La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 17 novembre 2011

Settimana della cultura d'impresa alla Biblioteca Nazionale di Roma

Descrizione: cid:image001.jpg@01CCA3CA.0473A1F0
 
 

 
 
 
 
21 novembre, ore 16.00
 
 
Ore 18.00
 
 
UN POETA NELLA CULTURA D’IMPRESA
ATTILIO BERTOLUCCI
 
Enzo Golino, Raffaele La Capria, Lucia Nardi, Gabriella
Palli Baroni, Giorgio Patrizi, Mario Pirani, Sergio Toffetti ricordano Attilio Bertolucci nel centenario della nascita. Un poeta ma anche un mediatore culturale tra il mondo dell’arte e quello delle macchine nella stagione che lo vide collaborare con l’ENI di Enrico Mattei alla direzione della rivista aziendale Il gatto selvatico.
 
 
L’IMPRESA FA CULTURA
 
 
 
 
 
 
 
22-25 novembre ore 17.00
 
Un’esposizione bibliografica che, a partire da Il gatto selvatico, presenta le più significative riviste di matrice industriale uscite tra gli anni Cinquanta e Sessanta, ricordando le figure dei principali artisti, poeti e scrittori che le animarono. Una riflessione sul rapporto tra industria e letteratura ispirata dal fenomeno degli house organ, insieme periodici aziendali e pubblicazioni culturali a pieno titolo.
 
 
 
COMPAGNI DI STRADA.
CINEASTI, INTELLETTUALI E ARTISTI AL CINEMA CON L’IMPRESA
 
Una rassegna dedicata al cinema d’impresa, che ha rappresentato per tutto il ‘900 un settore importante della politica industriale, con il contributo di nomi illustri del cinema e della letteratura. Sguardi d’autore di ieri e di oggi in una selezione che va dal muto al 2000, senza trascurare l’apporto dell’animazione “made in Italy” alle produzioni delle imprese italiane.
 
 



Nessun commento:

Posta un commento