La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

domenica 13 novembre 2011

La ricetta è sempre quella famiglia, amore e fantasia. I 20 anni della Guida critica golosa di Massobrio

La Stampa Costume
13/11/2011 - TENDENZE

La ricetta è sempre quella
famiglia, amore e fantasia

Nella sua guida Paolo Massobrio spiega che molti posti hanno tenuto, malgrado la crisi, grazie al welfare italiano: la famiglia

I 20 anni della Guida critica golosa di Massobrio: «Mi piace l’oste, non il fenomeno»

FRANCESCO RIGATELLI
Dev’esser vero che dei problemi bisogna discutere seduti, riposati e magari a pancia piena. Insomma, dopo pranzo. Almeno viene in mente questo a dar retta al critico gastronomico Paolo Massobrio che, nel presentare i vent’anni della sua «Guida critica golosa», ricorda l’ex premier Berlusconi («Macché crisi! I ristoranti sono pieni!»). Anziché chiudere - è la sintesi - molti posti hanno tenuto. E sapete perché? Come tutti, grazie al welfare italiano: la famiglia. «Poi non è vero che i ristoranti sono sempre pieni come sostiene Berlusconi. Durante la settimana hanno difficoltà. Ma i ristoratori italiani sono creativi, sanno trattare e attrarre la clientela, rimodulano i prezzi».

E se lo dice Massobrio, che in vista del 2012 per la prima volta ha riunito le sue guide di Piemonte, Liguria, Val d’Aosta e Lombardia in un solo volume, c’è da rallegrarsi.

La rilevazione durante l’anno è approfondita. Quaranta collaboratori che non provano mai lo stesso ristorante dell’anno prima. Ognuno cena in venti locali diversi. Massobrio e il suo socio Marco Gatti in almeno 150. Due che, insomma, quando sono in vacanza non vanno certo a cena fuori.

Per loro la tendenza è questa. Lo ripeteranno anche alla rassegna gastronomica Golosaria a Torino il 20 e 21 novembre per presentare la guida. Il ristoratore italiano vero è l’oste, non il fenomeno. «Se al tavolo e ai fornelli preferisce macchine fotografiche e telecamere prima o poi la paga». Così Massobrio ci dà un’altra buona notizia. Di giustizia. «Sulla guida metto solo le esperienze positive. Poi c’è l’application per iPad dove scrivo tutto e sconfino nelle altre regioni. I ristoranti cattivi però non faccio in tempo a perseguirli, perché prima o poi chiudono da soli. La tendenza italiana è in positivo». Questione di valori, di nuove generazioni cui viene affidato il timone dell’attività di famiglia, di ragazzi che imprendono. In questa pagina, di famiglie e di ragazzi ne indichiamo alcuni qui a fianco.

I preferiti di Massobrio: «A Torino - ci racconta ancora - c’erano La vecchia lanterna, I due lampioni, Balbo. Grandi nomi che hanno chiuso, ma sono nati Il consorzio, il Vo, il Sardegna (fa cucina dell’interno) e il Berbel (ottimo pesce). A Milano si andava al Savini, al Boeucc, mentre ora sono preferibili Trussardi, Aimo e Nadia, L’altra isola». Quest’ultimo secondo Massobrio è il migliore in assoluto, perché c’è «il monsignore» Gianni Borrelli ad accogliere, erede della milanesità di Gianni Brera, anche se in cucina ha solo ragazzi cinesi debitamente formati».

Nessun commento:

Posta un commento