La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

mercoledì 7 dicembre 2011

Dieci anni di Più libri più liberi Una fotografia di dieci anni della piccola e media editoria italiana


Dieci anni di Più libri più liberi
Una fotografia di dieci anni della piccola e media editoria italiana

Dai 30mila visitatori del 2002 ai 57mila del 2010: +88%.
Circa 40mila copie vendute il primo anno, 90mila nel 2011: +125% (con una spesa media per visitatore che è stata nel 2010 di 35,22 euro (1)).
E ancora, nel 2003 la Piccola e media editoria (PME) valeva l’8,5% del mercato complessivo dell’editoria italiana, lo scorso anno rappresentava con 395 milioni di fatturato l’11,6% (2). Se poi osserviamo l’andamento in libreria e nei canali trade delle piccole e medie Case editrici presenti in Fiera negli ultimi tre anni (2008-2010), la crescita di fatturato risulta ancor più consolidata: si passa dall’11,7%  al 13,5% (3).
È in questi numeri che si racchiude la storia non solo di Più libri più liberi ma anche della piccola e media editoria (PME) nel primo decennio del nuovo millennio.

Proviamo a capire le ragioni.

Più libri più liberi ha messo in luce, dall’inizio del decennio scorso, quella qualità e articolazione dell’assortimento che andava in qualche misura smarrendosi all’interno dei multistore e delle grandi librerie di catena che iniziavano ad aprire a ritmo crescente in quegli anni.
Agli albori del nuovo millennio il mercato nazionale e lo scenario internazionale apparivano ben diversi da oggi. Con i tre big player (Amazon, Google, Apple) ancora lontani dallo scardinare i paradigmi del commercio e produzione mondiale di libri, il web era ancora 1.0; social network, self publishing e mercato mobile risultavano ancora fantascienza. Così come appariva diverso il panorama distributivo nazionale e il rapporto tra catene, librerie a conduzione familiare e librerie on-line: queste ultime valevano lo 0,2% del mercato complessivo; oggi siamo al 6% e le catene a oltre il 42%.
In questi anni di forti cambiamenti la crescita della PME è quindi il frutto di una continuità di ricerca e di scoperta delle tante nicchie di mercato e di domanda: dai bambini al viaggio, dalle letterature di altri paesi alla riproposta dei piccoli e grandi classici dimenticati, dalla ricerca di “giovani” esordienti come di nuovi “generi” letterari, di segmenti di domanda legati alle nuove forme del turismo e del tempo libero; ecc. La radice del successo della PME sta in larga parte nella sua capacità di anticipare e seguire questi cambiamenti all’interno di una più generale attenzione agli elementi di “qualità” editoriale dei suoi diversi progetti editoriali. E in questo percorso non semplice Più libri più liberi ha offerto supporto alle PME fornendo loro una vetrina di massimo prestigio rivolta ai lettori e continue opportunità di aggiornamento e confronto tra addetti ai lavori.



1)     Fonte Aie, Università di Roma Tor Vergata
2)     Fonte: Elaborazione Aie su 219 bilanci di PME
3)     Fonte: Nielsen Bookscan per Aie

 
Le cifre della Piccola e media editoria


2005
2006
2007
2008
2009
2010
Δ% 2010/’09
Editori con 5-10 titoli pubblicati nell’anno
1.008
1.124
1.259
1.441
1.556
1.587
+2,0%
Editori con 11-50 titoli pubblicati nell’anno*
998
1.161
1.197
1.212
1.297
1.210
-6,7%
Totale PME
2.006
2.285
2.456
2.653
2.835
2.797
-1,3%
Titoli pubblicati (novità+ristampe) dalla PME nell’anno di riferimento
19.763
23.112
24.314
24.581
25.951
25.874
-0,3%
Titoli pubblicati dalla PME nell’anno di riferimento, sul totale della produzione
34,9%
38,6%
39,1%
41,6%
44,1%
45,1%

Titoli in catalogo della PME
110.297
120.775
128.114
139.177
153.373
155.367
+1,3%
Titoli in catalogo della PME sul totale dei titoli in commercio
23,8%
22,3%
22,0%
21,5%
23,7%
22,5%

Addetti PME (esclusi collaboratori e consulenti, ma compresi i proprietari quando lavorano in casa editrice)*
5.400
5.900
6.000
6.400
6.650
6.650
+0,0%
Incidenza del fatturato a prezzo di copertina della PME sul totale del fatturato
9,6%
10,0%
9,9%
10,3%
11,2%
11,6%
+3,6%
Incidenza del fatturato a prezzo di copertina degli editori di Più libri nei canali trade**
-
-
-
11,7%
13,0%
13,5%
+3,9%
Valore di fatturato a prezzo di copertina della PME (valori in milioni di euro)***
351,6
365,3
368,2
369,0
380,0
395,0
+3,9%
* Nel 2009 e 2010: editori fino a 80 titoli (novità + riedizioni); comprese le dinamiche occupazionali.
** Fonte: Nielsen Bookscan per Aie (PME intesi come editori presenti a Più libri più liberi); canali trade: librerie, librerie on-line, Gdo
*** Stima in proiezione a partire da 219 bilanci di PME (il valore comprende anche altri ricavi dell’attività caratteristica).
Fonte: Ufficio studi Aie su dati diversi

Nessun commento:

Posta un commento