorgskij al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; I figli di Rosenthal al Teatro Bolshoi di Mosca; I sette peccati capitali di Kurt Weill; costumi per Die Walküre di Wagner, Otello di Verdi al Teatro Nazionale dell’Opera di Lituania, La leggenda della città invisibile di Kitež e della fanciulla Fevronija di Rimskij-Korsakov al Teatro Lirico di Cagliari. Nel 2002 è stata insignita del Premio della Critica Teatrale della Lituania come miglior designer della stagione, mentre nel 2004 è stata nominata per il Premio “Golden Mask” di Mosca.

Audrius Jankauskas - Nato nel 1973 e laureato, nel 1997, all’Università Pedagogica di Vilnius, a cui è seguito un master in tecnologia e design. 

Giovanna Lanza - Mezzosoprano dal timbro brunito e potente, si pone all’attenzione del grande pubblico per la sua intensa personalità scenica e vocale. 

Eimuntas Nekrosius - Nato nel 1952 a Raisenai in Lituania, è regista ed attore. Si è diplomato nel 1978 all’Istituto dell’Arte Teatrale Lunacarskij di Mosca. Dal 1978 al 1979 ha lavorato al Teatro Giovanile di Stato di Vilnius, dal 1979 al 1980 al Teatro Drammatico Kaunas. Dal 1980 ha ripreso il lavoro al Teatro Giovanile di Stato di Vilnius.

Marius Nekrosius - È nato nel 1976 a Palanga (Lituania). Dal 1995 al 2002 studia architettura all’Accademia di Belle Arti di Vilnius (VDA). Dal 1998 lavora, per lo stesso teatro, come scenografo. 

Orchestra del Teatro Lirico - È stata fondata nel 1933 e ha consolidato, negli anni, un fecondo rapporto con i maggiori direttori italiani, tra cui Tullio Serafin, Vittorio Gui, Antonino Votto, Guido Cantelli, Franco Ferrara, Franco Capuana, Willy Ferrero, e con compositori quali Ottorino Respighi, Ildebrando Pizzetti, Ermanno Wolf Ferrari, Riccardo Zandonai, Alfredo Casella. Risalgono agli anni ‘50-’60 le apparizioni sul podio di Lorin Maazel, Lovro von Matacic, Claudio Abbado, Sergiu Celibidache, Riccardo Muti, e le collaborazioni con Gioconda De Vito, Leonid Kogan, Henryk Szering, Andrés Navarra, Dino Ciani, Maria Tipo, Nikita Magaloff, Wilhem Kempff, Martha Argerich. In questi anni l’Orchestra ha collaborato, tra gli altri, con direttori come Lorin Maazel, Georges Prêtre, Emmanuel Krivine, Mstislav Rostropovich, Ton Koopman, Iván Fischer, Frans Brüggen, Carlo Maria Giulini, Gennadi Rozhdestvensky, Rafael Frühbeck de Burgos, Neville Marriner, Christopher Hogwood, Hartmut Haenchen e con solisti come Martha Argerich, Aldo Ciccolini, Kim Kashkashian, Viktoria Mullova, Misha Maisky, Truls Mørk, Sabine Meyer, Yuri Bashmet, Salvatore Accardo.

Alessandro Perucca - Nato a La Spezia, dopo aver intrapreso gli studi pianistici si è dedicato esclusivamente al canto, seguendo le lezioni di Gino Bechi a Firenze. Da quel momento ha iniziato una carriera che lo ha portato a esibirsi in concerti solistici in varie città italiane, con una particolare predilezione per il repertorio liederistico, e a cantare in importanti istituzioni musicali.




Pierluigi Corona
Responsabile Ufficio Stampa
Teatro Lirico di Cagliari, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari – Italia
telefono +39 0704082209 - fax +39 0704082216
stampa@teatroliricodicagliari.it - www.teatroliricodicagliari.it

Nessun commento:

Posta un commento