La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 4 dicembre 2011

"Neonomicon", ovvero come il serpente si mangiò il cervello di Moore

Una scena "pulp" di Neonomicon e l'autore, Alan Moore
Una scena "pulp" di Neonomicon e l'autore, Alan Moore 

"Neonomicon", ovvero come il serpente si mangiò il cervello di Moore

di Cristiano Sanna
Questo è un lavoro alimentare. Cominciamo a specificarlo da subito. Come Alan Moore ha raccontato, una grossa cartella esattoriale reclamava le sue sterline di occultista con i conti in rosso. Da lì ecco l'idea di far soldi subito riprendendo le intuizioni del suo racconto Il cortile, dal taglio piuttosto horror e con evidenti rimandi ai miti di Cthulhu che hanno reso sinistramente celebre lo scrittore americano HP Lovecraft, ampliato in una nuova storia a episodi. Nasce così Neonomicon, edito in Italia in una veste davvero pregevole dall'attenta Bao Publishing. A parte la cura della veste editoriale e grafica, spiace dirlo ma non è un bel leggere.
La regressione - E' sconfortante vedere un raffinatissimo narratore, un autore caposaldo della rinascita fumettistica e dell'esplorazione delle possibilità espressive dell'arte sequenziale, ridursi a imitatore di un Garth Ennis qualsiasi. Perché è proprio questa la sensazione che si ricava dalla lettura di Neonomicon. Perfino il tratto di Jacen Burrows richiama quello "pupazzettistico" di Steve Dillon. L'horror a fumetti impregnato di citazioni lovecraftiane segue le indagini dell'Fbi su macabri delitti che ruotano attorno al Club Zothique di New York e all'inquietante personaggio di Johnny Carcosa. E' il contatto con quest'ultimo, a partire da quindici delitti seriali, a precipitare in una realtà parallela l'agente Aldo Sax, il quale comincia a parlare uno strano e incomprensibile linguaggio dopo essersi trasformato a sua volta in omicida rituale. L'indagine riprende, affidata agli agenti Lamper e Brears, quest'ultima con un tormentato passato sessuale finito in una terapia che non ha sortito tutti gli effetti desiderati. Da New York ci si sposta a Salem, dove l'orrore esploderà nei sotterranei del Whispers In Darkness, negozio pieno di cianfrusaglie per sessuomani e occultisti, dove si comsuma una sanguinosa orgia che richiamerà alla vita una razza soprannaturale, in attesa del manifestarsi di Cthulhu. A farne le spese sarà soprattutto (e ti pareva) la povera Brears, lasciata alla mercé degli appetiti sessuali del mostro anfibio. L'indagine si concluderà brutalmente ma sarà lei a far nascere la progenie di Cthulhu in un mondo che è solo apparenza, in cui il tempo e lo spazio non sono ciò che appaiono quotidianamente a ciascuno di noi. Una teoria che veniva già illustrata, con ben altri esiti, nel capolavoro From Hell, anni prima della regressione di Moore.
L'occultismo, ovvero l'arte di imbrogliare - Da quando ha compiuto 40 anni Alan Moore è diventato un occultista. Da allora ha cominciato a riempire di simboli e sigilli magici i suoi fumetti, ha riesumato i soliti cattivi maestri (Spare, Grant, Crowley) ha perfino messo in scena un paio di rituali sciamanici in chiave moderna, sempre continuando a richiamare le teorie sulla quarta dimensione e il contatto con entità che, in varia misura, intergiscono con ciascuno di noi. Anche un altro autore folgorato dagli dei, Grant Morrison, professa più o meno le stesse teorie e farnetica di Robert Anton Wilson e realtà parallele. Ma gli dei sanno essere beffardi, trasformando il mago-fumettista di turno in fumetto a sua volta, in personaggio che perde il contatto con la realtà. Specie con quella del far bei fumetti, scrivere storie memorabili. Cosa che a Moore riesce sempre meno, Morrison se la cava qua e là, il povero Frank Miller che non è soccorso da divinità serpentiformi o rituali automasturbatori per risvegliare l'orgone, è la parodia di se stesso e bercia sul branco di "stupratori e saccheggiatori" che secondo lui è la massa in protesta del movimento Occupy. Tornando a Moore: lontanissimi i tempi di Watchmen e di Swamp Thing, restano le continue lamentele per lo scempio che il cinema fa delle sue storie, peraltro senza versare i diritti dovuti. Il che rende Alan lo stregone a suo dire molto arrabbiato, questo dovrebbe giustificare tanta violenza e volgarità disseminate nelle pagine di Neonomicon. Dunque: lontanissimi anche i tempi in cui un arrabbiatissimo Moore scriveva un capolavoro di equilibrio come V For Vendetta, contro i rigurgiti tecno-fascisti e razzisti in Europa, consegnando un nuovo classico all'arte del racconto a fumetti. Poi c'è stato l'occultismo e il serpente. E gli esiti sono sotto gli occhi di tutti. Non si può nemmeno scongiurare che Glycon lo aiuti.
da Tiscali cultura

Nessun commento:

Posta un commento