La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 26 aprile 2012

“TRAME DI MEMORIA” AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO 12 e 13 maggio 2012


“TRAME DI MEMORIA” AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO
12 e 13 maggio 2012



Quattro incontri dedicati a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo,
Paolo Borsellino, Pio La Torre, Carlo Alberto Dalla Chiesa

“L'etica è la ricerca di ciò che ci rende autentici, chiama in causa l'integrità della nostra vita, la nostra responsabilità. Perché l'etica è nutrimento della democrazia. Si prova disgusto quando, nonostante il sacrificio di vite, viene derisa la legalità e la giustizia. L’Italia ha bisogno di recuperare la memoria e la cultura è uno degli strumenti, se non il principale, che può farlo. C’è bisogno di aria fresca, di aprire porte e finestre, di rileggere la nostra storia. Un Paese senza passato è condannato a non avere un futuro.”  
Lirio Abbate

ne parlano:
Anna Maria Cancellieri, Alfredo Morvillo, Carlo Lucarelli, Salvatore Borsellino,
Giovanni Bianconi, Don Luigi Ciotti, Emanuele Macaluso, Virginio Rognoni,
Franco La Torre, Gian Carlo Caselli, Tano Grasso, Nando Dalla Chiesa

Coltivare la memoria, ricordare chi ha perso la vita per i valori democratici del nostro Paese e per chi ha creduto nella lotta alle mafie anche quando Cosa nostra non era riconosciuta da nessuno. Nemmeno dalle istituzioni. Ricordare i nomi e le figure delle persone che sono state uccise in Sicilia è un dovere civico che non deve essere trasformato in fredda commemorazione ma in uno strumento capace di dare impulso alle coscienze, individuando «la bellezza del fresco profumo di libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, della indifferenza, della contiguità e quindi della complicità».
Su queste basi nasce il progetto «Trame di memoria», un'iniziativa che per la prima volta mette fianco a fianco due realtà geograficamente distanti ma unite nel valore della cultura come uno degli strumenti più efficaci nella lotta alle mafie: il Salone del Libro di Torino e «TRAME. Festival dei libri sulle mafie» a Lamezia Terme.

Il 12 e 13 maggio quattro appuntamenti dedicati a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e Paolo Borsellino a vent’anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio e a Pio La Torre e Carlo Alberto Dalla Chiesa a trent’anni dalla loro uccisione.
La necessità di tener viva la memoria e l’impegno concreto nel presente, è alla base della scelta del giornalista d’inchiesta Lirio Abbate - Direttore del festival Trame e coordinatore dei quattro incontri - di porre una domanda per ognuno degli appuntamenti che faccia da filo conduttore tra le battaglie di ieri e gli scenari attuali.
Gli ospiti chiamati a partecipare ai dibattiti sono tutti stretti collaboratori o familiari dei coniugi Falcone, di Borsellino, di La Torre e Dalla Chiesa, persone che hanno condiviso con loro i momenti più importanti e che più di tutti possono tracciarne un ritratto fedele.
«Trame di memoria» è un’iniziativa che anticipa alcuni dei temi e degli ospiti che animeranno la seconda edizione di «TRAME - Festival dei libri sulle mafie», ideato da Tano Grasso con la direzione artistica di Lirio Abbate in programma a Lamezia Terme dal 20 al 24 giugno.

Il primo appuntamento (12 maggio, ore 11, Arena Bookstock Village) è dedicato a Francesca Morvillo e Giovanni Falcone. A fare il punto su Quale la situazione della lotta alla mafia a 20 anni dalla strage di Capaci? sono il Ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri e Alfredo Morvillo, magistrato e fratello di Francesca, che per la prima volta ricorderà pubblicamente la sorella, morta a Capaci con il marito e gli agenti della scorta.

Nel secondo appuntamento sempre il 12 maggio, alle ore 17 presso le Carceri Nuove il tema è Quanti ancora i misteri italiani irrisolti a 20 anni dalla bomba di Via D'Amelio? La figura di Paolo Borsellino, il suo lavoro investigativo e i molti dubbi sulle circostanze dell’attentato in cui perse la vita sono al centro di un dibattito ancora attuale: a parlarne Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso, lo scrittore Carlo Lucarelli e il giornalista del Corriere della Sera Giovanni Bianconi.

Il terzo appuntamento il 13 maggio alle ore 11 al Circolo dei Lettori parte dalla domanda: Quale rapporto fra militanza politica e opposizione alla mafia a 30 anni dall’uccisione di Pio La Torre? Il ricordo del segretario regionale del Pci e deputato nazionale assassinato dalla mafia è affidato ad alcune tra le persone che hanno conosciuto e lavorato a stretto contatto con lui: dal figlio del politico, Franco La Torre, a Don Luigi Ciotti che con Libera ha raccolto un milione di firme per chiedere ed ottenere una legge sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie. Intervengono anche Emanuele Macaluso, compagno di partito e di lotta alla segreteria siciliana del PCI e Virginio Rognoni, che ha firmato la legge proposta da La Torre con la quale è stato introdotto il reato di associazione mafiosa e la confisca dei beni ai mafiosi.

Il quarto appuntamento il 13 maggio ore 17 presso l’Arena Bookstock village è quello dedicato a Carlo Alberto Dalla Chiesa e al tema Quale l'immagine dello Stato a 30 anni dall'omicidio mafioso del generale che sconfisse le BR? A discutere e analizzare il ruolo delle Istituzioni di ieri e di oggi nella lotta alla criminalità organizzata il figlio del Prefetto Nando Dalla Chiesa, il Procuratore Gian Carlo Caselli, che con Dalla Chiesa lavorò a inchieste sul terrorismo, e il presidente onorario della Federazione antiracket italiana Tano Grasso.

«Trame di memoria» è una iniziativa della Fondazione Trame Festival dei libri sulle mafie e del Salone del Libro di Torino con il sostegno dell’AIE - Associazione Italiana Editori e del Comune di Lamezia Terme e in collaborazione con ALA - Associazione Antiracket  Lamezia Onlus, FAI - Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane e Circolo dei Lettori.
L’immagine è stata gentilmente ideata e prodotta da Guido Scarabottolo.

INFORMAZIONI E PROGRAMMA DEGLI EVENTI:

UFFICIO STAMPA TRAME  stampa@tramefestival.it
Paolo Le Grazie  346 2372137 paololegrazie@fastwebnet.it 
Marina Saraceno  349 3602434 marinasaraceno@gmail.com




Nessun commento:

Posta un commento