La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

sabato 21 giugno 2014

Parole come silhouettes

da il manifesto

Parole come silhouettes

Poesia. La raccolta in versi «Come i coralli» di Nicoletta Bidoia e i suoi teatrini fatti a mano
La poe­tessa non è una donna che se ne sta con le mani in mano. Lavora. Nico­letta Bidoia in poe­sia scrive versi, in pra­tica, a libro chiuso, costrui­sce tea­trini di carta. In entrambi que­sti mondi, s’aggirano figure leg­gère: parenti, sco­no­sciuti trat­teg­giati sullo fondo della sto­ria, ma tro­viamo anche figure cele­bri tratte dall’opera lirica, dalla danza, dalla let­te­ra­tura: ciò che acco­muna poe­sia e lavoro qui è la carta. Come foglio per la scrit­tura e come cosa mate­riale da tagliare, incol­lare, pie­gare in ver­ti­cale: in ogni caso, sono pagine o archi­tet­ture da cui emer­gono mondi fra­gili, sem­pre sul punto di crol­lare. Sono mondi sem­plici, mondi addor­men­tati nella memo­ria popo­lare, micro­co­smi che sognano in se stessi la ferma coe­sione dei coralli. Come i coralli è il titolo della recente rac­colta di poe­sie di Nico­letta Bidoia, per La Vita Felice (pp.78. euro 13). Nel libro, la prima sezione è un fami­liare attra­ver­sa­mento del secolo, il Nove­cento. Sullo sfondo, c’è la Sto­ria, e il bina­rio su cui corre la scrit­tura ne riporta il sonoro. Dal fra­gore della guerra al rumore del turno di lavoro, dal turno di lavoro all’opera ascol­tata alla radio: «Tor­nare a casa, tor­nare ai cari nomi / al tor­nio in fab­brica da Monti e alle lotte / e ascol­tare in Tea­tro Bastia­nini, la Tebaldi (…) e arri­vare fin qui, ai 92, nel ’13, lui / socia­li­sta di Nenni e Per­tini a impre­care con­tro il Cava­liere (…)».
Qui qual­cuno canta. E pare lo sfondo di un’opera moderna, quel can­tic­chiare a bassa voce lavo­rando è la rico­stru­zione d’una scena popo­lare: in casa l’opera, con l’orecchio alla radio, fuori Ban­diera Rossa, saet­tando in bici. Si intra­ve­dono altri tempi, altri luo­ghi e se in casa echeg­gia a quell’amor ch’è pal­pito fuori c’è Guido che da Tre­viso corre alla Fenice su due ruote. «La lirica in fami­glia era così: log­gioni come il pane quo­ti­diano». Nella seconda sezione del libro, inti­to­lata Silenzi, il tempo è quello in atto e si attua un pas­sag­gio: le poe­sie per­dono il titolo. È la descri­zione del momento in cui la poe­tessa si mette al lavoro e rac­conta «le ore beate del rita­glio (…)».
Nella terza sezione, Par­lami, entriamo più diret­ta­mente nei tea­trini di carta. «Nel col­lage ho messo insieme / Caproni che cam­mina con Sereni / (e solo per­ché di Penna non ho figure intere).… Poi la Carpi che viva scal­pita nel bordo/(…)». «Un via­vai di morti che s’intrecciano ai vivi». Ed è l’anello più sor­pren­dente di que­sta poe­tica: chiuso il libro, sorge il tea­trino e lì esseri e cose rina­scono un’altra volta. Come da un log­gione, sul sonoro s’innesta il visi­bile: sulla carta ormai ver­ti­cale, figu­rine si muo­vono, par­lano, s’asciugano gli occhi, sven­gono. Escono pian­gendo e rien­trano ridendo, come se niente fosse.
Nico­letta Bidoia rita­glia, piega, attacca, alle mani affida un com­pito che appare bene­detto e chiaro a tutti : sem­pre vanno insieme scri­vere e fare. Un libro, un col­lage. Un ricamo, un cap­pello, un vestito. Poe­sia non è altro che que­sto poiein, que­sto fare che ci tiene final­mente a testa china. Come anti­che figure, sapienti e oscure, come sta­tue semo­venti in un rifu­gio. Che pace quell’essere lì, quel tor­nare agli avi, quel ritro­vare una parente, un’antenata: «stava china giorni all’uncinetto/su cen­ti­naia di presine/così ti ricordi di me e non ti scotti».
Siamo qui, non c’è dub­bio. E da qui a là il passo è breve. Là, nella carta dipinta una tenda, una piega, un bot­tone. Una Tosca, una Tra­viata – la Cal­las! – là donne e uomini rien­trano can­tando… E qui, nel tea­tro inte­riore, paral­lelo, un altro sipa­rio s’è alzato: com­pare una stanza, una radio e seduto lì accanto un essere umano can­tic­chia, tam­bu­rella con le dita: A quell’amor ch’è pal­pito
In fondo al libro, alcune note dell’autrice rive­lano, come in un casting, nomi più o meno noti: Nureyev, Scar­latti, Cic­co­lini, Fla­iano… nomi, date, cose pre­cise che realtà poe­ti­ca­mente acui­scono il mistero. Siamo nella realtà? Que­sto mondo non è vir­tuale, è di carta. È fug­ge­vole, eppure tende al corallo, ciò che è più fra­gile si rin­sal­derà.
«Il corallo dopo­tutto è come noi». «Pare uno/ ma sono tanti i tre­mori che lo fanno».

Nessun commento:

Posta un commento