La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

sabato 30 giugno 2012

Dal 28 luglio al 19 agosto la quattordicesima edizione del Dromos Festival. Concerti, incontri letterari, mostre, laboratori a Oristano e altri centri vicini





 


Dal 28 luglio al 19 agosto la quattordicesima edizione del Dromos Festival.
Concerti, incontri letterari, mostre, laboratori a Oristano e altri centri vicini.
Fra i protagonisti Omar Sosa, Hugh Masekela, Paolo Fresu, Vicente Amigo.
A metà agostoMamma Bluesa Nureci, chiusura a Olmedo conBaranta.
*
 Omar Sosa
Concerti, mostre, incontri letterari, laboratori per ragazzi: è ancora una volta un programma ricco e variegato quello messo in campo dall'associazione culturale Dromos per l'estate in Sardegna. Tre diversi festival per un circuito di eventi che, dal 28 luglio al 19 agosto, si snoda tra Oristano e vari centri della sua provincia, andando a "sconfinare" anche nel Sassarese, a Olmedo.

La prima parte, quella tradizionalmente più corposa, è nel segno del Dromos Festival, quest'anno alla sua quattordicesima edizione. Un cartellone che, proseguendo il viaggio di Dromos nelle geografie culturali, si riconosce sotto il titolo di "¡Santa Hispanidad!": un motto da declinare – tutti i giorni dal 30 luglio all'8 agosto a Oristano, Nurachi e Baratili San Pietro, dopo un prologo a Mogoro (il 28 e il 29 luglio) - alla ricerca dei legami profondi che la grande storia della Spagna ha saputo creare tra tante culture del mondo, compresa quella sarda, dove le tracce lasciate da quasi quattrocento anni di dominazione iberica impregnano ancor oggi lingua, costumi, feste e riti religiosi.
Hugh Masekela
E' la musica, come sempre, a tenere banco con artisti del calibro di Omar Sosa, Hugh Masekela, Vicente Amigo, Juan Carlos Caceres e Anthony Joseph e i nostrani Paolo Fresu, Antonello Salis, Bebo Ferra e Gavino Murgia. Ma non manca, naturalmente, la consueta sezione dedicata alle arti visive, curata dal critico Ivo Serafino Fenu. E, novità di questa edizione, un programma di appuntamenti dal sapore squisitamente letterario, organizzato dall’associazione culturale Luna Scarlatta, con scrittori come Rosa Montero, Santiago Gamboa, Ignacio Martínez de Pisón e Susana Fortes.

Completato il capitolo all'insegna di "¡Santa Hispanidad!", nel cartellone di Dromos ritorna per il sesto anno consecutivo "Mamma Blues", appuntamento di metà agosto ormai ben radicato a Nureci, nell'Alta Marmilla: tre serate (dal 14 al 16) dedicate al blues e ai suoi più immediati dintorni con Peter Karp & Sue Foley, Paolo Bonfanti, The Cyborgs e Corey Harris. E' invece una new entry "Baranta", tappa conclusiva del circuito di Dromos che trae il nome dalla muraglia preistorica nei pressi di Olmedo: un luogo di confine per un trittico di concerti (il 17, 18 e 19 agosto) di musica dialogica, quella che unisce e non disprezza di contaminarsi, come è nella proposta di Saba Anglana o del gruppo sardo Tzocu.
Paolo Fresu


  • ¡Santa Hispanidad!
Come da tradizione, Dromos è soprattutto musica dal vivo: una regola da rispettare anche in questa edizione con nove concerti serali tutti con inizio alle 22 affidati a grandi artisti internazionali. Si parte sabato 28 luglio nella Piazza San Bernardino di Mogoro, con una sorta di anticipazione del festival nel segno di Omar Sosa. Il grande pianista cubano torna sul palco di Dromos quattro mesi dopo unaltra precedente e fortunata anteprima, il concerto di cui è stato protagonista in duo con Paolo Fresu lo scorso marzo a Oristano sulle tracce di "Alma", il cd pubblicato dai due jazzisti a metà febbraio con la Tuk Music. Stavolta Sosa si presenta alla testa del suo trio con Childo Tomas al basso elettrico e Marque Gilmore alla batteria per proporre il suo nuovo progetto Afri-Lectric Experience.

Il 31 luglio la musica di Dromos si trasferisce a Oristano. Apre la serie di appuntamenti nella città di Eleonora la bella voce di Buika, cantante originaria della Guinea ma nata a Maiorca: un percorso esistenziale che si rispecchia nella sua musica, frutto della miscela di flamenco, soul, hip pop, jazz e sonorità africane.

Il 2 agosto è il grande giorno di Hugh Masekela. Il leggendario trombettista sudafricano - 73 anni compiuti ad aprile, icona della lotta allapartheid condotta e vinta attraverso il linguaggio universale della musica (come la compianta Miriam Makeba, con cui fu sposato tra il 1964 e il66) - approda a Oristano alla testa della sua band (Francis Manneh Fuster, percussioni; Fana Zulu, basso; Cameron Ward, chitarra; Randal Skippers, tastiere e Lee-Roy Sauls, batteria) per quella che al momento è lunica data italiana del suo tour estivo.

Il giorno dopo, venerdì 3 agosto, Dromos si sposta nella vicina Nurachi: qui, sul palco dellArenaPeppetto Pau, è di scena Ondatròpica, progetto nato da unidea del musicista colombiano Mario Galeano, anima del gruppo Frente Cumbiero, e del produttore britannico Will Holland in arte Quantic - che mette insieme una compagine di dodici elementi formata da stelle della musica colombiana della vecchia guardia e contemporanea. Il risultato è una fusione di sonorità tradizionali (come cumbia, porro, gaita e champeta) e ska, beat-box, hip-hop, dub e funk.

Non poteva mancare a Dromos un evento dedicato al flamenco: la musica di origine andalusa è infatti uno dei frutti più conosciuti e universalmente apprezzati di quellhispanidad che ispira quest'anno il cartellone del festival. Così, il 4 agosto....
...

Visualizza intero messaggio

Nessun commento:

Posta un commento