La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava

La quercia e la rosa, di Ludovica De Nava
Storia di un amore importante di Grazia Deledda con lettere autografe. Romanzo di Ludovica De Nava

IN TERRITORIO NEMICO

IN TERRITORIO NEMICO
Romanzo storico sulla Resistenza di Pier Luigi Zanata e altri 114 scrittori - metodo Scrittura Industriale Collettiva

Dettagli di un sorriso

Dettagli di un sorriso
romanzo di Gianni Zanata

Informazione Contro!

Informazione Contro!
Blog di controinformazione di Pier Luigi Zanata

NON STO TANTO MALE

NON STO TANTO MALE
romanzo di Gianni Zanata

martedì 25 ottobre 2011

Prosegue al Lazzaretto di Cagliari la mostra dedicata ad Andreas Bentzon




ASSOCIAZIONE CULTURALE ISCANDULA

presenta

Centro Studi Bentzon
Cagliari, Centro Comunale d’Arte e Cultura “Il Lazzaretto”
8 ottobre 2011 > 8 gennaio 2012





Prosegue al Lazzaretto di Cagliari la mostra dedicata ad Andreas Bentzon.
*
Prosegue a Cagliari la mostra dedicata ad Andreas Fridolin Weis Bentzon, l'antropologo danese che studiò le launeddas e le tradizioni della Sardegna tra la fine degli anni Cinquanta e i primi Sessanta. Il Centro Studi Bentzon – questo il titolo dell'evento espositivo allestito al Lazzaretto (in via dei Navigatori, a Sant'Elia) – propone al visitatore le preziose testimonianze raccolte dallo studioso prematuramente scomparso (appena trentacinquenne) nel 1971: registrazioni, fotografie, scritti, documenti audio e video che da tempo rappresentano una fonte indispensabile per la conoscenza della musica tradizionale sarda e in particolare del suo strumento simbolo, le launeddas.

Testimonianze ritornate alla luce e all'attenzione del pubblico e degli studiosi anche grazie all'ultraventennale attività di ricerca e divulgazione portata avanti da Iscandula, l’associazione culturale cagliaritana guidata con passione da Dante Olianas: sue, tra le varie iniziative, la pubblicazione in italiano (nel 2002) del libro "Launeddas", summa delle ricerche di Bentzon, e la produzione del film "Is Launeddas, la musica dei sardi", realizzato dal regista Fiorenzo Serra con i materiali sonori e i filmati registrati dall’antropologo danese nel 1962 e ritrovati vent’anni dopo da Olianas a Copenaghen.

L'esposizione si articola in varie sezioni: la prima ricostruisce con pannelli didascalici le tappe principali della vita di Bentzon e dei suoi viaggi in Sardegna; curata da Uliano Lucas, "Nimbus" propone invece le fotografie che il danese scattò durante le sue spedizioni nell'isola fra il 1955 e il 1962. Ampio spazio per le launeddas, naturalmente: in mostra 87 esemplari dello strumento con le relative schede. Di particolare valore una serie preziosissima di collezioni private di strumenti e attrezzature usate dai suonatori che sono stati informatori del Bentzon: Beniamino Palmas, Antonio Lara, Pasquale Erriu e Aurelio Porcu. Fiore all’occhiello della mostra, le registrazioni che l'antropologo danese ha raccolto sul campo, fra il 1957 e il 1969.

Organizzato dall'associazione culturale Iscandula in collaborazione con la Biblioteca Reale di Copenaghen, il Museo di Danimarca, la Regione Sardegna, la Provincia di Cagliari e l’Assessorato alla Cultura di Cagliari, e il Centro comunale d’arte il Lazzaretto, il Centro Studi Bentzon è aperto al pubblico dal martedì al venerdì con orario continuato, dalle 9 del mattino alle 20; sabato e domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 2o. Chiuso il lunedì. Il biglietto d'ingresso intero costa 5 euro, il ridotto 3. Per informazioni e prenotazioni di visite scolaresche e gruppi, tel. 070 38 38 085. Inaugurato lo scorso 8 ottobre, l'evento espositivo resterà aperto fino all'8 gennaio.

* * *

Info:
ISCANDULA
tel. 070 82 26 10
cell. 348 22 56 594
e-mail: siscandula@tiscali.it
www.launeddas.it

Nessun commento:

Posta un commento