La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

mercoledì 21 dicembre 2011

Tre cattive ragazze e il Principe

Tre cattive ragazze e il Principe

Tre giovani donne sono processate per aver causato, con sortilegi e “stregherie”, la morte dell’erede di Vittorio Amedeo II di Savoia. È “Tre cattive ragazze” (Neos Edizioni, 14 euro), l’ultima fatica di Cristina Quaranta. Torino, 1715: il re Vittorio Amedeo II viene colpito dalla morte dell’erede, il sedicenne Principe di Piemonte. In città si mormora di “tre cattive ragazze dedite a parlar coi diavoli, praticare arti magiche e fabbricare fantocci che possono recar morte alle reali persone”. Clara, Gerolama e Marianna, rinchiuse nella fortezza di Miolans nella Combe de Savoie sul finire del 1716, vengono interrogate per lunghi mesi. Attraverso i resoconti delle deposizioni, gli atti del processo, le lettere che i funzionari inviano a Sua Maestà e i racconti dei testimoni, passo dopo passo nel freddo dell’inverno si delinea il loro destino. S’intrecciano così i fili di un dramma intriso di magia, superstizione, ingenuità e scaltrezze nel quale il lettore rimane intrappolato come in un incantesimo. Sullo sfondo la Torino degli inizi del Settecento, ma sulla vicenda incombe il castello-fortezza di Miolans, e la città di Asti contende alla capitale il ruolo di protagonista. Cristina Quaranta, torinese e “roerina” in egual misura, è costumista teatrale col vizio di scrivere atti unici per rievocazioni storiche. Ha vinto il premio letterario Carlo Alberto Dalla Chiesa 2007 e collabora alla rivista Roero Terra Ritrovata, nata per la salvaguardia e la diffusione della memoria storica del territorio.
da pagina

Nessun commento:

Posta un commento