La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

martedì 6 marzo 2012

Comicità, blues e speedball: trent'anni fa moriva John Belushi

Comicità, blues e speedball: trent'anni fa moriva John Belushi

di Cristiano Sanna
"Bisogna avere il caos dentro di sè per generare una stella danzante". E John Belushi nel caos ballava a meraviglia, preferibilmente su ritmi soul e rhythm and blues. Odiava i nazisti dell'Illinois e in quello Stato era nato il 24 gennaio 1949. Nato per esagerare, John. Di quella esagerazione sarebbe morto il 5 marzo del 1982. Albanese che non era altro, caricato all'ennesima potenza di vitalità autodistruttiva e di spirito irriverente e goliardico. Scambiato per un terrone dagli americans, John, perché con quei basettoni neri, il fisico tarchiatello e il carattere estroso devi essere per forza un maccherone. E invece l'energia insopprimibile era marchiata Bellios, vero cognome di una famiglia venuta via da Coriza, nel Paese delle aquile.
Ridere e battersi, anche in campo - Forte come un torello, Belushi, a soli sedici anni già un campioncino di football in erba (l'ironia è ammessa, lui avrebbe approvato) alla Wheaton Central High School. Senza dimenticare di seguire i suoi ritmi preferiti e di provare a riprodurli sullo strumento che più di tutti amava: la batteria. Fatto per lo spettacolo, per stare al centro della scena, come capì l'insegnate di recitazione Don Payne che insistette in tutti i modi perché il ragazzino immigrato, popolare e molto amato dai coetanei a scuola, accettasse di fare il provino per il Shawnee Summer Theater di Chicago. John ci andò e conquistò la commissione esaminatrice, tanto da lasciar perdere una carriera da istruttore di football per buttarsi decisamente nel teatro. Era l'inizio di un'ascesa bruciante.
Fratelli blues e samurai paninari - Bruciava anche il Vietnam in quegli anni, bruciava la coscienza di un'intera nazione e John Belushi non aveva alcuna intenzione di versare altro che non fosse alcol sulle fiamme già alte. Con la piccola compagnia West Compass Players cominciò a girare gli Usa, continuando a farsi notare. Tra gli altri, da un tizio alto e allampanato con la sua stessa passione per la musica soul e blues e per l'umorismo anarcoide di nome Dan Aykroyd. Belushi e Aykroyd divennero le stelle prima dello show National Lampoon's Lemmings, poi del Sathurday Night Live, il rivoluzionario programma in onda sulla Nbc dal 1975. Qui sbancano le micidiali imitazioni-beffa (dal misantropo Sam Peckinpah ad un Ludwig Van Beethoven molto rock and roll e spesso ibridato con Ray Charles), impazza lo sketch Samurai Delicatessen e, soprattutto, nascono i Blues Brothers. Carriera cinematografica lampo e a tutta gloria: da Animal House ai Blues Brothers con la regia di John Landis, fino alla doppietta con Chiamami aquila (leggendari i litigi sul set col regista Avildsen) e I vicini di casa. Nel mezzo, lo straulnato 1941 - Allarme a Hollywood di Spielberg. Lo attendevano Ghostbusters e probabilmente Una poltrona per due, dove fu sostituito da Eddie Murphy. Ma tra un tiro di armonica blues e uno di coca, tra una sbronza e uno sketch esilarante, John avrebbe perso la sua ultima sfida con la morte. Nella camera dell'esclusivo Chateau Marmont, in compagnia di Cathy Smith, cantante e corista anche lei attratta dal lato oscuro della vita, Belushi si fece l'ultimo funk su una pista di speedball. Leggi eroina più cocaina. Leggi meglio e ci trovi la fine della storia. "Io li odio i nazisti degli Illinois" e come non detestare i genii della comicità che si fanno fuori come dei mediocri qualsiasi?. Ma con un ultimo colpo d'ala: chiedere ad Aykroyd di far suonare al funerale Pipeline dei Ventures. A tutto volume.

Nessun commento:

Posta un commento