La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 18 dicembre 2011

Piccoli editori non crescono


da il Sole24ORE Cultura-Domenica > Libri

Piccoli editori non crescono



Il gioco di parole è facile, ma drammaticamente vero. Purtroppo. Dopo diversi anni di crescita, infatti, i piccoli e i medi editori rallentano più del resto del mercato nel 2011. La conferma è arrivata oggi, impietosa, dai dati NielsenBookScan presentati a Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria  al Palazzo dei Congressi dell'EUR di Roma.

Del resto il segno meno varrà per tutto il settore del libro: a fine ottobre si registra infatti un -0,7% sul totale del mercato (pari a -7,1 milioni di euro di spesa in meno) nei canali trade (librerie tradizionali, catene di librerie, grande distribuzione e internet). Una novità, dopo anni di performance di tutto rispetto per il comparto. Migliorano invece i dati a volume: il numero di copie vendute nello stesso periodo registra infatti un +0,4% complessivo. Nella Grande distribuzione il dato arriva al +1,6%, mentre cresce poco (dello 0,1%) per librerie e online. Questo significa, con tutta probabilità, che il costo medio e gli sconti stanno incidendo sull'andamento del settore.

Dato interessante, però è che librerie e internet registrano un +0,1%: insieme valgono l'83,4% del mercato (nel 2010, nello stesso periodo, erano all'82,8%). Perde quota in modo significativo (-4,1%) la Grande distribuzione organizzata (Gdo), che si attesta sul 16,6% (era al 17,2% nel 2010) risentendo della minore capacità (e frequenza di visita: la famosa quarta settimana!) di spesa delle famiglie italiane.

E così i piccoli vedono il fatturato ridursi di quasi il 5% e pesano oggi il 12,8% del mercato (escluso la GdO). Riacquistano quindi posizioni i grandi editori, che recuperano lo 0,8% complessivo del mercato a valore a prezzi di copertina. Nel 2010 e nel 2009 sull'analogo periodo, i piccoli, avevano invece mostrato performance diametralmente opposte: + 14,9% (2009 rispetto al 2008) e + 6,2% (2010 rispetto al 2009).

«Il Natale, per grandi e piccoli, è ancora alle porte e non è facile prevedere quelli che saranno i comportamenti dei lettori nelle prossime settimane – ha spiegato il presidente dell'AIE Marco Polillo - Titoli di autori importanti non hanno ancora dispiegato i loro effetti di vendita. Certo è che anche il nostro settore ha iniziato ad entrare nel cono d'ombra in cui da tempo sono entrati i consumi degli italiani. C'è da dire che in altri periodi di crisi il libro, sotto Natale, ha sempre mostrato potenzialità importanti. Ci auguriamo che anche questo 2011 non smentisca queste tendenze».

«La maggior flessione delle vendite nei piccoli piuttosto che nei grandi – ha proseguito il presidente dei piccoli editori di AIE Enrico Iacometti - oltre a risentire del calo generalizzato dei consumi è influenzata secondo me anche dalla minore liquidità e disponibilità finanziaria dei librai, che, nel selezionare i libri da tenere, sacrificano quelli dei piccoli editori».

Nessun commento:

Posta un commento