La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 30 marzo 2014

CRITICO SNOB, SCRIVI SU FACEBOOK

31398_ppl

CRITICO SNOB, SCRIVI SU FACEBOOK (Roberto Saviano)

Gli italiani che leggono sono sempre meno. I dati del rapporto Nielsen sono allarmanti. Invece di cercare i colpevoli sarebbe più utile capire cosa si può fare. Si scoprirebbe che un aiuto può venire anche da tv e social network
Il Centro per il libro e la lettura (Cepell) diretto da Gian Arturo Ferrari è un istituto autonomo del Ministero dei Beni Culturali che ha lo scopo di “divulgare il libro e la lettura in Italia”. Il Cepell ha commissionato a Nielsen (società di sondaggi e indagini di mercato) uno studio per comprendere lo stato dell’editoria in Italia. Quanti libri vengono venduti? Quanti ne vengono letti? Chi li compra? Chi li legge? Più uomini o più donne? E quali sono le fasce d’età in cui si legge di più?
Il risultato è un documento interessantissimo – molti non a torto lo definiscono preoccupante – “L’Italia dei libri 2011-2013″. Chi scrive libri, chi insegna, chi fa televisione, chi ha il compito di educare, fosse anche solo i propri figli, ha il dovere di conoscerlo. Ma in un paese dove la dispersione scolastica è ancora alta e soltanto il 20 per cento della popolazione adulta possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per comprendere testi più complessi, siamo certi che sia sufficiente lanciare un allarme? Siamo certi che non sia invece necessario analizzare, ciascuno nel proprio ambito, cosa sia possibile fare per avvicinare alla lettura chi non prende in considerazione l’ipotesi di immergersi in un libro per mancanza di tempo o possibilità?
Chi mi legge in questo momento stenterà a credere che ci siano persone che non riescono a seguire un testo quando usa – e la letteratura sempre lo fa – vocaboli appropriati, talvolta complessi; quindi non stupiamoci se in Italia si legge poco. Non stupiamoci e non perdiamo tempo prezioso in una sterile caccia al colpevole. A scuola maestri e professori ce la mettono tutta, ma poi c’è la famiglia. E anche lì, il lavoro, l’organizzazione frenetica del quotidiano, magari il mutuo: tutto è talmente complicato che l’educazione alla lettura passa necessariamente in secondo piano. Ecco allora che anche chi fa cultura deve assumersi necessariamente delle responsabilità e deve farlo sapendo che può fornire un necessario supporto, quando scuola e famiglia da sole non bastano.
Non ho sondaggi cui riferirmi se non l’esperienza personale. Quando su Rai Tre a “Che tempo che fa” ho raccontato l’esperienza dei gulag di Varlam Šalamov, quando ho raccontato la storia di Ken Saro Wiwa, quando ho letto le poesie di Wisława Szymborska, quando ho parlato di Anna Politkovskaja, incredibilmente, nei giorni successivi alla messa in onda, i loro libri sono entrati in classifica. Questo è accaduto perché chi mi ha ascoltato parlare dei gulag, della Russia di Putin, dell’impegno civile e ambientalista di Ken Saro Wiwa in Nigeria, chi mi ha seguito nella lettura delle poesie di Wisława Szymborska si è accorto quanto la letteratura, anche quella che riteneva più inaccessibile, fosse in realtà a portata di mano, vicina alle vite di ciascuno di noi. Si è accorto quanto uno scrittore, vissuto un secolo fa, possa avere in comune con persone che vediamo attorno a noi ora. Addirittura quanto possa avere in comune con noi stessi.

Ma la cosa più incredibile è stata questa: chi mi ha ascoltato si è fidato di me. Ha pensato che io non avessi alcun interesse personale a parlare di quel libro e che lo stessi facendo perché davvero averlo letto mi aveva cambiato la vita. Chi mi ha ascoltato ha avuto voglia di provare a cambiare, attraverso la lettura, anche la propria vita. Ecco quindi che la televisione può fare moltissimo. Può essere generosa. Può investire tempo, energie e denaro per raccontare ai telespettatori che, qualche volta, spegnere il televisore e prendere un libro può essere un meraviglioso regalo da fare a se stessi. Per i social network il discorso è analogo. Scrivere la recensione a un libro e diffonderla su Facebook, su un blog o attraverso Twitter è un atto dovuto, perché sono ormai luoghi virtuali dove si trascorre parecchio tempo e anche da lì possono arrivare suggestioni importantissime. Eppure sempre ci sarà il critico idiota che vede nella tv solo aberrazione, l’intellettuale rancoroso che trova qualità solo se il libro è in mano a pochi. Se queste persone avranno seguito, allora sarà giustificato quel sentimento di irreparabilità che il rapporto Nielsen suscita.

Nessun commento:

Posta un commento