La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 3 maggio 2012

Forma e poesia nel jazz 2012 xv edizione "A tu per duo"


Forma e poesia nel jazz 2012
xv edizione
"A tu per duo"
Cagliari, 13 aprile > 12 maggio 2012





Domani sera a Cagliari Enrico Rava e Julian Oliver Mazzariello
in concerto al Piccolo Auditorium (ore 21) per "Forma e poesia nel jazz".
Sabato sera incontro con Pinuccio Sciola alla Galleria d'Arte di Paola Frau (ore 20).
Domenica mattina in piazzetta Savoia (ore 12) "brunch in jazz"
con Paolo Recchia e Nicola Muresu.
*
Un viaggio imprevedibile nella musica e nei suoni: è quanto promette il concerto che domani sera (venerdì 4 maggio) apre il quarto weekend di "Forma e poesia nel jazz", la rassegna organizzata a Cagliari dall'associazione culturale Shannara. Al Piccolo Auditorium, con inizio alle ore 21, tiene banco la tromba di Enrico Rava in duo con il pianista italo-inglese Julian Oliver Mazzariello.

Con
cinquant'anni di carriera alle spalle (raccontati nel suo libro "Incontri con musicisti straordinari", pubblicato lo scorso luglio), oltre cento dischi all'attivo (una trentina dei quali da leader: il più recente è "Tribe", uscito a settembre per la ECM, etichetta con cui incide dal 1975), una messe di collaborazioni e riconoscimenti prestigiosi, Enrico Rava è probabilmente il jazzista italiano più conosciuto nel mondo.

Ammiratore
di Miles Davis e Chet Baker, Enrico Rava ha iniziato a suonare da giovanissimo calcando i palchi dei club di Torino, la città in cui è cresciuto (ma è nato a Trieste, nel 1939). Londra e Buenos Aires sono le tappe di un nomadismo che lo porta a New York dove farà base per otto anni a partire dal 1969 suonando con gli alfieri dell'avanguardia jazz - Roswell Rudd, Cecil Taylor, Charlie Haden, Carla Bley e la Jazz Composer's Orchestrae distinguendosi per quella vena melodica che sarà la sua cifra distintiva. Nel 1972 registra il primo disco da leader, "Il giro del giorno in 80 mondi", e comincia a guidare formazioni a proprio nome. Da allora in poi sarà un incessante susseguirsi di progetti, concerti e registrazioni che consolideranno il successo di Rava in patria e all'estero, e ne renderanno sempre più inconfondibile lo stile: lirico, seducente, ispirato, innovativo ma con la necessaria consapevolezza della grande tradizione del jazz.

Lunghissimo
l'elenco dei musicisti che il suo cammino artistico ha incrociato (e spesso scoperto) nel corso degli anni: dai protagonisti della scena jazzistica italiana - Franco D'Andrea, Enrico Pieranunzi, Marcello Melis, Massimo Urbani, Roberto Gatto, Paolo Fresu, Stefano Bollani, Gianluca Petrella, per citarne alcunia tanti nomi di spicco di quella internazionale, come Pat Metheny, Michel Petrucciani, Joe Henderson, Paul Motian, Richard Galliano, Miroslav Vitous, Joe Lovano, Lee Konitz, John Abercrombie, Roswell Rudd, Dino Saluzzi, Lee Konitz, Martial Solal, Charlie Mariano, la Globe Unity Orchestra. Più volte vincitore dell'annuale referendum della rivista "Musica Jazz" come miglior musicista di casa nostra (ma anche come miglior gruppo e miglior disco), Enrico Rava ha raccolto i giusti allori anche all'estero: nominato "Cavaliere delle Arti e delle Lettere" dal Ministro della Cultura francese Catherine Tasca, nel 2002, lo stesso anno a Copenaghen ha ricevuto il "Jazzpar", uno dei più prestigiosi premi internazionali (ed è stata per la prima volta per un jazzista italiano), mentre è del 2009 l'ambito European Jazz Prize come miglior musicista europeo.

Nato
in Inghilterra nel 1978 (da madre inglese e padre italiano, musicista trasferitosi a Londra alla fine degli anni Sessanta), Julian Oliver Mazzariello ha vissuto nella provincia della capitale britannica per i suoi primi diciassette anni prima di trasferirsi a Cava de' Tirreni nel 1996. Venuto subito alla ribalta della scena jazzistica salernitana, si è messo presto in luce su quella nazionale partecipando al penultimo disco di Lucio Dalla e alla successiva tournée del cantautore bolognese recentemente scomparso. Tra le altre esperienze importanti, la collaborazione con Fiorella Mannoia e la partecipazione al Festival di Sanremo nel 2005 con cantante Niki Nicolai e lo Stefano Di Battista jazz quartet.

Legati indissolubilmente ai rispettivi strumenti, Rava e Mazzariello formano un duo di altissimo livello interpretativo,
trovando un terreno d'intesa dove il lirismo e l'esplosività, lo spirito d'avventura e la saggezza del trombettista si incontrano con il talento del pianista italo-inglese.

I
biglietti, a 20 euro (più due di diritti di prevendita) si possono acquistare al Box Office in viale Regina Margherita, 43 (tel. 070657428).

Enrico Rava e Julian Mazzariello chiudono la serie di concerti in programma al Piccolo Auditorium per questa edizione numero quindici di Forma e poesia nel jazz, ma la rassegna ha ancora altri impegni in calendario. E dunque,
sabato sera (5 maggio) alle 20, è in programma un incontro con lo scultore Pinuccio Sciola alla Galleria d'Arte di Paola Frau: un appuntamento a numero chiuso cui è possibile partecipare previa
...
 

leggi tutto

Julian Oliver Mazzariello.jpgJulian Oliver Mazzariello
Enrico Rava (foto Andrea Boccalini) (s).jpgEnrico Rava (foto Andrea Boccalini) (s)
Enrico Rava (foto Andrea Boccalini) (2s).jpgEnrico Rava (foto Andrea Boccalini) (2s)

Nessun commento:

Posta un commento