La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

mercoledì 14 dicembre 2011

Lo scempio della Giustizia nell’Italia di Berlusconi



Lo scempio della Giustizia nell’Italia di Berlusconi

Per gentile concessione dell'editore Melampo pubblichiamo la prefazione di Andrea Camilleri che apre "Assalto alla Giustizia" di Giancarlo Caselli, in questi giorni in libreria. Il volume verrà presentato dall'autore il 14 dicembre a Milano insieme a Umberto Ambrosoli e Nando dalla Chiesa (ore 21, Spazio Melampo, via Carlo Tenca 7).

di Andrea Camilleri

Per quanto mi ci metta d’impegno, non riesco nemmeno lontanamente a immaginare la faccia che farebbero i grandi filosofi che nel corso dei secoli hanno discettato, discusso, litigato, sul grande tema della Giustizia, su cosa sia e su come si applichi, nel confrontare le loro convinte, sofferte affermazioni con quelle proclamate oggi, in Italia, dai banchi del Governo e del Parlamento, col pronto supporto di ben stipendiati pennivendoli e volenterosi azzeccagarbugli.

Scriveva per esempio Aristotele: “poiché il trasgressore della legge è ingiusto mentre chi si conforma alla legge è giusto, è evidente che tutto ciò che è conforme alla legge è in qualche modo giusto, infatti le cose stabilite dal potere legislativo sono conformi alla legge e diciamo che ciascuna di esse è giusta”.
Non poteva neanche lontanamente sospettare, mentre scriveva quelle parole, che sarebbe ahimè venuto un giorno nel quale sarebbe stato concesso a un abituale, sistematico, trasgressore della legge il potere di far emanare leggi del tutto ingiuste e perciò conformi non a un’idea assoluta di Legge ma a una riduzione, a un declassamento della legge ad uso e consumo personale.

E che dire di Hume per il quale il fine e l’utilità della Giustizia consistevano soprattutto nel “procurare la felicità e la sicurezza di tutti conservando l’ordine sociale?”.
Non avrebbe creduto ai suoi occhi vedendo che da noi, nel nostro Parlamento, nel nostro Senato, si cerca quotidianamente di stravolgere la Giustizia per procurare felicità e sicurezza ad un uomo solo senza preoccuparsi di mettere a repentaglio se non l’intero ordine sociale per lo meno il normale svolgimento della Giustizia per tutti gli altri cittadini.

In ogni nazione progredita è del tutto pacifica l’affermazione che la Giustizia sia “il primo requisito delle istituzioni sociali, così come la verità lo è dei sistemi di pensiero”.
In Italia, dall’avvento al potere di Berlusconi, si è tentato in tutti i modi di limitarne le funzioni o addirittura di disconoscerne il valore di primo requisito.

Mai, nei 150 anni della nostra Storia, c’era stata una così violenta, distruttiva, totalizzante, vera e propria guerra alla Giustizia mossa su molteplici fronti e adoperando tutti i mezzi leciti e soprattutto illeciti, dalle frecciate quotidiane della calunnia, del dileggio, dello scherno, alle mine antiuomo delle dissennate proposte di leggi tendenti sostanzialmente all’assoggettamento della Giustizia alla politica, o meglio, all’interesse politico di una sola persona.

Aver permesso a Berlusconi, imprenditore e concessionario dello Stato, di far politica quando non avrebbe per legge potuto ha creato la gigantesca anomalia del mai risolto conflitto d’interesse. Il che gli ha permesso di tornare ad arricchirsi, a riprendersi dallo stato estremamente critico in cui la sua azienda si era venuta a trovare prima della sua “discesa in campo”, avvenuta, son parole sue, per allontanare dall’Italia il pericolo comunista.

Essendo tra l’altro, al momento attuale, anche plurimputato in diversi procedimenti che spaziano dalla corruzione in atti pubblici alla corruzione di minorenne, ha tentato, in parte riuscendoci, di far decadere alcuni processi con leggi ad personam votate da un Parlamento del quale fanno parte, oltre a ex impiegati e funzionari delle sue aziende, anche gli innumerevoli suoi avvocati difensori che quelle leggi ispirano.
Si è venuta così a creare una seconda nuova, gigantesca anomalia tutta italiana: che un plurimputato si proponga di fare una riforma della Giustizia!

Il tutto mentre i suoi processi sono in corso. Così da poterli vanificare con una qualche leggina retroattiva.
Sarebbe come se ai vecchi tempi il gangster Al Capone, divenuto inaspettatamente presidente degli Usa, saputo che correva il rischio di andare a finire in galera per tasse evase, si fosse ripromesso di fare la riforma del sistema fiscale statunitense.

Di questo doloroso, e pericolosissimo, e infame scempio della Giustizia parla con rigore e passione, con lucidità e intelligenza, Gian Carlo Caselli in questo suo importante volume che efficacemente s’intitola "Assalto alla giustizia".
Il volume si compone di nove capitoli che spaziano dalla continua ricerca d’impunità da parte del potere, ai tentativi di una cosiddetta riforma della Giustizia (processo breve, processo lungo, tempi di prescrizione, ecc.), dalle strategie di delegittimazione della Magistratura a quelle volte a minarne l’indipendenza e via via fino alle posizioni, certamente non così ferme come avrebbero dovuto essere, assunte dai partiti che compongono lo schieramento di centrosinistra.

Indipendente e limpido come magistrato, Caselli lo è anche come autore, non ha occhio di riguardo per nessuno, non fa sconti, la posta in gioco è troppo alta per concedere spazio a esitazioni e cedimenti.
Uno dei meriti, tra i tanti, di questo libro è la sua lampante chiarezza.

Caselli scrive per farsi capire dal lettore comune, le sue argomentazioni, i suoi rilievi, i suoi propositi, sono sempre espressi in modo diretto, lineare, sicché le sue parole possono essere comprese appieno anche da chi non è del mestiere.

Infatti questi scritti non sono dovuti a un giornalista, ma a un uomo di Legge che si è sempre trovato in primissima linea a combattere terrorismo e mafia, e si è in ogni occasione dimostrato un ottimo e coraggioso capitano di lungo corso, facendo sempre approdare le sue indagini dove si erano proposte d’arrivare, senza che si disperdessero in mare, andassero sugli scogli, o, peggio, gettassero l’ancora nel porto delle nebbie.

Dalle pagine di questo libro emerge in tutta evidenza un impegno così vibrante e appassionato che quasi trascende l’oggetto stesso del contendere per assurgere a una sorta di manuale di comportamento civile.
Sarò ancora più chiaro. Questo libro è sì una difesa della Magistratura e della Giustizia, ma non scade mai, in nessun momento, nel pro domo mea.

Caselli soprattutto reagisce in nome della sua dignità d’uomo e di magistrato, e di tutti quelli che come lui, pur non avendolo mai né voluto né desiderato, si trovano oggi a dover difendere la traballante diligenza della Giustizia dall’assalto dei fuori legge.

© Melampo editore

Nessun commento:

Posta un commento