La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

martedì 3 gennaio 2012

Il Museo Nazionale del Cinema supera quota 600.000 visitatori e chiude il 2011 con +8% rispetto al 2010


Il Museo Nazionale del Cinema supera
quota 600.000 visitatori e chiude il 2011
con +8% rispetto al 2010
Con la cifra record di 608.448 presenze, per il sesto anno consecutivo
il Museo Nazionale del Cinema di Torino supera il mezzo milione di visitatori.
In crescita anche gli spettatori al Cinema Massimo.





Il Museo Nazionale del Cinema alla Mole Antonelliana chiude il 2011 con la cifra record di 608.448
visitatori, ben 42.650 in più rispetto al 2010, un traguardo finora mai raggiunto, superando così per il sesto
anno consecutivo il mezzo milione di presenze, con un totale di oltre 5.300.000 visitatori dalla sua apertura,
avvenuta il 20 luglio del 2000. Il lusinghiero successo del 2011 è stato ottenuto grazie al fascino del museo -
ormai riconosciuto a livello nazionale e internazionale - sostenuto da un ricco programma di mostre
prestigiose, spesso realizzate in collaborazione con importanti istituzioni culturali nazionali e internazionali.

L'anno è incominciato con due mostre importanti, inaugurate già nel 2010. La prima è Le Macchine della
Meraviglia
. Lanterne magiche e film dipinto. 400 anni di cinema, ospitata nella splendida cornice della
Reggia di Venaria dopo il grande successo ottenuto a Parigi. L'evento è una coproduzione Museo Nazionale
del Cinema, La Venaria Reale e Cinémathèque française, ed è a cura di Donata Pesenti Campagnoni e
Laurent Mannoni. Diversamente vivi. Zombi, vampiri, mummie, fantasmi, a cura di Peppino Ortoleva, è la
seconda mostra a cavallo tra il 2010 e il 2011, un originale omaggio alla mitologia dei "morti viventi". Una
rilettura che, dagli albori della cinematografia fino ai giorni nostri, mantiene inalterato l'oscuro, sinistro e al
tempo stesso irresistibile fascino che la caratterizza.

A marzo è la volta di Noi credevamo. Il Risorgimento secondo Martone, evento realizzato in occasione
del 150° dell’Unità d’Italia. La mostra, a cura di Alberto Barbera, ripercorre - con l’ausilio di 170 immagini - i personaggi, i luoghi, le azioni e i momenti più salienti della lavorazione del film di Mario Martone sulle
complesse e spesso drammatiche vicende del Risorgimento italiano.

Da maggio a ottobre il Museo Nazionale del Cinema ha ospitato la mostra Magnum sul set. Il cinema visto
dai grandi fotografi, a cura di Andréa Holzherr e Isabel Siben,un viaggio in 135 immagini nella storia del
rapporto privilegiato che i fotografi della più grande agenzia del mondo hanno intrattenuto con il cinema, a
cominciare dal secondo dopoguerra.

Il 2011 ha anche visto il completamento dei lavori di restauro della copertura esterna della cupola della Mole
Antonelliana. La mostra Cantiere Mole 2011. Immagini di un restauro, con 40 immagini spettacolari di
grande formato ha raccontato il precorso progettuale e la realizzazione dei lavori di restauro, nonché le fasi
di installazione del “Gioiello di luce tricolore” in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, realizzato su
progetto degli Architetti Lupi, Migliore e Servetto.

Il Museo Nazionale del Cinema ad ottobre rende un lungo omaggio (fino al 29 gennaio 2012) ad uno dei
grandi narratori dell’America del Novecento. La mostra fotografica Robert Altman. America America, a
cura di Emanuela Martini, attraverso oltre 100 riproduzioni di grande formato racconta i temi ricorrenti del
suo cinema, l’America e i suoi miti, la disillusione e la decadenza di tutti gli aspetti della cultura e della vita
americana, impressi in quarant’anni di carriera e filtrati attraverso uno sguardo acuto, ironico e, a volte,
sorprendentemente malinconico. La mostra è stata realizzata in occasione della retrospettiva completa che il
Torino Film Festival ha dedicato quest’anno a Robert Altman, curata da Emanuela Martini con la
collaborazione di Luca Andreotti e Jim Healy.

A novembre il Museo Nazionale del Cinema apre per la prima volta al pubblico i sotterranei della Mole
Antonelliana e ospita fino all’8 gennaio 2012 una video-installazione di Amos Gitai, unanimemente
riconosciuto come uno dei più grandi registi viventi. Amos Gitai. Architetture della memoria, è un’opera
unica, personale e autobiografica, ma nello stesso tempo aperta, ricca di valenze storiche e di stimoli che
invitano alla riflessione sul tema dei rapporti fra Architettura e Potere.

Il Cinema Massimo ha avuto nelle sue 3 sale ben 132.360 spettatori, migliorando di oltre il 6% i già buoni
risultati del 2010, e ha ospitato grandi registi in occasioni di personali a loro dedicate. Inoltre ha organizzato
numerose retrospettive, dedicate ai protagonisti della storia del cinema; tra i tanti ricordiamo l'omaggio a
Martin Scorsese, ad Alberto Lattuada, ad Alfred Hitchcock, a Ingmar Bergman, a Jerry Lewis, a Pedro
Almodovar, a Blake Edwards, ad Amos Gitai e ad Alan Parker.

Per tutto il 2011 è continuato l’appuntamento settimanale con Magnifiche Visioni. Festival Permanente
del Film Restaurato, una riproposizione al pubblico dei grandi film dell'età d'oro del cinema classico,
spaziando dal muto fino alle nouvelles vagues degli anni '60 e oltre, in copie restaurate provenienti dalle più
importanti cineteche di tutto il mondo. Tutti i film sono stati presentati in versione originale con sottotitoli in
italiano, e numerose proiezioni sono state introdotte da cineasti, critici o personalità del mondo della cultura
e del cinema.

Il 2011 ha visto il Museo Nazionale del Cinema ancora fortemente impegnato nel recupero e nel restauro di
pellicole che appartengono al patrimonio culturale collettivo. In particolare, i restauri realizzati nel 2011
rientrano nel progetto di valorizzazione del cinema muto italiano, promosso dal Museo Nazionale del Cinema
in collaborazione con cineteche italiane e straniere. Questo lavoro ha permesso all'istituzione torinese di
diventare un punto di riferimento nel panorama cinematografico internazionale: un fitto calendario di
appuntamenti in alcune delle sedi più prestigiose del mondo ha offerto, nei mesi di ottobre e novembre, una
ribalta internazionale alle più recenti operazioni di restauro di classici della storia del cinema
Tra i titoli più significativi restaurati nel corso dell’anno, L’assassino e I giorni contati di Elio Petri.
Infine, la Bibliomediateca del Museo, uno dei centri di documentazione sul cinema e la fotografia più
prestigiosi d'Europa per la vastità e la varietà del suo patrimoni. Nel 2011 sono stati oltre 2.600 gli studenti e
i ricercatori che hanno potuto accedere alla consultazione delle sue collezioni, mentre 2.800 persone hanno
preso parte agli incontri organizzati nelle sue sale.
__________________
Museo Nazionale del Cinema - Resp. Ufficio Stampa: Veronica Geraci
tel. 011 8138509 - cell. 335 1341195 - email: geraci@museocinema.it

Nessun commento:

Posta un commento