La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

lunedì 5 marzo 2012

Le streghe di Montecchio, al Granarone di Calcata







Via di porta segreta 8, 01030 Calcata ( VT ) tel./fax.0761587855
www.ilgranarone.com  e-mail info@ilgranarone.com


Calcata
domenica 11 marzo ore 16.00

le streghe diMontecchio
Pier Isa della Rupe


prefazioni di Giuseppe Fioroni e Piero Badaloni
E' la seconda edizione di un "classico" a cui sono state aggiunte foto dei luoghi reali in cui i racconti sono ambientati.
Ingresso libero

incontro sul tema
Le streghe di Montecchio
con Pier Isa della Rupe
partecipa l’editore Leonardo de Sanctis
che leggerà brani dal libro omonimo (Fefè Editore/2010/€9)

Pier Isa della Rupe, autrice di quello che ormai è un “classico” della letteratura esoterica: LE STREGHE DI MONTECCHIO,(Fefè Editore, sec. ed.) intratterrà i presenti sul tema delle Figlie della Luna, presenze magiche che da secoli popolano il territorio di Bagnaia (Viterbo) :L'editore Leonardo De Sanctis, leggerà brani di racconti accompagnato al piano e alla chitarra.
Attorno ai racconti delle streghe di Montecchio è nato il Premio Letterario “Le streghe di Montecchio” (Scadenza 15 aprile)e sarà presto istituito il Parco delle streghe di Montecchio
Pier Isa della Rupe è scrittrice, autrice teatrale, pittrice, punto di riferimento culturale della Tuscia e donna sensibile.
Vive a Bagnaia alle porte di Montecchio, luogo popolato dalle bellissime figlie della luna, di cui parla nel suo libro. Ha dedicato al “magico” nella sua terra anni di ricerche che le hanno valso l'attenzione dei mass media e la partecipazione a numerose trasmissioni televisive.

...non so cosa mi spinse a chiamare quegli Esseri streghe, mai ne avevo sentito parlare.
C'era e c'è in me una sorta di memoria collettiva ereditata non so per quale misterioso sortilegio, ebbene quella memoria mi permette di ricordare cose che gli altri non rammentano più ed hanno dimenticato.
Una sera di agosto stavo osservando salire la luna da dietro Montecchio, guardandola la lasciai crescere dentro di me finché divenne così grande da poterla toccare.
Ora non ricordo più se la toccai, quella sera, ma so che mi ritrovai a scrivere sopra un minuscolo foglio di carta paglia questo pensiero:
“Ballano le streghe questa sera sul Montecchio.”
Ripescai faticosamente, tra i capelli lunghissimi di quella memoria, un'antica storia che parlava delle Figlie della Luna, d'Isotta, la regina delle streghe, di Malassunta sua figlia.
Presi coraggio e decisi di salire sulla montagna.
L'emozione quasi mi soffocò quando, sulla cima, trovai il trono d'Isotta nascosto da cumuli di terra, più avanti, il braciere e giù a valle il grande muraglione, le tombe e le grotte.
Tutto uguale ai racconti e tutto ancora lì!
Le streghe di Montecchio di Pier Isa della Rupe
(prefazioni di Piero Badaloni e Giuseppe Fioroni / Fefè Editore, 2010 / € 9)
“La storia di Pier Isa ti intriga fin dalle prime battute, ti coinvolge provocando una curiosità crescente
verso quel mondo pieno di fascino misterioso del quale lei afferma di far parte, fino a convincerti
che ciò che dice è la pura verità. La sua inquietante testimonianza conferma, se ce n'era bisogno,
che le streghe esistono ancora”.
 

Nessun commento:

Posta un commento