La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

venerdì 25 maggio 2012

Emma Lupano. La giornalista italiana che ha “servito il popolo cinese”. Media e potere nella Cina di oggi

Emma Lupano. La giornalista
italiana che ha “servito
il popolo cinese”. Media
e potere nella Cina di oggi


Il blogger trentenne senza peli sulla lingua e le redattrici di partito per cui conta più il regalo aziendale delle notizie. L’editorialista convinto di poter migliorare il paese con la sola penna e i commentatori prezzolati pagati un centesimo a post. E poi il boom dei talent show in TV e delle fiction che raccontano le emergenze sociali. I meccanismi che regolano propaganda e censura, ma anche le storie di chi quotidianamente prova a eludere quel sistema.

È una mappa aggiornata e senza filtri dei media cinesi quella che traccia nel suo libro Emma Lupano, giornalista professionista e sinologa, vincitrice nel 2011 del Premio internazionale di giornalismo “Maria Grazia Cutuli” con la sua tesi di dottorato sui giornalisti freelance cinesi. Parla di reporter ed editorialisti non sempre conosciuti in occidente, ma attivissimi in Cina; introduce il lettore in un modo di informare che ha criteri, paradigmi e generi che bisogna capire prima di giudicare. E ricostruisce il percorso compiuto dai media cinesi dai tempi di Mao a oggi, dalle letture obbligatorie degli anni Settanta alla rivoluzione del mercato. Un viaggio nel mondo dell’informazione cinese per mostrare che la realtà all’ombra di Pechino è più diversificata e sfuggente alle definizioni di quanto appaia agli osservatori frettolosi. 


Prima italiana a lavorare nella redazione pechinese del Quotidiano del popolo, dove per essere un buon giornalista bisogna “servire il popolo” attenendosi alla linea del partito comunista cinese, Emma Lupano mette in pagina la sua esperienza in presa diretta, gli incontri fatti, le modalità di lavoro nel cuore pulsante della propaganda. E spiega: «I giornalisti occidentali che vanno e vengono dalle redazioni in lingue straniere della China Central Television, di China Radio International, del quotidiano China Daily e dello stesso People's Daily Online dopo un anno o due cercano sempre di andarsene. Lavorare nella "bocca" del partito ha il suo fascino: permette (o almeno dà l'illusione) di addentrarsi nel misterioso mondo della censura e della propaganda cinesi. Ma per un giornalista europeo o americano non è una buona idea legare il proprio nome a una testata governativa cinese. “Servire il popolo” va bene, ma solo a tempo determinato. Per un giornalista occidentale esiste però anche un altro modo di "servire il popolo cinese", facendo allo stesso tempo un piacere a noi: tentare di andare oltre i luoghi comuni e le semplificazioni, provando a descrivere una realtà che è più multiforme e complessa di quella che ci fa tanto comodo vedere».



Ho servito il popolo cinese. Media e potere nella Cina di oggi

di Emma Lupano 

prefazione di Marco Del Corona

con un saggio di Alessandra C. Lavagnino



Pagine 192, euro 15

FRANCESCO BRIOSCHI EDITORE
in tutte le librerie e in versione e-book sul sito http://www.bookrepublic.it/

Nessun commento:

Posta un commento