La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

giovedì 13 ottobre 2011

OPUS DEI. IL SEGRETO DEI SOLDI

IN LIBRERIA DAL 12 OTTOBRE 2011

ANGELO MINCUZZI - GIUSEPPE ODDO

OPUS DEI. IL SEGRETO
DEI SOLDI.

Dentro i misteri
dell’omicidio Roveraro

(Serie Bianca / Feltrinelli, pp. 224 e 14)


Gli autori


Angelo Mincuzzi e Giuseppe Oddo sono inviati del “Sole-24 Ore” e si occupano di giornalismo d’inchiesta. È il loro primo libro insieme.

Giuseppe Oddo ha già pubblicato con Giovanni Pons per la Serie bianca L’intrigo. Banche e risparmiatori nell’era Fazio (Feltrinelli 2005). E sempre con Pons, ma per i tipi di Sperling & Kupfer, ha scritto L’affare Telecom. Il caso economico-finanziario più clamoroso della Seconda repubblica.

Angelo Mincuzzi è stato caporedattore del servizio di Economia italiana del “Sole-24 Ore” e attualmente si occupa di cronaca giudiziaria.

In breve


Una grande inchiesta giornalistica su un assassinio dai contorni inquietanti, che svela per la prima volta gli interessi economici e la rete di società, associazioni e fondazioni degli uomini dell’Opus Dei.

Il libro


Nell’estate del 2006 un uomo viene ucciso e fatto a pezzi con un machete dopo essere stato rapito e segregato per due giorni. Sembrerebbe solo il drammatico esito di un fatto di cronaca nera, ma non è così. La vittima è un famoso finanziere dell’Opus Dei, per lungo tempo considerato l’anti Cuccia cattolico, Gianmario Roveraro, che quattro anni prima si era imbarcato in una misteriosa operazione finanziaria internazionale. Il suo assassino è anche il suo socio: arrestato e processato, verrà condannato all’ergastolo. Ma il processo lascia irrisolti inquietanti interrogativi sulla natura dell’affare che Roveraro stava conducendo, anche perché i guadagni di quella operazione finanziaria erano destinati in beneficenza, probabilmente a strutture collegate all’Opus Dei.


Partendo dai risultati dell’inchiesta giudiziaria e indagando sulle relazioni tra i protagonisti, gli autori hanno ripercorso la vita di Roveraro e i suoi rapporti  d’affari, incrinando il muro che cela i meccanismi di reclutamento e finanziamento dell’Opus Dei e svelando una galassia opaca di società controllate e gestite da uomini della Prelatura.

Con il rigore dell’inchiesta giornalistica e il viluppo narrativo proprio del “giallo”, il lettore viene proiettato in un viaggio all’interno di un mondo in cui tutto gira intorno al denaro e alla fede.

Nessun commento:

Posta un commento