La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

mercoledì 7 maggio 2014

BEST ACTRESS. Dive da Oscar® - Il Museo Nazionale del Cinema rende omaggio alle 72 attrici vincitrici della prestigiosa statuetta

BEST ACTRESS. Dive da Oscar® - Il Museo Nazionale del Cinema rende omaggio alle 72 attrici vincitrici della prestigiosa statuetta
Museo Nazionale del Cinema, Mole Antonelliana - 3 aprile - 31 agosto 2014


Il Museo Nazionale del Cinema presenta in prima mondiale, dal 3 aprile al 31 agosto 2014, la mostra BEST ACTRESS. Dive da Oscar®. Ideata da Stephen Tapert, è un omaggio alle 72 donne che, fra il 1929 e il 2014, hanno ricevuto la prestigiosa statuetta per la miglior interpretazione femminile. Grandi dive e attrici che hanno segnato non solo la storia del cinema, ma anche quella del costume, icone straordinarie dei cambiamenti del ruolo della donna nella società americana lungo l’intero arco del Novecento.

La mostra, a cura di Stephen TapertNicoletta PaciniTamara Sillo, si sviluppa sulla cancellata esterna della Mole Antonelliana, e nell’Aula del Tempio, cuore del Museo Nazionale del Cinema. Si compone di 370 pezzi, provenienti da Stephen Tapert, dalle collezioni del Museo del Cinema e da collezionisti americani, inglesi e italiani.

La visita alla mostra incomincia sulla cancellata esterna della Mole Antonelliana, dove viene ricostruito una sorta di red carpet virtuale, con le immagini di 19 attrici che percorrono la passerella d’ingresso al Dolby Theatre di Hollywood per la serata di premiazione, fra ali di fotografi e cineoperatori. 

All’interno del museo, nell’Aula del Tempio, uno spettacolare allestimento posto alla base dei grandi schermi presenta bozzetti, costumi di scena e abiti da cerimonia, indossati dalle dive durante la Notte degli Oscar: dal celebre abito di Valentino per Julia Roberts, al raffinato tailleur di Armani per Jodie Foster (che arriva direttamente dal guardaroba personale dell’attrice), fino alle stravaganze create da Bob Mackie per Cher. E ancora l’abito indossato da Louise Rainer nel 1937, alcuni costumi di scena indossati da Meryl Streep, Nicole Kidman ed Emma Thompson sui rispettivi set.

La mostra prosegue sulla rampa elicoidale con un percorso cronologico che, sviluppandosi come una pellicola cinematografica, ricostruisce la storia del celebre premio. 86 anni di ricordi che vanno dalla statuetta assegnata a Janet Gaynor nel 1929 sino all’Oscar ricevuto quest’anno da Cate Blanchett, alternando foto di scena, sequenze dei film, ritratti pubblicitari, manifesti rari, istantanee della cerimonia.
L’esposizione si conclude in cima alla rampa elicoidale, con una sezione dedicata alla Notte degli Oscar:   biglietti di invito alla premiazione, manifesti pubblicitari e programmi della più suggestiva, influente e popolare celebrazione dell’industria cinematografica e dei suoi protagonisti.

Dal 1 al 25 aprile, il Cinema Massimo proporrà inoltre una selezione di 16 film, interpretati da altrettante attrici vincitrici dell’Oscar. Contestualmente, in Bibliomediateca verranno riproposti tre film dedicati a tre grandi interpreti degli Anni Sessanta: Anne Bancroft, Elizabeth Taylor e Katherine Hepburn.

Per tutta la durata della mostra, i servizi educativi del museo propongono nuovi percorsi guidati e attività per il pubblico e per le scuole.

Stephen Tapert, co-curatore dell’esposizione, è anche l’autore di BEST ACTRESS. Dizionario delle Dive da Oscar, pubblicato da Silvana Editoriale. Il volume contiene, oltre ai testi introduttivi, le schede critiche e biografiche di ciascuna delle 72 attrici, i loro ritratti fotografici e numerose altre immagini provenienti dalla mostra.  

In occasione della mostra BEST ACTRESS. Dive da Oscar®. organizzata dal Museo Nazionale del Cinema di Torino (Mole Antonelliana, 3 aprile - 31 agosto) e della mostra “Tina Modotti. Retrospettiva” (Palazzo Madama, 1 maggio - 6 ottobre) organizzata a Palazzo Madama in collaborazione con Silvana Editoriale, l’Università di Torino propone una giornata di studi dedicati ad alcuni casi di attrici premiate con l’Oscar, scelti in relazione a momenti e snodi particolarmente significativi della storia del cinema. Diverse studiose italiane presenteranno percorsi di lettura e analisi delle identità e dei personaggi femminili tratteggiati nei film che verranno affrontati.
Il convegno, intitolato Le Donne del ritratto. Modelli divistici e identità femminili, è a cura di Giulia Carluccio e Mariapaola Pierini, dell’Università di Torino DAMS - CRAD (Centro Ricerche sull’Attore e il Divismo), Dipartimento di Studi Umanistici, e si terrà al Cinema Massimo il 9 giugno 2014, dalle ore 10 alle ore 18.

In occasione della mostra, verrà inoltre presentata la rinnovata partnership fra il Museo Nazionale del Cinema e AIR FRANCE, vettore ufficiale di BEST ACTRESS. Dive da Oscar®. Il Gruppo Air France KLM affiancherà i maggiori eventi del museo lungo tutto l’arco dell’anno: oltre alla mostra suddetta, KLM sosterrà per la terza volta il Festival CinemAmbiente e il TGLFF - Torino Gay&Lesbian Film Festival, mentre la compagnia francese sarà a fianco del Torino Film Festival e della mostra prevista il prossimo autunno

Annunciato anche il rinnovo dell’accordo fra Aeroporto di Torino e Museo Nazionale del Cinema, che prevede mostre temporanee negli spazi aeroportuali, schermi interattivi e iniziative promozionali destinate a tutti i passeggeri in transito per favorire la vista al Museo Nazionale del Cinema e lo sviluppo della vocazione turistica e culturale del territorio.

La mostra BEST ACTRESS. Dive da Oscar® è realizzata con il patrocinio del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America a Milano. Media partner Vanity Fair.

Nessun commento:

Posta un commento