La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

mercoledì 12 marzo 2014

Bellini, Mozart, Puccini, Verdi, Čajkovskij: ecco la Stagione lirica e di balletto 2014 del Teatro Lirico di Cagliari

Bellini, Mozart, Puccini, Verdi, Čajkovskij:
ecco la Stagione lirica e di balletto 2014 del Teatro Lirico di Cagliari

Giovedì 24 aprile alle 20.30 si alza il sipario sulla Stagione lirica e di balletto 2014 del Teatro Lirico di Cagliari. Una stagione sempre molto attesa dal pubblico che, anche per quest’anno, segna la rinascita e la voglia di proseguire nella diffusione musicale del Teatro Lirico di Cagliari. Sei opere liriche ed un balletto (per sette turni di abbonamento, uno in più rispetto all’anno scorso), tutti titoli di grande interesse che, certamente, troveranno il gradimento del pubblico, sia per quelli noti che per quelli ricercati: Norma, Il flauto magico, Turandot, Tosca, La Traviata, Lo schiaccianoci, Gli stivaletti.

L’inaugurazione è affidata al famoso capolavoro musicale di Vincenzo Bellini (Catania, 1801 - Puteaux, 1835): Norma, tragedia lirica in due atti, intrisa sia di richiami alla tradizione classica, in particolare quella della tragedia greca, sia di romantiche atmosfere lunari e di abbandoni estatici che trovano in Casta Diva, celeberrima preghiera della protagonista, la loro compiutezza. L’opera va in scena per sette rappresentazioni, dal 24 aprile al 4 maggio, in un nuovo allestimento del Teatro Lirico di Cagliari che conta della regia di Stephen Medcalf, artista inglese che si misura per la prima volta con Norma. La direzione musicale di Norma, assente dal 1988 da Cagliari , è affidata a 

Julian Kovatchev. La storia dell’infelice amore tra la sacerdotessa druidica ed il proconsole romano nelle Gallie è interpretata a Cagliari da Anna Pirozzi e Daniela Schillaci che si alternano nel ruolo di Norma e da Roberto Aronica e Francesco Anile che si alternano, invece, in quello di Pollione.

Il secondo appuntamento con l’opera, in scena dal 30 maggio all’8 giugno, è Il flauto magico (Die Zauberflöte), opera tedesca in due atti, su libretto di Emanuel Schikaneder e musica di Wolfgang Amadeus Mozart (Salisburgo, 1756 - Vienna, 1791), assente dal 2003 dal palcoscenico cagliaritano Al giovane maestro 

Christopher Franklin, specialista mozartiano che ritorna a Cagliari dopo il Così fan tutte dello scorso anno, spetta il compito di dirigere i complessi artistici stabili del Teatro Lirico nell’estremo capolavoro del geniale compositore salisburghese, mentre Roberto Andò, regista palermitano, mette in scena lo spettacolo.

Un gradito ritorno per il pubblico cagliaritano, a distanza di dieci anni dall’ultima rappresentazione (marzo 2004): Turandot di Giacomo Puccini (Lucca, 1858 - Bruxelles, 1924) che viene rappresentata, dal 27 giugno al 16 agosto, per quindici rappresentazioni, di cui sette in abbonamento ed otto fuori abbonamento. Il nuovo allestimento del Teatro Lirico di Cagliari è firmato per la regia dal fiorentino Pier Francesco Maestrini e si avvale, per l’impianto scenico, di un autorevole artista sardo al suo debutto nell’opera lirica

Pinuccio Sciola. Altro eccellente debutto, questa volta nell’impervio ruolo della protagonista, è quello del celebre soprano greco Dimitra Theodossiou. Maestro concertatore e direttore è Roberto Abbado, milanese e vincitore, nel 2008, del prestigioso Premio “Franco Abbiati” come “direttore d’orchestra dell’anno”, che si alterna, nelle numerose repliche, con 

Giampaolo Bisanti, giovane artista milanese tra i migliori interpreti del grande repertorio musicale.

Dopo la pausa estiva, la Stagione lirica e di balletto riprende, dal 3 al 12 ottobre, con Tosca, celeberrimo ed amatissimo melodramma di Giacomo Puccini (Lucca, 1858 - Bruxelles, 1924) che ritorna, dopo soli quattro anni, al Teatro Lirico di Cagliari. Si tratta di una produzione del Teatro Regio di Parma, che il regista Joseph Franconi Lee ha costruito intorno ad un’idea dell’illustre allievo di Luchino Visconti Alberto Fassini, scomparso nel 2005. Le scene e i costumi, improntati ad un’elegante e raffinata tradizione, sono di William Orlandi. L’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico sono diretti da 

Gianluigi Gelmetti, direttore, docente e compositore romano. Il cast d’interpreti, di straordinario spessore, è composto da Svetla Vassileva nel ruolo della passionale e sfortunata protagonista, Aquiles Machado in quelli del rivoluzionario pittore Mario Cavaradossi e da Marco Vratogna nella parte del voluttuoso barone Scarpia.

La Stagione lirica e di balletto prosegue con un altro amatissimo ed immortale capolavoro del massimo operista italiano, Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto, Parma, 1813 - Milano, 1901): La Traviata, melodramma fra i più popolari ed eseguiti al mondo. La Traviata va in scena dal 7 al 16 novembre, per sette rappresentazioni, e ritorna a Cagliari, dopo appena tre anni (l’ultima edizione è del giugno 2011), in un celebrato ed affascinante allestimento del 1987, proveniente dai Deutsche Oper am Rhein, Theatergemeinschaft Düsseldolf-Duisburg e Théâtre de la Monnaie Bruxelles che si avvale della più famosa coppia di registi della scena internazionale, Karl-Ernst e Ursel Herrmann, che hanno saputo evocare, con la cura di ogni dettaglio, lo spirito che suggerì a Verdi un soggetto capace di suscitare tanto scandalo. La direzione musicale è affidata a 

Donato Renzetti, direttore abruzzese ed apprezzato interprete della tradizione musicale italiana, in particolare verdiana, che ritorna a Cagliari dopo il “suo” recente Nabucco di due anni fa, mentre, nei ruoli principali, cantano Irina Lungu (Violetta), Francesco Demuro (Alfredo), al suo debutto in un’opera lirica a Cagliari, e Vittorio Vitelli (Germont), tre giovani ed affermati artisti, specialisti ciascuno del proprio ruolo.

Dal 22 novembre al 30 novembre, per otto rappresentazioni, di cui una fuori abbonamento, ritorna la grande danza classica con Lo schiaccianoci di Pëtr Il’ič Čajkovskij (Kamsko-Votkinsk, governatorato di Vjatka, 1840 - San Pietroburgo, 1893), uno dei capolavori più amati dal pubblico, nella versione portata in scena dal Balletto del Teatro Stanislavskij di Mosca, con la coreografia di Vasily Vainonen. Questo prestigioso corpo di ballo, uno dei massimi esempi della tradizione coreografica romantica, debutta al Teatro Lirico di Cagliari proprio con la favola natalizia che continua ad ammaliare magicamente adulti e bambini e che mancava dal palcoscenico cagliaritano dal 2010.

Chiude la Stagione lirica e di balletto, dal 19 al 30 dicembre, un’opera comico-fantastica di ambientazione ed argomento natalizi che, nel gennaio 2000, ebbe un enorme successo, di pubblico e critica, al suo apparire, per la prima volta in Italia, sul palcoscenico del Teatro Lirico di Cagliari: Gli stivaletti (Čerevički) di Pëtr Il’ic Čajkovskij (Kamsko-Votkinsk, governatorato di Vjatka, 1840 - San Pietroburgo, 1893). Lo straordinario allestimento, ispirato alle creazioni di Fabergé, è rimasto negli occhi del pubblico anche per la sontuosità delle scene e la magnificenza dei costumi che, ideati da Vjacheslav Okunev, incorniciano questa fiaba russa in quattro atti che il regista Yuri Alexandrov racconta in maniera tanto semplice quanto spettacolare. A dirigere i complessi musicali stabili cagliaritani ritorna la bacchetta esperta di Donato Renzetti.

Tutti gli spettacoli vengono eseguiti dall’Orchestra e dal Coro, diretto da Marco Faelli, del Teatro Lirico di Cagliari.



Pierluigi Corona è il 
Responsabile Ufficio Stampa
Teatro Lirico di Cagliari, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari – Italia
telefono +39 0704082209 - fax +39 0704082216

Nessun commento:

Posta un commento