La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

lunedì 23 gennaio 2012

Carmen di Georges Bizet dal Teatro Lirico di Cagliari a “Prima della Prima” su Rai Tre

Carmen di Georges Bizet
dal Teatro Lirico di Cagliari a “Prima della Prima” su Rai Tre



Martedì 24 gennaio 2012 alla 01.35 ed in replica domenica 29 gennaio 2012 alle 12.55, su Rai Tre, la trasmissione “Prima della Prima” è interamente dedicata al recente nuovo allestimento, al Teatro Lirico di Cagliari, di Carmen di Georges Bizet.

La celebre trasmissione, della durata di trenta minuti, a cura di Rosaria Bronzetti è, come noto, incentrata sui “dietro le quinte” degli allestimenti lirici. Il servizio al Teatro Lirico di Cagliari, per la regia televisiva di Angela Landini, è stato realizzato attraverso il montaggio di immagini tratte dalle prove d’orchestra, da quelle di regia e da interviste alla regista Marina Bianchi, al direttore d’orchestra Julia Jones ed al mezzosoprano Hadar Halevy che interpreta il ruolo di Carmen.

Racconta Marina Bianchi alle telecamere di “Prima della Prima”: «Nella mia visione dell’opera, Carmen è il mondo femminile visto da un’ottica e percezione rigorosamente maschili, all’interno dell’immaginario stereotipato. Non c’è nulla, in questa storia, della complessità della vita e dell’animo delle donne, che vengono schedate e incapsulate in ruoli rigidi e schematici. La donna è Madonna o puttana. Carmen da una parte, Micaela dall’altra. Il personaggio di Carmen è il femminile primitivo, oscuro, magico, pericoloso, inafferrabile. È la passione che vive della sua fugacità e nel momento in cui cerchi di fermarla o costringerla alla ragione, si rivolta contro o muore. È il sentimento puro, è il sogno di libertà dalle convenzioni, è un personaggio trascinato verso il suo tragico destino dalla propria incapacità di mediazioni.»
foto Priamo Tolu


Nessun commento:

Posta un commento