La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

martedì 15 novembre 2011

Velázquez e i buffoni a corte, immagini

Velázquez e i buffoni a corte, immagini

Se non fosse per la pittura, e per Velázquez (1599-1660) in questo caso, non avremmo mai conosciuto i visi e i corpi dei buffoni di corte, personaggi che intrattenevano sovrani e principi, nobili e meno nobili, oltre a gente comune, che, tramite la loro arte, rallegravano, anche ma non solo, le giornate altrui. Ed era vera arte, come ci dice Michel de Montaigne nei suoi Saggi: “[...] Così io ho visto i migliori buffoni, vestiti secondo il solito e in atteggiamento comune, offrirci tutto il diletto che si può trarre dalla loro arte; i principianti e quelli che non hanno tale alta maestria, invece, aver bisogno di infarinarsi il viso, di travestirsi e contraffarsi con movimenti e smorfie selvagge per muoverci al riso.” (1)
Di seguito quattro buffoni nei palazzi di  Filippo IV di Spagna (1605-1665), rappresentati proprio dal pennello di Velázquez.
Don Diego de Acedo, detto El Primo, seduto davanti a un libro più grosso di lui, con un barattolo di colla accanto. Aveva avuto piccoli incarichi amministrativi nella corte di Filippo IV.
*****
Don Cristobal de Castañeda y Pernía, detto il Barbarossa, era famoso per il suo carattere forte ed energico, tanto che Filippo IV lo allontanò perché aveva osato ridersi del conte di Olivares.
*****
Francisco Lezcano, detto il ragazzo di Vallecas, soffriva di un handicap genetico che lo portò, ancora giovane, alla morte.
*****
Don Sebastián de Morra, uno dei nani alla corte di Filippo IV, in questo dipinto con espressione seria, rappresenta tutta l’ingiustizia riversata sui buffoni.
*****
1. Michel de Montaigne, Saggi, Adelphi, Milano, 1998, pag. 532.

Nessun commento:

Posta un commento