La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 27 marzo 2014

La Sardegna rurale scomparsa nelle foto di Vico Mossa

da Sardinia post

La Sardegna rurale scomparsa nelle foto di Vico Mossa

Orgosolo, casa con scala esterna TAV 131
Erano i primi anni ’50 quando l’architetto Vico Mossa intraprese il suo viaggio fotografico nella Sardegna rurale per documentare quelle che lui chiamava “architetture senza architetti”. Quelle abitazioni, che la storia dell’arte chiama con un po’ di disprezzo “vernacolari”, costituivano il patrimonio urbanistico semplice e funzionale degli abitanti della Sardegna.
Erano, per usare le parole dell’autore  “un mirabile equilibrio fra natura, vita e casa, funzionali all’uomo che le vive, che ne assecondano i bisogni e si perfezionano con lui”. Le demolizioni sistematiche già iniziate in quegli anni, le hanno sostituite con unaedilizia fai-da-te lontana da quello “Spirito ordinatore” che guidava i nostri avi. Ora l’archivio di Vico Mossa sta per essere donato dagli eredi al comune di Serramanna, paese natale dell’architetto, che aprirà un centro di archivi d’architettura a lui dedicato. Queste foto facevano parte del catalogo della mostra “Vico Mossa fotografo” tenutasi a Serramanna nel luglio 2011 e pubblicato dalla casa editrice Tellus. Sono una piccola parte dell’archivio che comprende oltre duemila negativi di architetture per buona parte scomparse. Forse il più importante archivio fotografico di architettura domestica della Sardegna.
Enrico Pinna

Nessun commento:

Posta un commento